Nessuno può uccidere nessuno. Mai. Nemmeno per difendersi.

 


A Diabolical Game
The US In Bed With Terrorists (By Nico Varkevisser *)
GIOCO DIABOLICO (Nico Varkevisser*)
Gli Stati Uniti intrecciati al terrorismo
On October 16, the Stratfor Website reported that Islamist terrorists held a secret congress in NATO-controlled Bosnia.[1]

To summarize, Strafor reported that:

1) "Russian and Yugoslav intelligence sources claim that more than 150 Islamic radicals from more than 50 countries held a secret congress in Travnik, Bosnia and Herzegovina, on Oct. 8.." Stratfor adds that Strana.ru, "a pro-government Russian media source," also reported that the meeting had taken place "citing 'well-informed diplomatic sources.'"

2) The terrorists supposedly put aside all differences in order to declare a "jihad on the 'European race' - meaning both Americans and Europeans - because it has become 'the willing slaves of Jews and Israel.'"

3) Stratfor comments that, "The fact that the meeting purportedly was held in Bosnia suggests the country may become a center for international Islamic militants to coordinate operations in Europe. This seems especially possible in light of electoral victories by Bosnian Muslim nationalists earlier this month. Muslim Bosnia, unlike Republika Srpska, still is considered friendly to the West and might become an easy locale for Islamist operations as the United States focuses on hunting them in other regions."

Stratfor develops this theme: "In Bosnia and the Balkans in general, Orthodox Christian Serbs remain pariahs to Washington and Western Europe, even after overthrowing former Yugoslavian President Slobodan Milosevic and installing a pro-Western regime. Thus, Serbs rather than Muslims command the main focus of U.S. and European intelligence agencies."

Stratfor gives no sources that we can check for this report. However, we do know that 1) the NATO-backed side in the Bosnian war was fighting to set up an Islamic fundamentalist state; that 2) other Islamic fundamentalist governments were heavily involved in helping their Bosnian comrades and 3) that the Pentagon coordinated the work of these outside fundamentalists. (These points are discussed further, below.) So the idea that terrorists would find Bosnia a likely setting for a meeting is perfectly plausible.

Moreover, there are other reports that the meeting took place; it is mentioned, for example, in an Oct. 11 dispatch from Itar-Tass. Assuming the alleged meeting did take place, Strafor has neglected some crucial points.

First, Strafor suggests that the Islamists held their meeting without the knowledge of Western intelligence agencies. But in fact Bosnia is the last place Islamist groups would be able to get together *on the sly.*

Indeed, we can hardly call Bosnia a country. It is merely an *area* controlled by NATO in general and the US in particular. At the top there is a Lord Protector under the disguised title, 'Representative of the International Community,' who wields virtually all power. He appoints 'ministers' and makes laws; he even chose the design of the 'national' flag. Nothing can happen without his approval. So when Stratfor says that "the country may become a center for international Islamic militants to coordinate operations in Europe", we can hardly believe such a thing would be possible without the consent of the powers who control that area.

So, if the meeting took place, it did so with Great Power complicity. Which brings me to the second point: Islamic fundamentalist terrorism is not simply a problem of some isolated bands of extremists, dangerous only if they are unknown to western security forces.

On the one hand, Islamic fundamentalism is a real ideology (or several closely related ideologies) with totalitarian goals. It has many real adherents and it is trying to remake the world. But on the other hand, it has grown with a good deal of sponsorship from Islamic states, North America and Europe.

If you believe that all the fears about Islam are simply propaganda to justify the war on terrorism, consider these words of the much-celebrated Bosnian leader, Alija Izetbegovic, portrayed in the Western media as a Muslim moderate:[2]

[Start Quote From Alija Izetbegovic's Book]

"The exhaustive definition of the Islamic Order is: the unity of religion and law, education and force, ideals and interests, spiritual society and State, and all of it with the harmonization of spontaneity and obligation.the Muslim does not exist at all as an independent individual. If he wants to live and remain Muslim, he must create an environment, a society, and an order. He must change the world, or he will be the victim of change. History has not seen an Islamic movement that was not at the same time a political movement, because Islam is a religion, but at the same time a philosophy, an ethics, an order, a style, and an environment; that is, a total way of life."

[End Quote From Alija Izetbegovic's Book]

Izetbegovic favors Iranian-style fundamentalism, but the above applies to the Wahabbi school exported from Saudi Arabia and the Arab Emirates and other Islamists as well. I am not speaking of personal religious beliefs. Islam means 'submission' and Islamic fundamentalism regulates all aspects of life. Islamic law, shariat, does *not* distinguish between crime and sin. Or to put it differently, anything which the religious authorities interpret to be a sin becomes a crime.

There is much evidence that Western states have played a double game, sponsoring Islamic fundamentalism to crush secular forces in order to destabilize target nations while at the same time publicly condemning Islamic terror.

Even Stratfor cannot hide the fact that Islamic terrorists have a safe heaven in Bosnia. Thus in the above-quoted report, Strafor says, "Since Sept. 11, 2001, regional governments have rounded up several cells of foreign Islamic militants. But Bosnia has not been among those who succeeded in breaking those cells".

"Not succeeded"? Or *deliberately* not succeeded?

And Straford says Bosnia is a likely center for "international Islamic militants to coordinate operations in Europe" because "In Bosnia and the Balkans in general, Orthodox Christian Serbs remain pariahs to Washington and Western Europe.Serbs rather than Muslims command the main focus of U.S. and European intelligence agencies."

Perhaps to Strafor this is an explanation, but to me it just raises more questions.

*Why* do "Orthodox Christian Serbs remain pariahs to Washington and Western Europe"?

Since there are no terrorists among the Serbian population, whereas there are many terrorists among Bosnian Muslims, *why* would "Serbs rather than Muslims command the main focus of U.S. and European intelligence agencies"?

Unless of course these agencies wish to allow Islamist terrorists to function unhindered in Bosnia, which NATO directly controls!

That Western powers are supporting Islamist terrorism was suggested in an interview, given at the end of October, by the former Czech Foreign Minister, Jiri Dientsbier. (Dientsbier had also been a special UN Human Rights official in Bosnia.)

In the interview with the Prague newspaper, Pravo, Dientsbier said that

"terrorism, including the latest terrorist act in Moscow, did not break out last September when the United States was under attack, it started much earlier in Bosnia, Albania and Kosovo."

Dientsbier said further that, "not only the media but also the politicians, who divided the terrorists into 'good ones' and 'bad ones,' were doing service to terrorism. This is the case with the Chechens and the Kosovo Liberation Army (KLA) as well."

"During the NATO-led bombardment on Yugoslavia, the Kosovo Liberation Army was used as a ground force. The KLA engagement during the NATO-led air strikes on Yugoslavia enabled this organization to rule in Kosovo and mastermind and carry out attacks in Macedonia, southern Serbia and Montenegro," Dientsbier said. Further he said the Albanian extremists had also killed thousands of Albanians, adding that ongoing efforts to arrest those responsible had produced no results.[3]

Other sources also reveal the close co-operation between the US-military and Muslim terrorist groups. The Dutch Institute for War Documentation (NIOD) wrote in its official report last year on Srebrenica that the Pentagon in fact has armed Muslim terrorists. This is what Richard J. Aldrich wrote in The Guardian of April 22, 2002, in an article with the title, "US Sponsored Foreign Islamists In Bosnia":[4]

[Start Excerpt From "US Sponsored Foreign Islamists in Bosnia"]

"The official Dutch inquiry into the 1995 Srebrenica massacre, released last week, contains one of the most sensational reports on western intelligence ever published. Officials have been staggered by its findings and the Dutch government has resigned. One of its many volumes is devoted to clandestine activities during the Bosnian war of the early 1990s. For five years, Professor Cees Wiebes of Amsterdam University has had unrestricted access to Dutch intelligence files and has stalked the corridors of secret service headquarters in western capitals, as well as in Bosnia, asking questions.

His findings are set out in "Intelligence and the war in Bosnia, 1992-1995." It includes remarkable material on covert operations, signals interception, human agents and double-crossing by dozens of agencies in one of dirtiest wars of the new world disorder. Now we have the full story of the secret alliance between the Pentagon and radical Islamist groups from the Middle East designed to assist the Bosnian Muslims - some of the same groups that the Pentagon is now fighting in "the war against terrorism."

.By 1993 these groups, many supported by Iran and Saudi Arabia, were anxious to help Bosnian Muslims fighting in the former Yugoslavia and called in their debts with the Americans. Bill Clinton and the Pentagon were keen to be seen as creditworthy and repaid in the form of an Iran-Contra style operation - in flagrant violation of the UN security council arms embargo against all combatants in the former Yugoslavia.

The result was a vast secret conduit of weapons smuggling though Croatia. This was arranged by the clandestine agencies of the US, Turkey and Iran, together with a range of radical Islamist groups, including Afghan mojahedin and the pro-Iranian Hizbullah. Wiebes reveals that the British intelligence services obtained documents early on in the Bosnian war proving that Iran was making direct deliveries.

Arms purchased by Iran and Turkey with the financial backing of Saudi Arabia made their way by night from the Middle East. Initially aircraft from Iran Air were used, but as the volume increased they were joined by a mysterious fleet of black C-130 Hercules aircraft. The report stresses that the US was "very closely involved" in the airlift. Mojahedin fighters were also flown in, but they were reserved as shock troops for especially hazardous operations.

.The volume of weapons flown into Croatia was enormous, partly because of a steep Croatian "transit tax". Croatian forces creamed off between 20% and 50% of the arms. The report stresses that this entire trade was clearly illicit. The Croats themselves also obtained massive quantities of illegal weapons from Germany, Belgium and Argentina - again in contravention of the UN arms embargo. The German secret services were fully aware of the trade.

Rather than the CIA, the Pentagon's own secret service was the hidden force behind these operations. The UN protection force, UNPROFOR, was dependent on its troop-contributing nations for intelligence, and above all on the sophisticated monitoring capabilities of the US to police the arms embargo. This gave the Pentagon the ability to manipulate the embargo at will: ensuring that American Awacs aircraft covered crucial areas and were able to turn a blind eye to the frequent nightime comings and goings at Tuzla.

Weapons flown in during the spring of 1995 were to turn up only a fortnight later in the besieged and demilitarised enclave at Srebrenica. When these shipments were noticed, Americans pressured UNPROFOR to rewrite reports, and when Norwegian officials protested about the flights, they were reportedly threatened into silence.

.Iranian and Afghan veterans' training camps had also been identified in Bosnia. Later, in the Dayton Accords of November 1995, the stipulation appeared that all foreign forces be withdrawn. This was a deliberate attempt to cleanse Bosnia of Iranian-run training camps. The CIA's main opponents in Bosnia were now the mojahedin fighters and their Iranian trainers - whom the Pentagon had been helping to supply months earlier.

Meanwhile, the secret services of Ukraine, Greece and Israel were busy arming the Bosnian Serbs. Mossad was especially active and concluded a deal with the Bosnian Serbs at Pale involving a substantial supply of artillery shells and mortar bombs. In return they secured safe passage for the Jewish population out of the besieged town of Sarajevo."

[End Excerpt From "US Sponsored Foreign Islamists in Bosnia"]

The close relations between the US and the Muslim terrorist groups is not limited to the Balkans. In the eighties the US and Saudi Arabia sponsored them in Afghanistan against the Soviet Union. Now the same Mujahideen who fought the Russians are back in power under direct US/European control; in other words, Afghanistan is basically in the position of Bosnia.

And, as happened in Bosnia in October, a month earlier Muslim groups from Central Asia held a meeting in US/NATO-controlled Afghanistan.

[Start report from Kyrgyzstan Security Chief][5]

Radical Islamites made an important step for joining their efforts in the struggle for establishing the state, which would be based on Shariat. The state is going to be established on the Fergana Valley. This was said by the chairman of the National Security of Kyrgyzstan, Kalyk Imankulov.

Mr. Imankulov advised that Muslim fundamentalists of the Fergana Valley decided to create a joint organization - the Islamic Movement of the Central Asia. This movement incorporates separatists from Uzbekistan, Kyrgyzstan, Tajikistan, Chechnya and even from China. The headquarters of the new association is reportedly in the Badahshan mountainous area of Afghanistan.

[End report from Kyrgyzstan Security Chief]

So, centered in Bosnia, Muslims apparently organize under NATO's nose to destabilize Europe and in Afghanistan too they hold a unification congress to speed up terrorist actions against Russia.

Behind the farce that the US is fighting terrorism is the reality that they use fascist and reactionary groups as instruments to reshape the political map of the world.

Nico Varkevisser

*FOOTNOTES*

* Nico Varkevisser is a member of the Editorial Board of Emperor's Clothes, Chairman of Global Reflexions in Amsterdam, Director of the Cuban Review and Vice-Chairman of the International Committee to Defend Slobodan Milosevic.

[1] You can read the full report from Strafor at
http://eha.no-ip.org/eHa/183

[2] Izetbegovic, Alija. 1999 [1980]. Le manifeste Islamique (original title: Islamska deklaracija). Beyrouth-Liban: Éditions Al-Bouraq. (pp. 75-76)

[3] http://news.serbianunity.net/bydate/2002/October_30/4.html

[4] http://emperors-clothes.com/analysis/used.htm

[5] http://english.pravda.ru/main/2002/09/16/36647.html

To unsubscribe, which can only be done from an email address which is actually subscribed, click or send an email to unsubscribe@emperor.vwh.net

Il 16 Ottobre il sito Stratfor ha riportato la notizia che i terroristi islamici hanno tenuto un convegno segreto nella zona della Bosnia controllata dalla NATO(1). In sintesi, Statfor ha segnalato che:

1) "Lo spionaggio rosso e yugoslavo hanno scoperto che 150 islamici radicali di 50 pesi, hanno tenuto un convegno segreto a Travnik, in Bosnia Herzegovina, il giorno 8 Ottobre...". Stratfor aggiunge che Strana.ru "un mezzo di informazione filogovernativo russo" ha riportato che il meeting ha avuto luogo "citando-bene infornate fonti diplomatiche-"

2) I terroristi hanno messo da parte tutte le differenze per dichiarare una "guerra santa alla razza europea"- che significa sia americani che europei- perchè è diventata "schiava volontaria degli Ebrei e di Israele".

3) Stratfor commenta che "Il fatto che il convegno sia stato significativamente tenuto in Bosnia suggerisce che quel paese possa diventare il centro del militanti islamici internazionali, per il coordinamento delle operazioni in Europa. Questo sembra specialmente possibile alla luce della vittoria elettorale all'inizio del mese, dei nazionalisti musulmani bosniaci. La Bosnia musulmana, come repubblica Srpska, è ancora considerata amica dell'Occidente e potrebbe facilmente diventare una base locale per le operazioni islamiche, mentre gli Stati Uniti sono concentrati nella loro ricerca in altri Stati."

Stratfor sviluppa la questione:"In Bosnia e nei Balcani in generale i Serbi cristiani ortodossi restano i pariah per Washington e l'Europa, anche dopo la caduta del Presidente Slobodan Milosevic e l'istaurazione di un regime filo-occidentale. Quindi i Serbi piuttosto che i musulmani sono al centro delle attenzioni delle agenzie di spionaggio degli Usa e dell'Europa".

Stratfor non offre le fonti per il controllo di questa notizia. Tuttavia noi sappiamo che. 1) la NATO ha combatuto nella guerra in Bosnia per istaurare uno stato fondamentalista islamico; 2) altri governi islamici sono stati pesantemente coinvolti nell'aiuto ai bosniaci; 3) il Pentagono ha coordinato il lavoro di questi fondamentalisti esterni. Quindi l'idea che i terroristi trovino in Bosnia un ambiente adatto per un convegno, è plausibile.

D'altronde, ci sono altri rapporti sulla realizzazione del meeting; se ne parla per esempio in un dispaccio dell'Itar-Tass dell'11 ottobre. Se il meeting ha avuto luogo, Strafor ha trascurato alcuni punti cruciali.

Primo, Strafor suggerisce che il meeting è avvenuto senza la conoscenza delle agenzie di spionaggio occidentali. nei fatti, la Bosnia è l'ultimo posto nel quale grupi islamici potrebbero essersi incontrati "al volo". In verità, possiamo diffcilmente parlare della Bosnia come a una Nazione. Essa è una mera area controllata dalla NATO e dagli Stati Uniti. A capo della Bosnia c'è un Protettore coll'equivoco titolo di "Rappresentante della Comunità Internazionale", che detiene virtualmente tutto il potere. Nomina ministri e emana leggi; scegle anche il disegno della bandiera"nazionale". Niente può avvenire senza la sua approvazione. Così quando Stratfor dice che "il paese può diventare un centro dei militanti islamici per coordinae le operazioni in Europa", non possiamo credere che ciò sarebbe possibile senza il consenso dei poteri che controllano l'area. Quindi, se il meeting è avvenuto, è con la complicità dei Grande Potere. Il che mi porta al secondo punto: il terrorismo fondamentalista islamico non è semplicemente un problema di bande isolate di estremisti, pericolosi solo se sconosciuti alle forze di sicurezza occidentali. Da una parte, il fondamentalismo islamico è una ideologia (o molte ideologie strettamente correlate fra loro) con obietivi totalitari. Ha molti adepti e sta cercando di rifare il mondo. D'altra parte, è cresciuto con l'aiuto e il sostegno degli Stati islamici, degli Usa e dell'Europa. Se credete che tutte le paure verso l'islam siano semplice propaganda per giustificare la guerra al terrorismo, prendi nota di queste parola del più celebrato leader bosniaco, Alija Izetbegovic, descritto dai media occidentali come un musulmano moderato: (2)

(citazione dal libro di Alija Izetbegovic)

"La definizione esaustiva dell'Ordine Musulmano è: l'unità di religione e legge, educazione e esercito, ideali e interessi, società spirituale e Stato, il tutto con l'armonizzazione fra spontaneità e cogenza. Il musulmano non esiste come individuo indipendente. Se vuole vivere e restare musulmano, egli deve creare un ambiente, una società e un ordine. Deve cambiare il mondo, o sarà vittima del cambiamento.La Storia non ha mai visto un movimento islamico che non fosse anche un movimento politico, perchè l'Islam è una religione, ma allo stesso tempo una filosofia, un'etica, un ordine, uno stile, e un ambiente; cioè un complessivo modo di vivere."

Izetbegovic sostiene il fondamentalismo di tipo iraniano, ma in sostanza applica la scuola Wahabita esportata dall'Arabia saudita e dagli Emitrati Arabi. Non parlo delle credenze religiose individuali. islam significa "sottomissione" e il fondamentalismo islamico regola tutti gli aspetti della vita. Le legge islamica, la sharia, non distingue fra crimine e peccato. Per dirla diversamente, qualunque cosa le autorità religiose interpretano come peccato diventa un crimine.

Ci sono fin troppe evidenze che l'Occidente ha fatto un doppio gioco, sponsorizzando il fondamentalismo islamico nella frantumazione delle forze secolari al fine di destabilizzare certe Nazioni, condannando allo stesso tempo pubblicamente, il terrore islamico.

Anche Stratfor non può anscondere il fatto che i terroristi islamici hanno uno spazio franco in Bosnia. nel prima citato rapporto, Stratfor afferma."Dall'11 settembre, i governi regionali hanno trovato diverse cellule di militanti islamici stranieri. ma la Bosnia non è stata fra quelli che hanno avuto successo nel reprimere queste cellule."

"Non hanno avuto successo"? O "deliberatamente" non sono riuscite?

Stratfor dice che la Bosnia è un centro "dei militanti islamici internazionali per coordinare le operazioni in Europa", perchè "In Bosnia e nei balcani in generale i Serbi cristiani ortodossi restano i pariah per Washington e l'Europa. I Serbi piuttosto che i musulmani sono al centro delle attenzioni delle agenzie di spionaggio degli Usa e dell'Europa." Forse per Stratfor questa è una spiegazione, ma per me solleva nuove domande.

"Perchè" succede che "i Serbi cristiani ortodossi restano i pariah per Washington e l'Europa"?

Poichè non ci sono terroristi fra i Serbi, mentre ci sono molti terroristi fra i musulmani bosniaci, "perchè iSerbi piuttosto che i musulmani sono al centro delle attenzioni delle agenzie di spionaggio degli Usa e dell'Europa."? A meno che queste agenzie vogliano permettere ai terroristi islamici di agire apertamente in Bosnia, che la NATO controlla direttamente!

Che i poteri occidentali stiano supportando il terrorismo islamico fu suggerito da un'intervista, data alla fine di ottobre dall'ex Ministro degli esteri ceco, Jiri Dientsbier (che è stato funzionario in Bosnia per i Diritti Umani delle Nazioni Unite).

In una intervista ad un giornale di Praga, Dientsbier ha detto che " il terrorismo, incluso quello che ha recentemente agito a Mosca, non è saltato fuori con l'attacco dell'11 settembre, ma è partito molto prima in Bosnia, Albania e Kosovo".

Dientsbier ha anche detto:"non solo i media ma anche i politici, che dividono i terroristi in "buoni" e "cattivi", fanno un servizio al terrorismo. Questo vale sia nel caso dei ceceni che del Kosovo Liberation Army(KLA)".

"Durante il bambardamento della NATO sulla Yugoslavia, il KLA fu usato come forza di terra. L'impegno del KLA durante i voli della NATO sulla Yugoslavia, consentì a questa di controllare il Kosovo e portare attacchi in Macedonia, Serbia meridionale e Montenegro" ha detto Dientsbier. Inoltre ha detto che gli estremisti albanesi hanno ucciso migliaia di albanesi, aggiungendo che gli sforzi per arrestare i responsabili non hanno prodotto alcun risultato. (3)

Altre fonti rivelano la stretta cooperazione fra gli Stati Uniti e i gruppi terroristi islamici. L'Istituto Olandese per la documentazione sulla guerra (NIOD) ha scritto nel suo rapporto ufficile su Srebrenica,d ello scorso anno, che il Pentagono di fatto ha armato i terroristi musulmani. Che è quello che ha scritto J.Aldrich sul Guardian del 22 Aprile 2002 in un articlo dal titolo "Gli Usa hanno sponsorizzato gli islamici stranieri in Bosnia"(4):

" L'inchiesta ufficiale olandese sul massacro di Srebrenica del 1995, diffusa l'altra settimana, contiene uno dei più sensazionali rapporti sullo spionaggio occidentale mai pubblicati. I funzionari sono rimasti sconcertati dal rapporto e il Governo si è dimesso. Uno dei molti volumi è dedicato alla attività clandestine durante la guerra in Bosnia negli anni Novanta. Per cinque anni il professor Cees Wiebes dell'Università di Amsterdam ha avuto libero accesso agli archivi dello spionaggio olandese ed ha camminato nei corridoi dei quartieri generali dei servizi segreti delle capitali di Occidente, compresa la Bosnia, ponendo domande.

I suoi risultati stanno in "Spionaggio a guerra in Bosnia, 1992-1995". Il rapporto include notivoli materiali sulle operazioni coperte, l'intercettazione dei segnali, gli agenti e i doppio-giochisti di secine di agenzie in una delle più sporche guerre del nuovo disordine mondiale. Ora abbiamo l'intera storia della alleanza segreta fra Pentagono e gruppi radicali islamici incaricati dal Medio oriente di assistere i musulmani bosniaci - alcuni degli stessi gruppi che il Pentagono ora combatte nella "guerra contro il terrorismo". al 1993 questi gruppi, molti dei quali supportati da Iran e Arabia Saudita, erano ansiosi di aiutare i musulmani bosniaci a combattere la exYugoslavia e furono chiamati a pagare i loro debiti con gli Americani. Bill Clinton e il Pentagono si presentarono come creditori e furono ripagati con un'operazione di stile Iran-Contra- in flagrante violazione dell'embargo sulle armi delle Nazioni Unite verso tutti i combattenti nell'ex.Yugoslavia.

Il risultato fu un vasto giro segreto di armi contrabbandate attraverso la Croazia. Organizzato da agenzie clandestine degli Usa, della Turchia e dell'Iran, assieme a gruppi islamici radicali, inclusi i mujaheddin afgani e gli Hiznullah filo-iraniani. Wiebes rivela che i servizi inglesi ottennero sulla guerra in Bosnia, comprovanti che l'Iran fece consegne dirette.

Le armi comprate da Iran e Turchia con l'aiuo finanziario dell'Arabia Saudita hanno viaggiato di notte dal Medio Oriente. Inizialmente furono usati aerei dell'Iran Air, ma quando il volume è cresciuto, furono sostituiti da una misteriosa flotta di Hercules C-130. Il rapporto afferma che gli Usa erano "molto strettamente coinvolti" nei trasporti aerei. Combattenti mujaheddin furono coinvolti, ma riservati come truppe per operazioni specialmente pericolose.

Il volume di armi volate in Croazia fu enorme, parzialmente perchè erano sottoposti alla "tassa di transito" croata. Le forze armate croate hanno sottratto dal 20 al 50% delle armi in transito. Il rapporto ricorda che l'intero commercio era chiaramente illegale. Gli stessi croati hanno ottenuto massicce quantità di armi illegali da germania, Belgio e Argentina- di nuovo contravvenendo all'embargo delle Nazioni Unite. I servizi segreti tedeschi erano pienamente consapevoli del commercio in atto.

Piuttosto che la CIA, fu il servizio segreto del Pentagonola forza nascosta dietro queste operazioni. la forza di protezione delle Nazioni Unite, UNPROFOR, era dipendente, per lo spionaggio e soprattutto per le sofisticate capacità di monitoraggio, dagli Usa per controllare l'embargo delle armi. Questo diede al Pentagono la possibilità di manipolare l'embargo come voleva: assicurando che gli Awacs coprissero le aree cruciali e potessero chiudere un occhio ai frequenti viaggi notturni su Tuzla.

Le armi volate nella primavera del 1995saltarono fuoti più tardi nella assediata e smilitarizzata enclave di Srebrenica. Quando furono notate, gli americani spinsero UNPROFOR a riscrivere i rapporti, e quando i funzionari norvegesi protestarono per i voli, furono forzati al silenzio.

In Bosnia sono stati identificati anche campi di addestramento per veterani iraniani e afgani. Negli accordi di Daytona del novembre 1995, appariva che tutte le forze straniere si erano ritirate. Questo fu un deliberato di ripulire la Bosnia dei campi di addestramento iraniani. I principali appositori della CIA in Bosnia erano ora i combattenti mujaheddin e i loro addestratori iraniani- dei quali il Pentagono era stato il sostenitore pochi mesi prima.

Nel frattempo, i servizi segreti di Ukraina, Grecia e Israele erano occupati ad armare i Serbi bosniaci. Il Mossad fu particolarmente attivo e concluse affari con i Serbi di Bosnia a Pale, relativi alla fornitura di artiglieria e bombe.

In cambio, si assicurò un passaggio sicuro per la popolazione ebraica nell'uscita dala Serajevo assediata."

 

Le strette relazioni fra Usa e gruppi terrorristi musulmani non sono limitate ai Balcani. negli Anni Ottanta gli Usa e l'Arabia Saudita li hanno sponsorizzati in Afghanistan, contro l'Unione Sovietica. Ora gli stessi mujaheddin che combatterono la Russia sono al potere sotto il diretto controllo degli Usa e dell'Europa; in altre parole l'Afghanistan è nella stessa posizione della Bosnia.

E, come accadde in Bosnia in Ottobre, un mese prima gruppi di Musulmani dell'Asia centrale hanno tenuto un meeting nell'Afghanistan controllato da Usa e NATO.

I radicali islamici hanno fatto un importante passo nella lotta per uno Stato che sarebbe basato sulla Sharìa. Lo Stato sta per nascere nella valle Fergana. Questo è ciò che ha detto il Capo della Sicurezza Nazinale del Kyrgyzstan, Kalyk Imankulov (5).

Il signor Imankulov ha avvisato che i fondamentalisti musulmani della valle fergana hanno deciso di creare una organizzazione: il Movimento islamico dell'Asia Centrale. Il movimento incorpora separatisti dell'Uzbekistan, Kyrgyzstan, Tajikistan, Chechenya e anche Cina. Il quartier generale della nuova organizzazione è nell'area montagnosa di badahshan nell'Afghanistan.

Così, in Bosnia i musulmani si organizzano sotto il naso della NATO per destabilizzare l'Europa, e in Afghanistan tengono un congresso di unificazione per preparare azioni terroristiche contro la Russia.

Ditero la farsa che gli usa stanno combattendo il terrorismo, la realtà è che essi usano gruppi fascisti e reazionari come strumenti per ridisegnare la mappa politica del mondo.

Nico Varkevisser

NOTE

* Nico Varkevisser is a member of the Editorial Board of Emperor's Clothes, Chairman of Global Reflexions in Amsterdam, Director of the Cuban Review and Vice-Chairman of the International Committee to Defend Slobodan Milosevic.

[1] You can read the full report from Strafor at
http://eha.no-ip.org/eHa/183

[2] Izetbegovic, Alija. 1999 [1980]. Le manifeste Islamique (original title: Islamska deklaracija). Beyrouth-Liban: Éditions Al-Bouraq. (pp. 75-76)

[3] http://news.serbianunity.net/bydate/2002/October_30/4.html

[4] http://emperors-clothes.com/analysis/used.htm

[5] http://english.pravda.ru/main/2002/09/16/36647.html

To unsubscribe, which can only be done from an email address which is actually subscribed, click or send an email to unsubscribe@emperor.vwh.net