IL COMPORTAMENTO AGGRESSIVO IN CLASSE

Un comportamento aggressivo, come ogni altro comportamento è leggibile come risultato di una personalità individuale (lettura tradizionale). Secondo questa lettura è il singolo individuo ad essere aggressivo, quindi va emarginato, punito o rimosso. La spiegazione regge quando il comportamento è riscontrabile a) in singoli soggetti ; b)in situazioni diverse c) in luoghi diversi.
Ma lo stesso comportamento è leggibile anche come risultato di una situazione. L'aggressività di uno o più soggetti allora diventa il sintomo di una disfuzione del sistema in cui i soggetti sono inseriti ("campo di forze"). La situazione che influenza il comportamento in classe è determinato da tre fattori: l'Istituzione, il docente, i compagni.

  • L'istituzione influenza con gli orari, gli spazi, le regole, i contenuti dei programmi, la didattica
  • Il docente influenza col comportamento e la relazione
  • I compagni influenzano con le relazioni fra pari e come gruppo

La modificazione del comportamento aggressivo si può ottenerein modi diversi:

  • con interventi individuali sul portatore del comportamento (repressione, seduzione, indifferenza, emarginazione, stigmatizzazione, ecc.; azioni sul campo "esterno alla scuola" del soggetto: famiglia, ASL, volontariato, ecc.)
  • con interventi sulle variabili (una o più) dell'Istituzione
  • con modificazioni de comportamento del docente e della sua relazione col soggetto
  • con interventi sul gruppo classe

Tassonomia del interventi sul gruppo classe:

  • Metodo (organizzazione per gruppi, sottogruppi e coppie, sistema premiante, peer education)
  • Processi (attenzione alle comunicazioni, attribuzione di "compiti" speciali)
  • Dinamiche (autocentratura strutturata: grafica, corpo, teatro, ecc.)

l'aggressività in classe è più spesso un effetto del "campo" che una patologia individuale