Dalla parabola alla realtà / Tratto da QUI / Vai a parte 1 | 2

Sistema di denaro-debito

Il sistema basato sul denaro-debito, introdotto da Martin sull'Isola dei Naufraghi, faceva indebitare finanziariamente la piccola comunità in misura proporzionale al lavorocon cui essa sviluppava ed arricchiva l'Isola. Non è esattamente questo che avviene nei nostri paesi civilizzati? Il Canada attualmente è certamente più ricco, di ricchezze reali, oggi rispetto a 50 o 100 anni fa o ai tempi dei pionieri. Ora, comparate il debito pubblico, la somma di tutti i debiti pubblici del Canada di oggi con quella che risale a 50 anni fa, 100 anni fa, tre secoli fa.! C'è però da considerare che la popolazione canadese, nel corso degli anni, ha prodotto l'arricchimento. Perché dunque mantenerla in una condizione di debito per il risultato del suo lavoro? Considerate, per esempio, il caso delle scuole, degli acquedotti municipali, dei ponti, delle strade e di altre costruzioni di carattere pubblico. Chi le costruisce? Gli architetti del paese. Chi fornisce i materiali? I produttori di materiali del paese. E perché essi possono occuparsi dei lavori pubblici? Perché ci sono altri lavoratori che producono alimenti, vestiti, scarpe, o forniscono dei servizi che possono utilizzare gli architetti e i produttori di materiali. Dunque la popolazione, nel suo insieme, grazie a lavori di tutti i tipi, produce tutte queste ricchezze. Se importa prodotti dall'estero, allo stesso modo ne esporta all'estero. Ora, cosa se ne deduce? Ovunque, vengono tassati i cittadini per pagare queste scuole, questi ospedali, questi ponti, queste strade ed altri lavori pubblici. Si fa dunque pagare alla popolazione, collettivamente, quello che la popolazione, collettivamente, essa stessa ha prodotto.

Pagare più del prezzo, e non solo

Si fa pagare alla popolazione più del prezzo effettivo di ciò che essa stessa ha prodotto. La sua produzione, arricchimento reale, diviene un debito caricato di interessi. Con gli anni, la somma degli interessi può uguagliare, o anche superare, l'importo del debito imposto dal sistema. Avviene così che si fa pagare alla popolazione due volte, tre volte, il prezzo di quello che essa stessa ha prodotto. Oltre ai debiti pubblici, vi sono anche i debiti industriali, caricati come gli altri di interessi. Essi forzano l'industriale, l'imprenditore, ad aumentare i suoi prezzi al di là del costo di produzione, al fine di poter rimborsare capitale ed interessi, altrimenti la conseguenza sarebbe la bancarotta. Debiti pubblici o debiti industriali, è sempre la popolazione che deve pagare tutto questo al sistema finanziario. Pagare in tasse quando si tratta di debiti pubblici, pagare in prezzi quando si tratta di debiti industriali. I prezzi lievitano, mentre le tasse schiacciano il portamonete.

Sistema tirannico

Tutto questo e molto altre cose indicano un sistema di denaro, un sistema di finanza, che comanda invece di servire e che tiene la popolazione sotto il suo dominio, come Martin manteneva gli uomini dell'Isola sotto la sua dominazione prima che essi si rivoltassero. E se chi controlla il denaro si rifiuta di prestarlo, o se impone delle condizioni troppo difficili per i corpi pubblici o per gli industriali, cosa succede? Succede che i corpi pubblici rinunciano a progetti urgenti; succede che gli industriali rinunciano a sviluppi o produzioni che risponderebbero bisogni. E cio è causa di disoccupazione. Per impedire che i disoccupati possano addirittura morire, bisogna tassare chi ha ancora qualcosa o chi guadagna ancora un salario. Si può immaginare un sistema più tirannico, i cui aspetti negativi si ripercuotono su tutta la popolazione?

Ostacolo alla distribuzione

E questo non è tutto. A parte l'indebitamento della produzione che finanzia, la paralisi di quella che rifiuta di finanziare, il sistema monetario è un pessimo strumento finanziario di distribuzione dei prodotti. E' bello avere dei negoz:i e dei depositi pieni, è bello avere tutto ciò che serve per una produzione anche più abbondante, così la distribuzione dei prodotti è razionata. Per ottenere i prodotti, in effetti, è necessario pagarli. Dinanzi a prodotti abbondanti, servirebbe un'abbondanza di denaro nei portafogli.

Ma non è così la situazione attuale

Il sistema mette sempre più prezzi alti sui prodotti che denaro nei portafogli delle persone che hanno bisogno di questi prodotti. La capacità di pagare non è equivalente alla capacità di produrre. La finanza non è in accordo con la realtà. La realtà è un'abbondanza di prodotti facili da produrre. La finanza è la moneta razionata e difficile ad ottenere.

Correggere ciò che non funziona

Il sistema monetario attuale è dunque un sistema punitivo, piuttosto che un sistema di servizio. Questo non vuol dire che bisognerebbe eliminarlo, ma correggerlo. E questa operazione sarebbe svolta magnificamente grazie all'applicazione dei principi finanziari conosciuti soto il nome di CREDITO SOCIALE ( da non confondere con il partito politico che prende falsamente lo stesso nome.)

Louis Even