Tenetemi aggiornato

La nostra rivista: Loisir
TEA (Team Eventi Animazione)
Entra nel Web con questa Pagina

cc c


ERGOPOLIS

 

 

Le linee progettuali che vengono di seguito delineate rappresentano lo sviluppo del Progetto INSIEME di titolarità del Comune di Carugate (Milano) che nel 1998-1999 ha realizzato azioni a favore di giovani e adulti nell’ottica dell’incremento di competenze di comunità nella promozione del benessere e nella prevenzione del disagio giovanile.   PROGETTO INSIEME LINEE DI INTERVENTO 2000-2002 Titolarità: Comune di Carugate (MI) - Assessorato ai Servizi Sociali e Cultura Partner: Istituzioni partecipanti alla Consulta: Scuola Elementare e Media, Biblioteca Comunale, Parrocchia, Associazione Genitori, etc. Responsabile Politico: Consigliere delegato alla Cultura sig. Paolo Molteni Referente Comunale: A.S. Serena Gaiani   Finalità Il progetto intende favorire e sviluppare il coinvolgimento attivo e la partecipazione dei cittadini (giovani e adulti) nella promozione di una migliore qualità della vita comunitaria. In questo senso le finalità del progetto INSIEME possono essere individuate in:   Obiettivi Nel prossimo triennio il progetto intende perseguire i seguenti obiettivi:
  1. potenziare le competenze di giovani e adulti in relazione alla progettazione e gestione di azioni in ambito preventivo al disagio giovanile
  2. consolidare e sviluppare le relazioni fra le agenzie educative, culturali, ricreative esistenti nel territorio comunale
  3. offrire occasioni di aggregazione, ricreazione, divertimento per adolescenti e giovani
  4. sviluppare la partecipazione attiva dei cittadini alla gestione della comunità.
  Articolazione Il Progetto si articola in 3 Settori di Intervento con 10 SottoProgetti previsti: Settore Psicologia di Comunità
  1. Costituzione Staff Tecnico di Coordinamento, formato dalla Referente Comunale, dal Consulente e dagli operatori Aiatel, da rappresentanti indicati da Enti e Associazioni appartenenti al territorio
  2. Sviluppo della Consulta di Indirizzo con compiti di sensibilizzazione-promozione del Progetto e di precisazione dei criteri e indicatori di Verifica e Valutazione dello stesso
  3. Attivazione di una Consulta Giovanile Comunale, con compiti di analisi della realtà giovanile e di indicazione di priorità rispetto all’avvio delle azioni
  4. Costituzione di un gruppo di giovani per la realizzazione di un Ricerca/Intervento sul benessere giovanile e il tempo libero (Monitor di Comunità)
  5. Settore Animazione&Giovani
  6. Costituzione di un gruppo Giovani che realizzi direttamente e/o con il coinvolgimento di altri Enti e Associazioni attività quali:
  7. - animazione a favore di adolescenti e giovani - scambi giovanili sia a livello regionale che nazionale - promozione e l’avvio di una Banca del Tempo e del Volontariato - creazione di un sito del Progetto per la diffusione delle informazioni e l’avvio di rapporti con altri gruppi giovanili e/o Progetti Giovani
  8. Costituzione di una Consulta Giovani Artisti che raccolga tutti coloro che nel territorio comunale utilizzano il tempo libero attraverso forme espressive (grafiche, pittoriche, multimediali, musicali, etc.)
  9.   Settore Formazione Adulti
  10. Realizzazione di un Master Genitori (80 ore complessive) rivolto ad adulti interessati a sviluppare le loro competenze educative in relazione al ruolo genitoriale e disposti, al termine del percorso, a mettersi a disposizione della comunità per la realizzazione di iniziative a favore di altri genitori
  11. Sviluppo delle attività del Forum delle Associazioni con riferimento ad es. alla realizzazione della 2a edizione della Fiera delle Associazioni, alla ideazione e produzione di una Guida del Volontariato, alla progettazione di iniziative congiunte a favore di giovani e adulti
  12. Realizzazione di un Corso di Formazione (40 ore) alla competenze educative per Volontari delle Associazioni (sportive, culturali, sociali)
  13. Costituzione di un gruppo di Insegnanti per la Prevenzione e realizzazione di un percorso di formazione (60 ore) per gli Insegnanti stessi all’incremento di capacità cosiddette aspecifiche per la gestione del gruppo-classe in chiave di prevenzione del disagio