)

Ergopolis


RICERCA SUL BURN-OUT DEGLI OPERATORI SOCIALI


Lo strumento è stato messo a punto da ARIPS ed è stato usato in numerose organizzazioni. Per una consulenza relativa alla somministrazione, alla decodifica e all'interpretazione, contattare ARIPS. SE VUOI PARTECIPARE STAMPA IL QUESTIONARIO, COMPILALO E INVIALO A ARIPS (v.le Brescia, 6 -25080 Molinetto di Mazzano - BS). Riceverai gratuitamente una breve interpretazione.

Il presente questionario si propone di conoscere il livello, la qualità e l'eziologia degli stati di  "disagio lavorativo", come sono percepiti dagli "operatori sociali".

Con tale termine intendiamo qui estensivamente comprendere tutti coloro che lavorano avendo la “relazione con l’utente” o la  “relazione” in genere, fra gli impegni principali.

Lo strumento è anonimo e va compilato in ogni parte, dopo un'attenta e magari ripetuta lettura.

1.
Da che anno lavora nel posto attuale?  
1 9 |__|__|
2.
Da che anno svolge la professione/attività attuale? 
1 9 |__|__|
3.
Prima di questa attività, ne svolgeva un'altra? 
SI |__|   NO |__|
4.
Se si, quale?
  ________________________________
5.
Per quanti anni ha svolto l'attività precedente?  
n. anni |__|__|
6.

Attualmente svolge altre attività continuative? (professione, consulenze saltuarie,     perizie, ripetizioni private, pubblicistica, volontariato, ecc.)       

    SI |__|   NO |__|
7.
Consideri il lavoro che svolge durante una settimana-tipo. Per ciascuna delle attività sotto elencate indichi in PERCENTUALE il tempo che vi dedica APPROSSIMATIVAMENTE. Se trova attività che Le sono estranee,  indichi 0. Controlli, al termine, che la somma delle percentuali dia 100:
a)
insegnamento
___%
b)
terapia
___ %
c)
  attività di controllo 
___ %
d)
attività educative 
___ %
e)
burocrazia 
___ %
 f)
programmazione
___ %
g)
colloqui
___ %
h)
contatti-visite
___ %
i)
riunioni
___ %
l)
diagnosi
___ %
m)
aggiornamento-letture 
___ %
n)
verifiche-valutazioni 
___ %
  TOTALE     
   1 0 0 %
8.
Questa domanda richiede una risposta come la precedente: indichi una PERCENTUALE approssimata per  ciascuna voce:
a)
il mio lavoro lo svolgo "da solo" al   
 ___ %
b)
in coppia con altri colleghi lavoro al   
___ %
c)
  al lavoro d'equipe dedico un tempo pari al 
  ___ %
TOTALE     
1 0 0 %
9.
Anche questa domanda è come la precedente: indichi una PERCENTUALE approssimativa, controllando che il  totale dia 100:
a)
il  tempo  che dedico al lavoro "a tavolino" per programmi, verifiche, relazioni, correzioni,  letture, ecc. è pari al 
 ___ %
b)
 il tempo che dedico al telefono per contatti esterni ed interni è pari al 
  ___ %
c)
il  tempo  che dedico a riunioni-incontri con colleghi, superiori centrali o periferici o subal  terni è pari al 
___ %
d)
dai miei "utenti" diretti dedico all'incirca un tempo pari al
___ %
e)
per  riunioni e contatti con la comunità esterna (famiglie, politici, amministratori tecnici  di  altre organizzazioni, ecc.) 
___ %
TOTALE
___ %
10.
Negli ultimi 6 mesi hai subito particolari traumi personali o familiari? (lutto, malattia grave, incidente,     separazione dal partner, sfratto, ecc.)
  SI |__|  NO |__|
11.
Utilizzando il medesimo sistema della PERCENTUALE, indichi con quali persone ha più spesso “relazioni” nella Sua attività lavorativa
a)
bambini
--- %
b)
adolescenti
 --- %
c)
giovani
--- %
d)
adulti
--- %
e)
anziani
--- %
TOTALE
100%
11.
Cerchi  ora di fare un bilancio generale della Sua attività lavorativa. Prenda in esame i vantaggi  e  gli     svantaggi, sia economici, che normativi, che psicologici poi scelga UNA delle seguenti proposizioni (scelga  quella che più condivide)
a)
tutto sommato sono soddisfatto di quello che faccio, del posto in cui sono e dei risultati che  ottengo; sono contento di questo lavoro e di questo posto; non cambierei per nessuna ragione, anche se ho  spesso problemi e difficoltà da superare
b)
non tutto mi piace dove lavoro; ci sono cose che preferirei non fare e persone che preferirei non  vedere; ho parecchi problemi, ma ho anche soddisfazioni; ci sono delle cose positive nel mio lavoro;  accetterei di cambiare solo per un lavoro simile
c)
qui dove sono ho pochi vantaggi; non sono nemmeno sicuro che il mio lavoro mi piaccia ancora; è faticoso e non riconosciuto; forse, se mi offrissero di cambiare....
d)
ho  sbagliato tutto, non vedo l'ora di andarmene; ho fatto una pazzia a fare questo lavoro e  in  questo posto; sto cercando una soluzione e presto la troverò
11.
In che PERCENTUALE il Suo lavoro si svolge con:
a)
individui 
--- %
b)
coppie 
--- %
c)
famiglie
--- %
d)
gruppi
  --- %
TOTALE
   100 %
12.

Pensando  agli ultimi sei mesi, cerchi di indicare se Le è capitato di sentire o fare le cose indicate  di     seguito.  Segni  con una X le voci che indicano sentimenti o fatti che Le sono capitati più spesso o con  più intensità:

a)
la mattina, andare al lavoro, è un grosso sforzo per me                  
b)
il lavoro che faccio, in fondo, è del tutto inutile       
c)
quando penso al lavoro sento rabbia e risentimento    
d)
il lavoro mi serve solo per sopravvivere economicamente          
e)
   non riesco a trovare niente di positivo nel lavoro che faccio       
f)
la mia vita vera è al di fuori del lavoro; lì mi basta riuscire a farmi i fatti miei          
g)
durante la giornata di lavoro mi sento stanchissimo/a           
h)
ogni giorno non vedo l'ora che arrivi il momento di andare a casa    
i)
dopo una giornata di lavoro mi sento distrutto/a 
j)
in verità coloro con cui ho rapporti sul lavoro non mi piacciono molto                     
k)
appena posso cerco di evitare i "contatti" con gli utenti             
l)
penso che i miei utenti non siano tanto "belli"  
m)
faccio molta fatica ad "ascoltare" veramente ciò che vogliono dirmi gli utenti   
n)
mi sembra di essere sempre allo stesso punto, di non fare progressi            
o)
in fondo, se i miei utenti non traggono vantaggi dal mio aiuto, è colpa loro                         
p)
ciò che contano, alla fine, sono soprattutto le formalità (procedure, regolamenti, schede, ecc.) 
q)
mi addormento con difficoltà e dormo poco e male    
r)
coi colleghi cerco di evitare ogni discussione       
s)
sul lavoro la cosa che mi importa di più è "star bene", stare in pace, farmi i fatti miei    
t)
penso  che  ci vorrebbero più misure di controllo sul comportamento dei miei utenti  (più  disciplina,  più punizioni, più psico-farmaci, ecc.)        
u)
soffro spesso di influenze, allergie, mal di testa, disturbi intestinali        
v)
faccio fatica a cambiare opinione e non sopporto l'idea di dover cambiare qualcosa nel mio lavoro     
w)
sono molti, sul lavoro, quelli che ce l'hanno con me o non mi stimano    
x)
prendo pillole di ogni genere           
y)
appena posso mi assento dal lavoro adducendo motivi familiari, o di salute, o altro               
z)
in famiglia sono irritabile e litigioso/a; oppure ho problemi col partner  
13.
Che tipo di “disturbo” hanno i Suoi utenti:
a)
nessuno
--- %
b)
handicap fisico
--- %
c)
handicap psichico
--- %
d)
alcolismo/tossicodip.
--- %
e)
altro (spec)........................
--- %
13.
Di seguito elenchiamo alcune delle motivazioni che in genere spingono le persone a scegliere  un'attività.     Le  chiediamo di pensare in che misura ciascuna di queste ha influenzato la Sua scelta, QUANDO HA  INIZIATO     l'attuale occupazione (1=per niente; 4=completamente)
a)
fare qualcosa di utile per gli altri
1 2 3 4
b)
fare qualcosa di significativo sul piano civico/politico
1 2 3 4
c)
fare qualcosa di culturalmente avanzato
1 2 3 4
d)
avere un posto sicuro e retribuito sufficientemente
1 2 3 4
e)
per caso o perchè non avevo altra scelta
1 2 3 4
f)
per avere una posizione sociale di prestigio
1 2 3 4
g)
per evitare lavori manuali o ripetitivi
1 2 3 4
h)
per la soddisfazione che si prova nel "plasmare" utenti che hanno bisogno di me
1 2 3 4
i)
perchè questo lavoro mi consentiva anche di "lavorare" su di me
1 2 3 4
l)
per seguire l'esempio di una persona che stimavo
1 2 3 4
m)
per frequentare un ambiente e dei colleghi stimolanti
1 2 3 4
14.
Negli ultimi 6 mesi hai subito particolari traumi personali o familiari? (lutto, malattia grave, incidente, separazione dal partner, sfratto, ecc..)
  SI |__|     NO |__|
15.
Ora pensi ai motivi che La trattengono nell'ATTUALE OCCUPAZIONE, cioè La invitano a NON cambiare.  Indichi     per ciascuno dei motivi sottoelencati, il grado di influenza che hanno sulla scelta di permanere in  questa     occupazione (1=nessuna; 4=totale influenza). RESTO QUI PERCHE`:
a.
il mio lavoro è utile agli altri
1 2 3 4
b.
il mio lavoro ha un valore civico/politico
1 2 3 4
c.
il mio lavoro è culturalmente avanzato
1 2 3 4
d.
ho un posto sicuro e guadagno il sufficiente
1 2 3 4
e.
non sapere cosa fare d'altro o dove andare
1 2 3 4
f.
godo di stima e prestigio sociale
1 2 3 4
g.
il mio lavoro non è manuale ed è poco monotono
1 2 3 4
h.
mi sembra di riuscire a "plasmare" i miei utenti
1 2 3 4
i.
questo lavoro mi consente di crescere ogni giorno
1 2 3 4
l.
le persone che stimo di più fanno questo lavoro
1 2 3 4
m.
ambiente di lavoro e colleghi sono stimolanti
1 2 3 4
16.
Cerchi ora di fare un bilancio generale della Sua attività lavorativa. Prenda in esame i vantaggi e gli svantaggi, sia economici, che normativi, che psicologici, poi scelga UNA  delle seguenti proposizioni: scelga quella che più condivide:
a)
tutto sommato sono soddisfatto di quello che faccio, del posto in cui sono e dei risultati che ottengo; sono contento di questo lavoro e di questo posto; non cambierei per nessuna ragione, anche se ha spesso problemi e difficoltà da superare
b)
non tutto mi piace dove lavoro; ci sono cose che preferirei non fare e persone che preferirei non vedere; ho parecchi problemi, ma ho anche soddisfazioni; si  sono delle cose positive nel mio lavoro; accetterei di cambiare solo per un lavoro simile
c)
qui dove sono ho pochi vantaggi; non sono nemmeno sicuro che il mio lavoro mi piaccia ancora; è faticoso e non riconosciuto; forse, se mi offrissero di  cambiare…
d)
ho sbagliato tutto, non vedo l’ora di andarmene; ho fatto una pazzia a fare questo lavoro ed in questo posto; sto cercando una soluzione e presto la troverò
17.
Di  seguito  troverà alcune frasi che esprimono opinioni diffuse, specie fra i giovani  operatori.  Scelga  quelle che condivideva PRIMA di iniziare la sua attuale attività
a)
sono certo/a che potrò fare molto per aiutare i miei futuri utenti   
b)
una volta che avrò iniziato il lavoro molti miei problemi spariranno     
c)
chiunque (quindi anch'io) può fare questo lavoro purchè lo voglia     
d)
sono certo/a che ogni giorno vedrò piccoli progressi nei miei utenti                  
e)
agli utenti basterà vedere che mi impegno per loro, per impegnarsi a loro volta    
f)
so bene cosa devo fare e come impostare i rapporti con gli utent
g)
gli utenti mi saranno grati se vedranno quanto mi impegno per loro         
h)
sto per iniziare un lavoro significativo e per nulla routinario    
i)
sono certo/a che questo lavoro mi farà fare cose concrete e precise    
l)
i colleghi, l'Istituzione, i dirigenti saranno miei alleati  
m)
si tratta di un lavoro di ricerca, studio e approfondimento  
18.
Pensando agli ultimi sei mesi, cerchi di indicare se Le è capitato di fare le cose indicate di seguito. Segni con una X le voci che indicano sentimenti o fatti che Le sono capitati più spesso o con più intensità:
a)
la mattina, andare al lavoro, è un grosso sforzo per me
b)
  il lavoro che faccio, in fondo, è del tutto inutile
c)
quando penso al lavoro mi sento rabbia e risentimento
d)
il lavoro mi serve solo per sopravvivere economicamente
e)
non riesco a trovare niente di positivo nel lavoro che faccio
f)
  la mia vera vita è al di fuori del lavoro; lì mi basta riuscire a farmi i fatti miei
g)
durante la giornata di lavoro mi sento stanchissimo/a
h)
ogni giorno non vedo l’ora che arrivi il momento di andare a casa
i)
   dopo una giornata di lavoro mi sento distrutto/a
j)
in verità coloro con cui ha rapporti sul lavoro non mi piacciono molto
k)
appena posso cerco di evitare i “contatti” con gli utenti
l)
penso che i miei utenti siano tanto “belli”
m)
faccio molta fatica ad “ascoltare” veramente ciò che vogliono dirmi gli utenti
n)
  mi sembra di essere sempre allo stesso punto, di non fare progressi
o)
   in fondo, se i miei utenti non traggono vantaggi dal mio aiuto, è colpa loro
p)
ciò che contano, alla fine, sono soprattutto le formalità (procedure, regolamenti, schede, ecc..)
q) 
mi addormento con difficoltà e dormo poco e male
r)
coi colleghi cerco di evitare ogni discussione
s)
sul lavoro la cosa che mi importa di più è “star bene”, stare in pace, farmi i fatti miei
t)
penso che ci vorrebbero più misure di controllo sul comportamento dei miei utenti  (più disciplina, più punizioni, più psico-farmaci, ecc..)
u 
soffro spesso di influenze, allergie, mal di testa, disturbi intestinali
v)
faccio fatica a cambiare opinione e non sopporto l’idea di dover cambiare qualcosa del mio lavoro
w)
sono molti, sul lavoro, quelli che ce l’hanno con me o non  mi stimano
x)
prendo pillole di ogni genere
y)
appena posso mi assento dal lavoro adducendo motivi familiari, o di salute, o altro
z)
in famiglia sono irritabile e litigioso/a; oppure ho problemi col partner
19.
Dopo questi mesi o anni di lavoro, indichi fra le seguenti affermazioni, quelle con cui si trova  d'accordo     ORA (è sufficiente un accordo di massima)
a.
mi sembra di servire poco o nulla agli utenti        
b.
col lavoro, non solo i miei problemi non sono spariti, ma sono aumentati
c.
questo lavoro non è per tutti e nemmeno io sono sicuro di essere adatto        
d.
i progressi degli utenti o non si vedono o si vedono in tempi lunghissimi      
e.
perlopiù gli utenti non sono disposti ad utilizzare il mio aiuto          
f.
sono sempre gli utenti a definire il mio ruolo ed i miei confini                   
g.
per gli utenti sono solo un lavoratore pagato per stare al loro servizio      
h.
la parte di routine e monotonia nel mio lavoro è molto grande
i.
il lavoro mi sembra confuso ed astratto, nessuno sa darmi indicazioni precise                
l.
i colleghi, l'Istituzione, i dirigenti se ne fregano di me   
m.
ricerca, studio e approfondimento sono quasi impossibili, dove lavoro io
20.
Di seguito elenchiamo alcune delle motivazioni che in genere spingono le persone a scegliere un’attività. Le chiediamo di pensare in che misura ciascuna di queste ha influenzato la Sua scelta, QUANDO  HA INIZIATO  l’attuale occupazione (1= per niente; 4=completamente)
a)
fare qualcosa di utile per gli altri
1 2 3 4
b)
fare qiualcosa di significativo sul piano civile/politico
1 2 3 4
c)
fare qualcosa di culturalmente avanzato
1 2 3 4
d)
avre un posto sicuro e retribuito sufficientemente
1 2 3 4
e)
per caso o perchè non avevo altra scelta
1 2 3 4
f)
per avere una posizione sociale di prestigio
1 2 3 4
g)
per evitare lavori manuali o ripetitivi
1 2 3 4
h)
per la soddisfzione che si prova nel "plasmare" utenti che hanno bisogno di me
1 2 3 4
i)
perchè questo lavoro mi consentiva anche di "lavorare" su di me
1 2 3 4
l)
per seguire l'esempio di una persona che stimavo
1 2 3 4
m)
per frequentare un'ambiente e dei colleghi stimolanti
1 2 3 4
21.
Indichi  fra  le seguenti frasi, quelle che negli ultimi sei mesi, si è detto/a più  spesso  (segni  solo     quelle che Le capita di ripetersi più volte)
a)
che cosa sto facendo? chi me lo fa fare?
b)
sto sacrificando troppo il "mio" privato        
c)
in fondo per le "tre lire" che mi danno           
d)
certi miei utenti, certi colleghi, certi dirigenti guadagnano come o più di me senza "sbattersi"  tanto     
e)
quale carriera mi aspetta? posso andare avanti in questo posto per vent'anni? 
f)
forse mi conviene guardarmi in giro o riprendere a studiare non si sa mai 
g)
non riesco ad essere utile ai miei utenti          
h)
nel mio territorio è impossibile fare un buon lavoro        
i)
l'Istituzione non offre alcun valido appoggio, anzi          
j)
tutta l'organizzazione in cui lavoro, non risponde alle reali esigenze degli utenti
k)
superiori, dirigenti e politici non hanno alcun apprezzamento per il mio lavoro    
l)
gli utenti non hanno quasi alcun apprezzamento per ciò che faccio
m)
schede, relazioni, rapporti scritti mi soffocano           
n)
sono impreparato per il lavoro che faccio, e si vede     
o)
a causa del mio sesso, ho più problemi degli altri, nel mio lavoro
p)
non  so mai cosa devo fare io e cosa devono fare gli altri (colleghi, amministratori, dirigenti,  consulenti, etc.)
q)
nel territorio il mio prestigio  è quasi zero             
r)
i rapporti coi colleghi sono inesistenti o negativi          
s)
verso il lavoro provo spesso noia o nausea         
t)
l'importante è evitare problemi, sul lavoro    
u)
i casi difficili, le riunioni, gli straordinari se li facciano gli altri
v)
meno impegno possibile, sia mentale che temporale           
w)
ora mi defilo, mi dò per occupatissimo         
x)
devo cercare di farmi dare un incarico di tutto riposo   
z)
quanto mi manca per la pensione minima (o per la fine del servizio civile)?
22.
Ora pensi ai motivi che La trattengono nell’ATTUALE OCCUPAZIONE, cioè La invitiamo a NON cambiare. Indichi per ciascuno dei motivi sottoelencati, il grado di influenza che hanno sulla scelta di permanere in questa occupazione (1=nessuna; 4= totale influenza).
RESTO QUI PERCHE’:
a)
il mio lavoro è  utile per gli altri
1 2 3 4
b)
  il mio lavoro ha un valore civile/politico
1 2 3 4
c)
   il mio lavoro è  culturalmente avanzato
1 2 3 4
d)
ho un posto sicuro e retribuito sufficientemente
1 2 3 4
e)
  non sapere cosa fare d’altro o dove andare
1 2 3 4
f)
godo di stima e prestigio sociale
1 2 3 4
g)
il mio lavoro non è manuale ed è poco monotono
1 2 3 4
h)
mi sembra di riuscire a “plasmare” i miei utenti
1 2 3 4
i)
   questo lavoro mi consente di “crescere” con me
1 2 3 4
j)
le persone che stimo di più fanno questo lavoro
1 2 3 4
k)
un ambiente di lavoro e colleghi stimolanti
1 2 3 4
22.
Indichi fra le voci seguenti quelle che Le sembrano più decisive per migliorare la Sua situazione  lavora    tiva. Scelga le 5 voci che dovrebbero cambiare PRIMA e PIU` radicalmente:
a)
alcuni tratti del mio carattere
b)
le mie competenze professionali
c)
molti colleghi di lavoro
d)
il dirigente (o più di uno)
e)
la mentalità degli utenti
f)
la cultura del territorio
g)
i gestori politici della mia organizzazione
h)
la normativa vigente
i)
i mezzi che ho a disposizione per lavorare
l)
la mia retribuzione
m)
il mio contratto di lavoro
n)
il mio titolo di studio
o)
il mio orario di lavoro
p)
il mio luogo di lavoro
q)
l'attuale organizzazione del lavoro in cui sono inserito
23.
Di seguito troverà alcune frasi che esprimono opinioni diffuse, specie fra i giovani operatori. Scelga quelle che condivideva PRIMA di iniziare la sua attuale attività:
a)
sono certo che potrò fare molto per aiutare i miei futuri utenti
b)
una volta che avrò iniziato il lavoro molti miei problemi spariranno
c)
  chiunque (quindi, anch’io) può fare questo lavoro purché lo voglia
d)
sono certo/a che ogni giorno vedrò piccoli progressi nei miei utenti
e)
agli utenti basterà vedere che mi impegno per loro, per impegnarsi a loro volta
f)
so bene cosa devo fare e come impostare i miei rapporti con gli utenti
g)
gli utenti mi saranno grati se vedranno quanto mi impegno per loro
h)
sto per iniziare un lavoro significativo e per nulla routinario
i)
sono certo/a che questo lavoro mi farà fare cose concrete e precise
l)
i colleghi, l’Istituzione, i dirigenti saranno miei alleati
m)
si tratta di un lavoro di ricerca, studio e approfondimento
24.
Di  seguito troverà alcune attività o progetti utili a superare situazioni di crisi  lavorativa.  Indichi     per  ciascuna voce se ha fatto l'azione indicata (SI), se non l'ha fatta (NO), se la farà in  un  prossimo     futuro  (LO FARO`). Indichi LO FARO` solo se si tratta di una cosa decisa per un tempo ravvicinato, non  se     è solo un auspicio:
 SI   NO  LO FARO`
a)
ho partecipato ad iniziative di formazione o aggiornamento promosse dalla mia organizzazione
|__| |__|   |__|
b)
ho partecipato ad iniziative di formazione o aggiornamento di mia iniziativa e fuorii dalla mia organizzazione
|__| |__|   |__|
c)
ho partecipato ad iniziative di supervisione o ho fatto uso di un consulente  (servizi forniti dalla mia organizzazione)
|__| |__|   |__|
d)
ho  partecipato ad iniziative di supervisione o ho fatto uso di un  consulente  (di  mia iniziativa e al di fuori della mia organizzazione)
|__| |__|   |__|
e)
ho discusso i miei problemi di lavoro in riunioni formali col dirigente o coordinatore della mia organizzazione
|__| |__|   |__|
f)
mi sono rivolto ad un collega professionalmente specializzato per la consulenza  in  situazioni di crisi lavorativa
|__| |__|   |__|
g)
mi sono rivolto ad un consulente esterno alla organizzazione (psicologo, sacerdote,   medico, ecc.)
|__| |__|   |__|
h)
ho chiesto di cambiare "posto" di lavoro o mansione, pur all'interno della mia  attuale organizzazione
|__| |__|   |__|
i)
ho chiesto una riduzione del tempo di lavoro
|__| |__|   |__|
l)
ho chiesto un'aspettativa o un congedo provvisorio
|__| |__|   |__|
m)
ho  partecipato a concorsi o ho fatto domande di assunzione in posti  diversi  dall'attuale
 |__| |__|   |__|
n)
ho iniziato le pratiche per una pensione anticipata
|__| |__|   |__|
o)
mi sono iscritto a una scuola di specializzazione o a un corso di riqualificazione, nella prospettiva di cambiare lavoro
|__| |__|   |__|
p)
mi sono informato in giro circa la possibilità di trovare un'altra occupazione 
|__| |__|   |__|
q)
ho iniziato un'altra attività da gestire in parallelo con la prima
|__| |__|   |__|
25.
Dopo questi mesi o anni di lavoro, indichi fra le seguenti affermazioni, quelle con cui si trova d’accordo ORA (è sufficiente un accordo di massima)
a)
mi sembra di servire poco o nulla agli utenti
b)
col lavoro, non solo i miei problemi non sono spariti, ma sono aumentati
c)
questo lavoro non è per tutti e nemmeno io sono sicuro di essere adatto
d)
i progressi degli utenti o non si vedono o si vedono in tempi lunghissimi
e)
per lo più, gli utenti non sono disposti ad utilizzare il mio aiuto
f)
sono sempre gli utenti definire il mio ruolo ed i miri confini
g)
per gli utenti sono solo un lavoratore pagato per stare al loro servizio
h)
la parte di routine e monotonia nel mio lavoro è molto grande
i)
il lavoro mi sembra confuso e d astratto, nessuno sa darmi indicazioni precise
j)
  i colleghi, l’Istituzione, i dirigenti se ne fregano di me
k)
   ricerca, studio e approfondimento sono quasi impossibili, dove lavoro io
26.
Indichi, fra le seguenti frasi, quelle che negli ultimi sei mesi  si è detto/a più spesso (segni solo quelle che Le capita di ripetersi più volte)
a)
che cosa sto facendo? Chi me lo fa fare?
b)
sto sacrificando troppo il “mio” privato
c)
in fondo per le “tre lire” che mi danno
d)
certi miei utenti , certi colleghi, certi dirigenti guadagnano come o più di me senza “sbattersi” tanto
e)
quale carriera mi aspetta? Posso andare avanti in questo posto per vent’anni?
f)
forse mi conviene guardarmi in giro o riprendere a studiare, non si sa mai
g)
   non riesco ad essere utile ai miei utenti
h)
nel mio territorio è impossibile fare un buon lavoro
i)
l’Istituzione non offre alcun valido appoggio, anzi
j)
tutta l’organizzazione in cui lavoro, non risponde alle reali esigenze degli utenti
k)
superiori, dirigenti e politici non hanno alcun apprezzamento per il mio lavoro
l)
gli utenti non hanno quasi alcun apprezzamento per ciò che faccio
m)
  schede, relazioni, rapporti scritti mi soffocano
n)
    non sono impreparato per il lavoro che faccio, e si vede
o)
a causa del mio sesso, ho più problemi degli altri, nel mio lavoro
p)
non so mai cosa devo fare io e cosa devono fare gli altri (colleghi, amministratori, dirigenti, consulenti, ecc..)
q)
nel territorio il mio prestigio è quasi zero
r)
i rapporti coi colleghi sono inesistenti o negativi
s)
verso il lavoro provo spesso noia e nausea
t)
l’importante è evitare problemi, sul lavoro
u)
      i casi difficili, le riunioni, gli straordinari se li facciano gli altri
v)
      meno  impegno possibile, sia mentale che temporale
w)
ora mi defilo, mi do per occupatissimo
x)
devo cercare di farmi dare un incarico di tutto riposo
y)
quanto mi manca per la pensione minima (o per la fine del servizio civile)
27.
Indichi fra le voci seguenti quelle che Le sembrano più decisive per migliorare la Sua situazione lavorativa. Scelga le 5 voci che dovrebbero cambiare PRIMA e PIU’ radicalmente:
a)
  alcuni tratti del mio carattere
b)
  le mie competenze professionali
c)
molti colleghi di lavoro
d)
    il dirigente (o più di uno)
e)
     la mentalità degli utenti
f)
la cultura del territorio
g)
i gestori politici della mia organizzazione
h)
     la normativa vigente
i)
  i mezzi che ho a disposizione
l)
la mia retribuzione
m)
il mio contratto di lavoro
n)
il mio titolo di studio
o)
    il mio orario di lavoro
p)
    il mio luogo di lavoro
q)
l’attuale organizzazione del lavoro in cui sono inserito
28.
Di seguito troverà alcune attività o progetti utili a superare situazioni di crisi lavorativa. Indichi per ciascuna voce se ha fatto l’azione indicata (SI), se non l’ha fatta (NO), se la farà in un  prossimo futuro (LO FARO’). Indichi LO FARO’ solo se si tratta di una cosa decisa per un tempo ravvicinato, non se è solo un auspicio:
SI     NO    LO FARO’
a)
ho partecipato ad iniziative di formazione o aggiornamento   promosse  dalla mia organizzazione
|__|    |__|   |__|
b)
ho partecipato ad iniziative di formazione o aggiornamento di mia  iniziativa e fuori dalla mia organizzazione   
  |__|    |__|    |__|
c)
ho partecipato ad iniziative di supervisione o ho fatto uso di un   consulente (servizi forniti dalla mia organizzazione)
   |__|    |__|    |__|
d)
ho partecipato ad iniziative di supervisione o ho fatto uso di unconsulente (di mia iniziativa e al di fuori della mia organizzazione)
    |__|    |__|    |__|
e)
ho discusso i miei problemi di lavoro in riunioni formali col dirigenteo coordinatore della mia organizzazione
   |__|    |__|    |__|
f)
mi sono rivolto ad un collega professionale specializzato per la   consulenza in situazioni di crisi lavorativa
|__|    |__|    |__|
g)
mi sono rivolto ad un consulente esterno alla organizzazione (psicologo, sacerdote, medico, ecc..)
     |__|    |__|    |__|
h)
ho chiesto di cambiare “posto” di lavoro o mansione, pur all’interno   della mia organizzazione
|__|    |__|   |__|
i)
ho chiesto una riduzione del tempo di lavoro
     |__|    |__|   |__|
l)
ho chiesto un’aspettativa o un congedo provvisorio
|__|    |__   |__|
m)
ho partecipato a concorsi o ho fatto domande di assunzione in  posti diversi dall’attuale
|__|    |__|   |__|
n)
ho iniziato le pratiche per una pensione anticipata
      |__|    |__|   |__|
o)
mi sono iscritto a una scuola di specializzazione o ad un corso  di riqualificazione, nella prospettiva di cambiare lavoro
  |__|    |__|   |__|
p)
mi sono informato in giro circa la possibilità di trovare   un’altra occupazione
|__|    |__|  |__|
q)
ho iniziato un’altra attività da gestire in parallelo con la prima  
    |__|    |__|   |__|
                   

DATI SOCIOLOGICI

SESSO  M |__|    F |__|                 ANNO DI NASCITA  1 9 |__|__|  

STATO CIVILE:                           N. |__| figli conviventi

|__| celibe/nubile

|__| coniugato/a

|__| separato/a o divorziato/a

|__| vedovo/a

TITOLO STUDIO:

|__| licenza elementare

|__| licenza scuola media inferiore

|__| diploma professionale

|__| diploma scuola media superiore

|__| diploma parauniversitario

|__| laurea

DENOMINAZIONE COMPLETA DEL LUOGO DI LAVORO    _______________________

PROVINCIA DI LAVORO _______________________

ORE DI LAVORO SETTIMANALI (indicare numero di ore di una settimana tipo) N. ORE |__|__|

TIPO DI UTENZA:          |__| minori  |__| adolescenti |__| giovani |__| adulti |__| anziani |__| disabili |__| tossicodip
|____________________________________________________________________________________| altre tipologie /tipologie miste

QUALIFICA ATTUALE    _______________________

TIPO DI CONTRATTO DI LAVORO      ____________________ (ruolo, incarico, consulenza, volontariato, tirocinio, supplente, obiettore di coscienza, ecc.)