Strumenti in Club Aggiornamento di ARCIPELAGO
Per gli strumenti professionali vai ad di AKKADEMIA
Notiziari di SYNAPTICA
Strumenti per Soci ARIPS

  Lo sviluppo: un mito del mondo occidentale (inserito il 15/6/2007) di Luciano Vacca
Sono due secoli, dalla rivoluzione industriale, che continuiamo a credere nello sviluppo economico infinito del nostro mondo come se fosse una religione nella quale è richiesta la fede e per due secoli abbiamo cercato di esportarlo nell’altra parte del mondo, con metodi che vanno dal colonialismo alla globalizzazione (ancora prima c’erano state le crociate) illudendoci ed illudendo sull’avvento del benessere per tutti.. Abbiamo inventato anche metafore del tipo "il decollo dell’economia", "lo sviluppo durevole". Fino a quando continueremo a prendere in considerazione soltanto il PIL (Prodotto interno Lordo) come variabile che ci indica il benessere sociale, non usciremo da questo avvitamento mondiale. E’ necessario iniziare a prendere in considerazione variabili che indicano realmente la felicità dell’uomo, come quello del reddito, la speranza di vita, il livello di istruzione, i costi sociali e ambientali dei trasporti individuali, il valore monetario dei rapporti non mercantili. Ma quali sono stati i costi umani di questo avvitamento? Ma quali sono stati i risultati della credenza nello sviluppo? Il Sud del mondo che noi abbiamo definito sottosviluppato è sempre più povero e il Nord del mondo, in cui noi viviamo, è sempre più sviluppato

Nietzsche e la psicoanalisi (inserito il 15/6/2007) di Iacov levi
La Psiche Noi acquistiamo coscienza di noi stessi soltanto come di un groviglio di affetti: e persino le percezioni sensoriali e i pensieri rientrano tra le manifestazioni degli affetti (Frammenti postumi 1882 - 1884 , 4 [126]). Passioni = condizioni dei nostri organi e loro reazione sul cervello - con la ricerca di una scarica (Frammenti postumi 1882 - 1884, 4[219] ). [ Cfr. S.Freud: "All’Es ci avvicinimo con paragoni: la chiamiamo un caos. Un crogiolo di eccitamenti ribollenti. Ce lo rappresentiamo come aperto alle estremità verso il somatico, da cui accoglie i bisogni pulsionali, i quali trovano dunque nell’Es la loro espressione psichica, non sappiamo però in quale substrato. Attingendo alle pulsioni, l’Es si riempe di energia, ma non possiede un’organizzazione, non esprime una volontà unitaria, ma solo lo sforzo di ottenere soddisfacimento per i bisogni pulsionali nell’osservanza del principio di piacere. Le leggi del pensiero logico non valgono per i processi dell’Es, soprattutto non vale il principio di contraddizione. Impulsi contrari sussistono uno accanto all’altro, senza annullarsi o diminuirsi a vicenda; tutt’al più, sotto la dominante costrizione economica di scaricare energia, convergono in formazioni di compromesso, non conosce né giudizi di valore, né il bene e il male, né la moralità. Il fattore economico o, se volete, quantitativo, strettamente connesso al principio di piacere, domina ivi tutti i processi. Investimenti pulsionali che esigono la scarica".

Idee varie per la prevenzione (inserito il 15/6/2007)
Una ricerca condotta dallo staff di Becca R. Levy della Yale University e pubblicata sul numero 83-2 del Journal of Personalità and Social Psychology, afferma che chi ha una buona percezione di sé e sviluppa attitudini e comportamenti positivi ed ottimisti vive circa 7 anni di più di chi ha impressioni negative. I ricercatori sono arrivati a questa conclusione dopo aver seguito in Ohio 660 uomini e donne fra i 50 ed i 94 anni per un periodo di 22 anni. La speranza di vita di chi pensa “….diventerò vecchio” è concretamente superiore di quella di chi pensa “… questo potrebbe essere il mio ultimo anno”. Addirittura, gli atteggiamenti degli “ottimisti” influenzano fra l’altro il livello di colesterolo e la pressione del sangue.

ADHD: malattia o artefatto? (inserito il 15/6/2007)
Di fronte ad ogni argomento che abbia componenti tecniche, ognuno di noi può fare una scelta: delegare la decisione agli 'esperti' ' dicendo a se stesso: perché io non ne capisco abbastanza ' o acquisire la conoscenza necessaria e decidere con la propria testa. Se la tua scelta è la seconda e preferisci essere tu a decidere, allora questo opuscolo è scritto proprio per te. Buona lettura.

The Human Nature of Violence (inserito il 15/6/2007) di Robin Fox
have been asked to put violence into some sort of scientific perspective, so that we might have a background against which to ask more specific questions. I shall try to do that, but with the usual caveat, so annoying to non-academic audiences, that this is only one scientific perspective and that others would look quite different. However, thatís how we do it with science. We push our modes of explanation (or paradigms, as it has become fashionable to call them) to the point where they wonít go any further, and then a bit more. When they start not to work, we know to change the paradigm; or at least our successors know to do it for us.

Vices are not Crimes (inserito il 15/6/2007) di Lysander Spooner
I Vices are those acts by which a man harms himself or his property. Crimes are those acts by which one man harms the person or property of another. Vices are simply the errors which a man makes in his search after his own happiness. Unlike crimes, they imply no malice toward others, and no interference with their persons. In vices, the very essence of crime - that is, the design to injure the person or property of another - is wanting

Psicologia e biopolitica (inserito il 15/6/2007) di Luigi D'Elia
La psicologia è un vastissimo campo del sapere al servizio dell'uomo, ma di quale uomo la psicologia sia al servizio non ci è dato di saperlo con certezza. Per la psicologia, in ragione delle sue peculiari e, se vogliamo, storiche attitudini ad occuparsi dappresso della qualità di vita, dei pensieri, delle relazioni, dei legami sociali, dei comportamenti, e - per usare un termine sempre insaturo e indefinibile - del benessere psicologico (e di converso delle ambasce e dei dolori) dell'uomo e dei contesti in cui egli vive, questa domanda non appare assolutamente oziosa.

Comunicazione, potere e contropotere nella network society (scaricabile) (inserito il 15/6/2007) di Manuel Castells
Il presente articolo formula una serie di fondate ipotesi sull’interazione tra comunicazione e rapporti di potere nel contesto tecnologico che caratterizza la network society, o “società in rete”. Partendo da un corpus selezionato di studi sulla comunicazione e da una serie di case study ed esempi, si giunge alla conclusione che i media siano divenuti lo spazio sociale ove il potere viene deliberato.

Prigionieri della velocità (inserito il 15/6/2007) di Ivan Illich
Le pagine per riflettere 2007 La omnipotencia del estado es la negacion de la libertad individual Lo sviluppo: un mito del mondo occidentale Du contrat social ou principes du droit politique di J.J.Rousseau Prigionieri della velocità di Ivan Illich Sui principi di morale politica di Maximilian Robespierre

La omnipotencia del estado es la negacion de la libertad individual (scaricabile) (inserito il 15/6/2007) di Juan Bautista Alberdi
Una de las raíces más profundas de nuestras tiranías modernas en Sud-América es la noción greco-romana del patriotismo y de la Patria, que debemos a la educación medio clásica que nuestras universidades han copiado a la Francia. La Patria, tal como la entendían los griegos y los romanos, era esencial y radicalmente opuesta a lo que por tal entendemos en nuestros tiempos y sociedades modernas. Era una institución de origen y carácter religioso y santo, equivalente a lo que es hoy la Iglesia, por no decir más santo que ella, pues era la asociación de las almas, de las personas y de los intereses de sus miembros.

Le implicazioni psicologiche del reddito minimo garantito di Erich Fromm (inserito il 15/6/2007) di Eric Fromm
Tratto da 'La disobbedienza e altri saggi' ed. Mondadori 1982, il seguente saggio [«The Psychological Aspects of the Guaranteed Income»] è stato pubblicato per la prima volta in R. Theobald, The Guaranteed Income, Doubleday & Co., New York 1966. Il presente scritto prende in esame esclusivamente le implicazioni psicologiche del reddito minimo garantito, le sue valenze, i suoi rischi, i problemi umani che fa sorgere. La considerazione più importante a favore dell'accettazione del concetto, è che tale reddito può aumentare in maniera cospicua la libertà dell'individuo [Si veda quanto da me esposto a proposito di una « sussistenza universale garantita » in The Sane Society, cit. pagg. 355 sgg. (trad. it. cit.)].

Critical Theory (inserito il 14/6/2007)
Overview of Critical Theory Early Critical Theorists Realism Modernism Postmodernism Other Critical Theory Sites Online Michael Apple: Introduction to Michael W. Apple What Knowledge Should be Distributed in Schools Schools as Normalizing Institutions Social Stratification Progressive Education in Postmodernism Schools as Socialization Barracks Institutions and Cultural Capital Apple's Research Agenda

Du contrat social ou principes du droit politique (inserito il 14/6/2007) di J.J. Rousseau
DU CONTRAT SOCIAL LIVRE I CHAPITRE I: Sujet de ce premier livre CHAPITRE II: Des premières sociétés CHAPITRE III: Du droit du plus fort CHAPITRE IV: De l'esclavage CHAPITRE V: Qu'il faut toujours remonter à une première convention CHAPITRE VI: Du pacte social CHAPITRE VII: Du souverain CHAPITRE VIII: De l'état civil CHAPITRE IX: Du domaine réel

Classici: Psychology and History di Hugo Munsterberg - 1899 (inserito il 14/6/2007) di Hugo Munsterberg
A few years ago, at the Philadelphia meeting of our Association, the Presidential Address sketched the wonderful progress of our modern psychology and culminated in the statement: "We are past the time for systems of psychology; now handbooks of psychology are prepared." Psychology, indeed, since its declaration of independence, is eager to find out and to collect the special facts, without allowing the traditional interference of metaphysical philosophy, and that which brings us together in our Association ought to remain our common interest in the discovery of empirical psychical facts

L'istruzione dei bambini (inserito il 14/6/2007) di M.K. Gandhi
Questo testo del 1929 è una delle sintesi più efficaci del pensiero di Gandhi sull'educazione. L'aspetto che più colpisce è la scarsa considerazione che il Mahatma sembra avere per la formazione letteraria, che è al centro del nostro sistema educativo. Per Gandhi leggere e scrivere è solo una delle capacità che fanno un uomo; un'altra, fondamentale, è la capacità di lavorare manualmente; più importante di tutte, però, è la formazione morale. Quella di Gandhi è, per dirla con Pestalozzi, un'educazione del cuore, della mano e della mente.

Dopo il Ritalin, Prozac anche per i bambini dagli 8 anni (inserito il 14/6/2007) di Gian Piero Leoni
Questo libro trae la sua origine da un corso di sensibilizzazione psichiatrica che si è tenuto negli undici comuni della Valceresio, del cui servizio psichiatrico ero il responsabile, nel periodo dal maggio 1999 al settembre 2000. L’avevo allora chiamato “Corso di psichiatria di base” perché intendevo fornire, in tal modo, quegli strumenti minimali, appunto “di base”, necessari ma anche sufficienti per potersi a grandi linee orientare in un mondo molto complesso come quello delle malattie e dei disturbi psichici. Si trattava di un classico esempio di lavoro nel Territorio, in un’epoca nella quale il lavoro nel Territorio conservava ancora una certa importanza nella psichiatria lombarda, anche se importanza ridotta rispetto ad alcuni anni prima. quando si riteneva che compito primario di un servizio psichiatrico territoriale fosse quello di agire come un volano che mettesse in moto forze che lo travalicassero

Un nuovo modello del mondo: perchè Darwin sbaglia... (inserito il 14/6/2007) di Jacopo Fo
Da qualche anno infuria la polemica sul darwinismo tra fondamentalisti cristiani e scienziati laici. Non credo esista un altro tema scientifico sul quale lo scontro sia cosi' feroce. Ed e' ovvio sia cosi': la teoria alla quale si ricorre per spiegare l'evoluzione degli esseri viventi sta alla base della nostra concezione del mondo. Due grandi scuole di pensiero si scontrano. I sostenitori di Darwin credono che l'evoluzione sia essenzialmente basata sulla selezione naturale delle caratteristiche piu' efficienti. I soggetti portatori di varianti casuali hanno piu' possibilita' di sopravvivere, quindi di avere una discendenza. Lentamente questi esemplari meglio adattati diventano maggioranza. Sull'altro fronte ci sono coloro che credono che la selezione naturale sia il modo nel quale Dio manifesta la sua volonta' e aggiungono che senza questa volonta' divina la pura selezione del meglio adattato avrebbe impiegato troppo tempo per manifestarsi. Essi non negano l'evoluzione naturale di Darwin ma ne ridimensionano la portata.

Off System, forse la fine del copyright (inserito il 14/6/2007) di Raffaele Russo
OFF System, forse la fine del copyright Raffaele Russo (Fonte) PROVALO ! C'è una novità nel mondo P2P destinata a creare scompiglio: è disponibile sul sito SourceForge.net un software free, OFF System che, secondo gli autori, rende inutile l'attuale legislazione a tutela del copyright. Il tool è stato messo a punto da un gruppo di hacker, il Digital Douwd, e consentirebbe l'accesso in rete a qualsiasi contenuto senza originare copie che risulterebbero, secondo la normativa vigente, illegali. La peculiarità risiede nella composizione dell’OFF System, ovvero in vari blocchi interconnessi; all'interno di essi sono poi memorizzati dei dati digitali che di per sé non rappresentano nulla. Nella pratica, ogni volta che dei file sono inseriti nell’OFF System, essi vengono allocati in maniera casuale nei vari settori del sistema, attraverso un apposito procedimento denominato multi-use encoding, che consiste nell’assegnare ad un determinato dato, nella fattispecie file, più significati o rappresentazioni.

Il web è un mondo piccolo (inserito il 14/6/2007)
Il web è un mondo piccolo: gli studi di Milgram e Barabasi Sempre per la serie "Appunti in libertà", oggi ho deciso di parlare, anzi di scrivere del terzo capitolo di Link, libro scritto da Albert Laszlo Barabasi dedicato allo studio dele reti. In questo libro si affronta il concetto di Gradi di Separazione, concetto introdotto dal sociologo di Harvard Stanley Milgram. Milgram, da studioso della struttura della rete sociale, si pone l'obiettivo di capire qual'è la distanza tra due cittadini americani scelti a caso. In altre parole, cerca di individuare il numero di contatti che separano due individui scelti a caso nella società . Per l'individuazione di tale numero, Milgram si affidò al metodo empirico; selezionò due cittadini americani a caso, uno residente a Sharon, Massachusetts, e l'atro a Boston. Scelse poi i punti di partenza inviando 160 lettere agli abitanti di Wichita, Kansas ed Omaha, Nebraska. Agli abitanti di Wichita era richiesto di consegnare la lettera all'abitante di Sharon ed a quelli di Omaha era chiesto di entrare in contatto con la persona residente a Boston.

Freud spiegato molto bene (inserito il 13/6/2007)
1. L'isteria, 5 2. Il sogno, 7 3. La prima topica, 11 4. Processo primario e processo secondario, 12 5. Meccanismi di difesa, 13 6. L'inconscio nella vita quotidiana, 14 7. La libido, 15 8. L'uccisione del padre e la nascita della religione, 19 9. L'arte, 20 10. Il narcisismo, 22

Open non è free (scaricabile) (inserito il 6/6/2007)
INTRODUZIONE Codici, metodi, tattiche e amenità varie I. Storie informatiche II. Licenze, politica, mercato III. Comunità IV. La strategia economica dell’Open Source V. Hic Sunt Leones Appendici Presentazione oggetti grafici Disclaimer

Discorso sul metodo di Rene' Descartes (intero) (inserito il 4/6/2007)
I maggiori pensatori in sintesi Transhumanist Values Discorso sul metodo di René Descartes Storia della Filosofia Cinese EPITTETO (citazioni)

David McClelland motivational needs theory (inserito il 4/6/2007)
Focusing on the character of corporate leaders Stampa e Valuta le tue skills manageriali David McClelland motivational needs theory +100 Free Management & Business Articles Guida ai modelli di management

Un video istruttivo sulle bombe atomiche (inserito il 4/6/2007)
Un video istruttivo per ricordare cosa sono, quante sono e chi ha le bombe atomiche

Le radici del Knowledge Management (inserito il 4/6/2007)
Le radici del Knowledge Management: il Modello delle Competenze Knowledge Management in Education Strumenti 2006 Cronologia del Capitale Intellettuale L'intangibile in bilancio Capitale, capitale intellettuale e risorse umane

The Real Role of HRD Professionals (inserito il 30/5/2007)
The Real Role of HRD Professionals In many capacities, whether they are conscious to the fact, HRD professionals are consultants - internal consultants - who need to possess and develop a unique set of behavioural as well as technical skills. HRD professionals often perform consulting roles within an organisation. The top human resources executive, for example, might work with management to develop a plan that will support a specific business strategy. Or the organisational development specialist might advise management on how to bring about change. And the compensation specialist might develop an incentive plan for a business unit head.

Psicología y martirio (in spagnolo/scaricabile) (inserito il 30/5/2007)
Resumen.La tesis sobre Psicología y Martirio recoge un estudio preliminar sobre la historia más reciente del pueblo argentino que desde nuestro punto de vista es un ejemplo más que reúne las condiciones prácticas que son necesarias en las capitulaciones martiriales para declarar mártir al Rvdo. P. Jacobo Wagner, emblema de la iglesia católica porteña que se levantó en protesta como muchos ciudadanos íntegros y patriotas argentinos que lucharon con valentía contra las amenazas del poder local establecido en el mandato presidencial de esta nación a mediados del siglo XX, verdadera tiranía anticatólica de hecho. El 13 de mayo de 2005, Benedicto XVI anunció la apertura de la causa de canonización de Juan Pablo II dispensando de los cinco años de espera que deben transcurrir tras la muerte del siervo de Dios y su inicio, porque el 13 de mayo de 1981 sobrevivió a un intento de asesinato en la Plaza de San Pedro del Vaticano que le convirtió en mártir y confesor de la fe, un ejemplo de la cláusula de excepción en las capitulaciones martiriales que ha acelerado su proceso de beatificación. En conclusión, el martirio es la antinomia del homicidio porque el acto martirial es la acción de dar testimonio de fe y no un acto criminal con el que se pretende cometer un asesinato.

Groupwork Theory (inserito il 30/5/2007)
Theoretically we may look at groups from many different perspectives which are conceptually distinct. These perspectives can each add a different dimension to our understanding. What follows is a very brief summary of some of the different perspectives which have developed about groups.

Divagazioni sul futuro: ci sta dietro o ci sta davanti? (inserito il 30/5/2007) di Andrea Sgarro
Il futuro ci sta davanti o dietro? e il passato? Le metafore spazio-temporali non sono assolute, dipendono dalle epoche e dai luoghi. Lingue diverse si figurano il tempo in modi diversi. Una passeggiata tra le lingue indoeuropee, con qualche divagazione, ci offre esempi curiosi e stimolanti. In una nota che ho letto sull’Ulisse di giugno si parla delle metafore spazio-temporali nell’aymara, una lingua parlata da popolazioni andine. La nota mi ha fatto ricordare una conversazione di qualche anno fa, quando un amico grecista mi spiegò che per gli antichi greci il passato sta davanti ai nostri occhi, essendo tutto ciò che noi possiamo vedere, mentre il futuro ci sta dietro, in corrispondenza alla parte cieca e indifesa del nostro corpo. Per i greci come per gli aymara: passato = davanti, futuro = dietro. Tutto a rovescio rispetto alla nostra visione del mondo: è il futuro, verso cui siamo protesi, a starci davanti, mentre il passato non c’è più, è la parte di strada già percorsa: futuro = davanti, passato = dietro. La conversazione fra me e il grecista ebbe luogo a un’edizione dei Bozner Treffen - Incontri a Bolzano di qualche anno fa, incentrata appunto sul tema del futuro.

Il principio di causalità (inserito il 30/5/2007)
principio di causalità nasce dall'idea che i fenomeni si susseguano unicamente in un processo di causa-effetto, e tutto ciò che non risponde a questa legge è dovuto al caso. L'osservazione empirica (il metodo sperimentale inventato da Galileo Galilei di interrogare la natura mediante gli esperimenti) ci guida nell'individuazione dei nessi causali che sottostanno ai fenomeni che osserviamo.

Storia della filosofia cinese (inserito il 30/5/2007)
Anni precedenti Elogio della follia CONFUCIUS AND SOCRATES - The Teaching of Wisdom John Zerzan antology LE RADICI DELL’ANARCHIA I migliori filosofi in uno dei migliori siti

Il mito dell'istruzione (inserito il 13/12/2006) di Intervista di David Cayley
Come è nato Deschooling Society (Descolarizzare la società)? Inizialmente avevi fiducia nella struttura scolastica tradizionale? No, ho sempre ritenuto che la scuola rispondesse alle esigenze di altri. Sono cresciuto senza una educazione scolastica formale. A sei anni, quando le lingue che conoscevo erano il francese, l'italiano e il tedesco, mia madre voleva iscrivermi a una scuola di Vienna, una scuola molto buona dove per i bambini era già in uso la pratica dei test. E questi decretarono che ero un bambino ritardato. Il che fu per me un grande vantaggio perché così potei stare per due anni nella biblioteca di mia nonna, leggere i suoi romanzi e cercare nei dizionari tutte quelle cose interessanti che possono eccitare la curiosità di un bambino dispettoso di sette anni. A scuola sono andato, ma a intervalli irregolari. Quando avevo otto anni, per esempio, venne improvvisamente deciso che avrei dovuto imparare il serbo-croato per prepararmi a un esame che mi avrebbe consentito di andare a scuola in Yugoslavia, dove mio padre aveva un qualche incarico ufficiale. Così imparai la lingua da un professore, un certo Ivanovich, che m'insegnò cose molto interessanti sulle modalità iterative e re-iterative del serbo-croato. In realtà non ho mai imparato a parlare la lingua, ma alla fine fui più o meno pronto per andare a scuola.

Ivan Illich: i pericoli della modernità (inserito il 6/12/2006) di Franco La Cecla
Ecco tre momenti di uno dei più originali e anticonformisti pensatori contemporanei. Tre momenti distanziati nel tempo e nello spazio. Nel 2001 a Oakland (California), nel 1998 a Città di Castello vicino a Perugia e ad Amsterdam nel 1996. Tre occasioni per confrontare la continua evoluzione del pensiero di Illich: dal seminario californiano su Ospitalità e dolore all’incontro italiano su L’udito e l’ascolto, per terminare con la conferenza olandese sulla velocità. Tre esempi della multiformità di questo personaggio difficilmente classificabile. Partigiano in Italia negli ultimi anni della seconda guerra mondiale e contemporaneamente seminarista

Confucius and Socrates - The Teaching of Wisdom (inserito il 1/12/2006) di Sanderson Beck
Life of Confucius Attitudes of Confucius How Confucius Taught Effort in Learning Individualized Instruction Questions and Answers Correct Use of Language Metaphors and Poetry Human Examples Cogent Sayings What Confucius Taught Subjects of Study The Classics Poetry and Music Propriety Politics Religion Virtue Character Development and Self-improvement Goodness The Gentleman

Natural Law or The Science of Justice (inserito il 1/12/2006) di Lysander Spooner
NATURAL LAW. PART FIRST. CHAPTER 1.THE SCIENCE OF JUSTICE. Section I. The science of mine and thine --- the science of justice --- is the science of all human rights; of all a man's rights of person and property; of all his rights to life, liberty, and the pursuit of happiness. It is the science which alone can tell any man what he can, and cannot, do; what he can, and cannot, have; what he can, and cannot, say, without infringing the rights of any other person.

Libro bianco sulla Giustizia (inserito il 29/6/2006) di A cura del Settore Giustizia delle rappresentanze Sindacali di Base Pubblico Impiego
LA GIUSTIZIA È MORTA…… e anche i lavoratori e i cittadini non stanno tanto bene Le difficoltà di funzionamento della giustizia italiana non costituiscono certo una novità, tuttavia nel corso degli ultimi anni le cose sono andate peggiorando. Sono stati pubblicati molti rapporti di istituzioni nazionali e internazionali, da ultimo anche da parte del Consiglio d’Europa, che denunciano una situazione di degrado al limite del collasso. Eppure la Giustizia, ma soprattutto la sua puntuale applicazione, costituisce un elemento fondamentale dell’organizzazione sociale: grazie ad essa si realizzano e si proteggono diritti fondamentali inscritti nella prima parte della Costituzione

John Zerzan antology (inserito il 29/6/2006)
Work & Bio The Mass Psychology Of Misery Whose future? The Imperialism of Everyday Life The Modern Anti-World

Principe (testo intero) (inserito il 29/6/2006) di Niccolò Machiavelli
Dedica NICOLAUS MACLAVELLUS AD MAGNIFICUM LAURENTIUM MEDICEM. [Nicolò Machiavelli al Magnifico Lorenzo de' Medici] Sogliono, el più delle volte, coloro che desiderano acquistare grazia appresso uno Principe, farseli incontro con quelle cose che infra le loro abbino più care, o delle quali vegghino lui più delettarsi; donde si vede molte volte essere loro presentati cavalli, arme, drappi d'oro, prete preziose e simili ornamenti, degni della grandezza di quelli

Sintesi del Rapporto Biennale sul Volontariato in Italia - 2005 (inserito il 29/6/2006)
INTRODUZIONE DEL GRUPPO DI LAVORO pag. 2 Le trasformazioni nel mondo del volontariato(estratto da ISTAT “Statistiche in breve”) pag. 3 Un fenomeno con tanti “più” e qualche “campanello d’allarme”(a cura di Renato Frisanco) pag. 7 Il nuovo volto del volontariato italiano pag. 12 Volontariato ed Enti Locali pag. 20 Le reti di volontariato e europeo e internazionale pag. 31 Il volontariato nei paesi di nuova adesione pag. 38 Riforma della legge quadro sul Volontariato: storia di una riflessione pag. 45 I Gruppi di lavoro pag. 54

Qué ES LA BUROCRACIA ? (inserito il 28/6/2006) di Max Weber
1 - RASGOS CARACTERISTICOS DE LA BUROCRACIA La burocracia moderna opera del siguiente modo específico: I. Existe el principio de sectores jurisdiccionales estables y oficiales organizados en general normativamente, es decir, mediante leyes u ordenamientos administrativos. 1. Las actividades normales exigidas por los objetivos de la estructura gobernada burocráticamente se reparten de manera estable como deberes oficiales. 2. La autoridad que da las órdenes necesarias para la alternancia de esos deberes está repartida de manera estable y rigurosamente delimitada por normas referidas a los medios coactivos, físicos, sacerdotales o de otra especie, de que pueden disponer los funcionarios. 3. El cumplimiento normal y continuado de esos deberes, así como el ejercicio de los derechos correspondientes, es asegurado por un sistema de normas; sólo pueden prestar servicios aquellas personas que, según reglas generales, están calificadas para ello.

Core concepts in the work of Ken Wilber (inserito il 28/6/2006)
THE TWENTY TENETS In Sex, Ecology, Spirituality Wilber describes the "Twenty Tenets" of holonic philosophy that are common to evolving or growing systems wherever we find them (there are actuallly 19, but who cares?) THE PRE TRANS FALLACY The most important theoretical contribution of Wilber to the understanding of the nature of spiritual development, is the so called "pre trans fallacy". We tend to confuse prepersonal and transpersonal states because both are non-personal.

Divergenti interpretazioni della democrazia antica (inserito il 28/6/2006) di P. Lanfranchi
Nel 431 a.C. il re spartano Archidamo II, alla testa di un esercito di ventimila opliti peloponnesiaci e di cinquemila beoti, invade l'Attica e devasta i campi attorno ad Atene. È l'inizio della guerra del Peloponneso, che per trent'anni vede affrontarsi le città di Atene e Sparta e i loro rispettivi alleati. È, come le guerre di ogni tempo, una guerra per il dominio territoriale; ma la componente ideologica vi gioca un ruolo essenziale: a scontrarsi sono infatti non soltanto due potenze militari, ma soprattutto due tendenze politiche e due diverse concezioni dello Stato, quella aristocratica e quella democratica. Per questo si è potuto parlare, a proposito di questo conflitto, di "guerra civile" dei Greci, una guerra i cui protagonisti sono le poleis, e, all'interno delle singole città, i partiti filoateniese e filospartano. Alcune fonti antiche attribuiscono la responsabilità diretta del conflitto al leader della democrazia ateniese, Pericle, che per stornare l'attenzione dei suoi cittadini dai problemi interni e per mettere a tacere gli oppositori avrebbe deciso di intraprendere la guerra contro Sparta (una strategia politica vecchia come il mondo). Ma le cause remote della guerra del Peloponneso vanno cercate nell'espansionismo ateniese, quello che in termini moderni si potrebbe definire il suo imperialismo, cominciato all'indomani delle guerre persiane. Questo, almeno, è il giudizio di Tucidide, lo storico ateniese di parte aristocratica che ci ha lasciato nelle sue Storie il mirabile racconto della guerra.

The Foundations of the Person-Centred Approach (inserito il 28/6/2006) di Carl. R. Rogers

Processi per imparare a pensare (inserito il 28/6/2006) di Michele De Beni
Saper pensare Siamo tutti convinti che “Pensare” rappresenti la facoltà umana per eccellenza e, come tale, costituisca il patrimonio individuale e sociale più prezioso, da sviluppare e potenziare lungo l’arco di tutta la vita. Saper pensare è importante per operare scelte e prendere decisioni, per risolvere problemi, ma è altrettanto importante a livello di famiglia e di comunità. In realtà, la capacità di pensare potrebbe essere la materia, la disciplina fondamentale da impartire nelle scuole, ma purtroppo oggi l’insegnamento è ancora eccessivamente concentrato sui contenuti da apprendere e poco sui processi

Le radici dell'anarchia (inserito il 28/6/2006) di G. Nico Berti
Sono sei i teorici «classici» del pensiero anarchico: William Godwin, Max Stirner, Pierre- Joseph Proudhon, Michail Bakunin, Pëtr Kropotkin ed Errico Malatesta. Sei personaggi molto diversi tra loro, eppure legati da un filo «rosso-nero» che ha confezionato quell’idea radicale della libertà, dell’eguaglianza e della diversità che conosciamo con il nome di anarchia. Una teoria composita, ma al tempo stesso unitaria, che tende alla liberazione completa del genere umano. Ognuno di questi pensatori ha apportato alla teoria anarchica elementi specifici che possiamo leggere come parti di un unico disegno: la costruzione della scienza della libertà.

Il miglior sito per le leggi sull'IT. Dizionario della Comunicazione d'impresa (inserito il 28/6/2006)
Comunicazioni Freeware per comunicare (rassegna) Centrale ICQ Chat ICQ Shareaza

Che cosa è la mafia (inserito il 28/6/2006) di G. Mosca
Mafia: cinese, americana, nera, turca, giapponese, libanese, russa… e soprattutto Cosa Nostra. Non spaghetti, pizza, radio, ma mafia è il vero contributo lessicale dell’Italia del XX secolo alla ridefinizione multimediale della realtà spirituale dell’uomo del duemila. Perché l’universale fortuna del vocabolo? La radice del fenomeno mafioso è nella politica: questa la perentoria, illuminante risposta, già agli inizi del XX secolo, nel sintetico, formidabile scritto Che cosa è la mafia, di Gaetano Mosca, il grande sociologo che, con la dottrina delle élite, ha fondato la scienza politica contemporanea.

Gruppi in Internet, dal sé al gruppo virtuale (inserito il 28/6/2006) di Walter Iacobelli
Il Sé Uno degli aspetti fondamentali dell'esperienza umana è costituito dal senso della propria unicità, di quella che in filosofia è stata definita la questione dell'identità personale o del Sé. Di conseguenza, tale termine trova ampio spazio in psicologia, soprattutto nel campo dello studio della personalità, in psicologia evolutiva e in psicopatologia, dove viene utilizzato con accezioni molto diverse; i significati che seguono sono alla base delle sue più frequenti modalità di impiego;

The Idle Theory of Evolution (inserito il 28/6/2006)
The Survival of the Idlest All living creatures have to work to stay alive. Some have to work harder than others to stay alive. Those creatures that need do little work to stay alive are more likely to survive periods of difficulty than those that must work longer. The Idle Theory of Evolution is a slight variant of the Darwinian theory of natural selection. Darwin's struggle for existence becomes simply hard work. The fittest are the most idle creatures, not the strongest or fastest or most rapidly reproducing

HIV-AIDS Education (inserito il 28/6/2006)
e-book

Figure dell'Alterità e formazione di gruppo (inserito il 11/4/2006) di Adamus
L'essere umano nasce come frattale del mondo. I.Matte Blanco afferma che "l'inconscio è un insieme di infiniti". L'Alterità è, alla nascita, dentro il sè come potenziale infinito. L'educazione è la continua riduzione del mondo a quella che chiamiamo "personalità": un fittizio e mobile, ma rassicurante, centro di gravità. Un'illusione e una convenzione per la tregua con se stessi. Al termine di un processo educativo l'Alterità è tutto ciò che è fuori dal sè. L'Altro, da interno, diventa il mondo esterno.

Erich Fromm - Appunti di teoria (inserito il 6/4/2006) di Romano Biancoli
INDICE ERICH FROMM, LA PSICOANALISI, GLI PSICOANALISTI L'INFLUENZA DI GEORG GRODDECK SULLA PSICOANALISI DI ERICH FROMM CONTRIBUTO ALLA VEDUTA "IDOLOGICA" DEL TRANSFERT I VALORI DELLO PSICOANALISTA E IL CONTROTRANSFERT IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE NELLA RELAZIONE ANALITICA IL SOGNO TRA "QUI-E-ORA" E "LA'-E-ALLORA"

I Progetti di Educazione e Promozione della Salute (Reg.Piemonte) (inserito il 6/4/2006)
INTRODUZIONE I PROGETTI DEL BANDO REGIONALE HP 2004-05 IL BANDO REGIONALE HP 2004-05 L’ASSISTENZA ALLA REDAZIONE E LA VALUTAZIONE DEI PROGETTI ELENCO PROGETTI ORDINATI PER FILONE TEMATICO ELENCO PROGETTI ORDINATI PER ASL/ASO ELENCO PROGETTI ORDINATI PER PUNTEGGIO DI VALUTAZIONE L’ASSISTENZA E IL MONITORAGGIO DEI PROGETTI FINANZIATI

L'epistemologia nel XX secolo (inserito il 6/4/2006)
Il Novecento è stato sicuramente, per la storia della filosofia, il secolo della grande "divisione" in molte ed influenti, ormai tradizionalmente accettate, aree di studio. Questo diversificarsi ha avuto luogo grazie all'affermazione di diverse, numerose, molto spesso contrapposte, tradizioni di ricerca, che ormai, al volgere alla conclusione di questo secolo, vengono normalmente classificate in quasi tutte le monografie (e universalmente riconosciute su tutti i manuali) come la filosofia del linguaggio, il pragmatismo americano, la logica matematica, la filosofia della mente, l'epistemologia (solo per restare nel versante che ormai gli storici della filosofia hanno riconosciuto come appartenente o prossimo alla tradizione "analitica"), lo strutturalismo, la fenomenologia, l’esistenzialismo, l’ermeneutica, il decostruzionismo, le scuole "post – moderne", il cosiddetto "pensiero debole", (per rientrare in quello denominato dagli "analitici" come "continentale", sviluppatosi soprattutto in Germania e in Francia ).

Il nuovo divario tra Ricchi e Ricchi (inserito il 6/4/2006) di Robert Reich
Quasi 15 anni fa, ne “L’economia delle nazioni”, ho descritto un modello di forza lavoro a tre livelli presente nelle economie più avanzate. Al livello più basso c’erano i lavoratori che offrivano servizi ai privati, soprattutto vendita al dettaglio, ristoranti, alberghi e ospedali. Al livello intermedio i lavoratori impiegati in fabbriche e uffici, che svolgono un unico, ripetitivo compito. In cima c’erano poi gli “analisti simbolici”, come ingegneri e avvocati, i quali manipolano le informazioni per risolvere i problemi. Quasi tutti con un’istruzione universitaria, educati a pensare in modo critico, essi costituivano i “lavoratori della conoscenza” nella nuova economia. Allora predissi che il progresso tecnologico e la globalizzazione avrebbero amplificato il divario di reddito e di opportunità fra questi tre livelli. Purtroppo sono stato profetico.

Le reti di controllo globale - La vera storia di Internet (inserito il 6/4/2006)
Freeware per comunicare (rassegna) Centrale ICQ Chat ICQ Shareaza Informazione per il Lavoro Sociale Il portale delle strategie di sviluppo Notiziari 191 riviste di Psicologia Sociale sul web Notiziari gratuiti per il lavoro immateriale 1-2-3

Prevenire la sindrome da Burn-out (inserito il 6/4/2006) di Lovato & Olper
In antitesi coi dati presentati nel 2001 dalla Commissione Europea Occupazione e Affari Sociali, da cui si evince che la professione docente è quella a minor rischio di stress, studi condotti da più di vent’anni in paesi di tutti i continenti dimostrano che il burnout è un fenomeno di valenza internazionale. In Italia il problema recentemente è stato oggetto di dibattito grazie allo "studio Getsemani" (analisi sugli accertamenti sanitari per l’inabilità al lavoro, svolta dai Collegi Medici della ASL Città di Milano dal 1992 al 2001, in cui la frequenza di disturbi della psiche nei professori è risultata superiore agli altri dipendenti della Pubblica Amministrazione, indipendentemente da altri fattori, come sesso ed età ), ma usualmente di esso si fa sporadico riferimento perlopiù su riviste specialistiche di settore, presumibilmente per più concause.

L'America sta andando in rovina? (inserito il 6/4/2006) di Steve Maich
Deficit da record, debiti colossali, e nessun piano in vista per uscire dal tunnel. Se l’America va a fondo si porterà con sé il Canada David Walker è uno che vede il futuro, e ne è spaventato a morte. Non ci dovremmo preoccupare tanto se si trattasse di uno delle migliaia di lobbisti, legislatori, e attivisti che tutti i giorni affollano Washington, perorando l’urgenza delle loro cause preferite. Esiste tutta un’industria incaricata di prescrivere ogni tipo di farmaco politico per ogni malanno vero o presunto. Ma Walker non è un attivista o un lobbista, si tratta di un ragioniere. Riveste l’incarico di controllore generale degli Stati Uniti, si tratta del capo revisore dei conti del governo più importante e potente nel mondo. Egli cerca disperatamente di far conoscere all’esterno, a chiunque lo voglia ascoltare, un messaggio: le finanze pubbliche degli Stati Uniti d’America sono in uno stato disastroso, e stanno peggiorando sempre più. Se non si prendono al più presto i provvedimenti necessari per affrontare i gravi problemi di bilancio del paese, il mondo si troverà di fronte ad uno sconvolgimento senza precedenti.

Labirinti del pensiero (inserito il 6/4/2006) di Giorgio Carboni
INTRODUZIONE PRESENTAZIONE COME E' NATA QUESTA INDAGINE LABIRINTI PER UNA TEORIA DELLA CONOSCENZA QUOTIDIANA LA CONDIZIONE SUBORDINATA LA CULTURA VERTICALE (l'asservimento razionale)

Les 4 idées-forces de l'écologie politique (inserito il 6/4/2006)
La décroissance soutenable Une croissance économique infinie sur une planète aux ressources limitées est irréaliste. Ce concept irrationnel ne perdure que grâce à l'exclusion du paramètre écologique de la science économique. Aujourd'hui, 20 % de la population mondiale, les pays riches, dont la France, consomment 80 % des ressources planétaires. Le coût de ce niveau de « développement » est le pillage des ressources naturelles et l'asservissement économique de populations entières. Pour un partage de manière équitable et durable, entre tous, des ressources renouvelables d'une planète dont nous avons largement dépassé les limites, les populations « surconsommatrices » doivent réduire leur production et leur consommation.

Altre totalità. Per una breve ricognizione filosofica sul cyberspazio (inserito il 6/4/2006) di Mario Quinto
Che la rete costituisca un esito dell'«inconscio lavorio»1 concettuale di gran parte della riflessione teorica del secolo scorso, è quasi ormai un'ovvietà storiografica. Già nel 1992 ad esempio, un'opera tanto inaugu- rale quanto precocemente invecchiata, Hypertext di George Landow, non faceva altro che certificare come la natura ipertestuale (il dispositivo ope- rativo essenziale, nonché la vera e propria metafora fondativa) del nascen- te medium, costituisse in realtà una messa in opera tecnica di quella lunga serie di riflessioni sulla crisi dell'idea di testo germinata sull'incrocio tra semiologia e post-strutturalismo e poi sfociata nelle pratiche decostruttive di Derrida, Barthes e (per altri versi, come vedremo più avanti) di Foucault.

Sintropia 1 - 2 - 3 (inserito il 6/4/2006)
All’inizio del secolo scorso si riteneva che la soluzione negativa fosse inesistente, uno scherzo della matematica, in quanto in base agli assunti della relatività tale energia si sarebbe dovuta propagare a ritroso, dal futuro verso il passato. Per dimostrare l’inesistenza di questa soluzione Dirac, nel 1928, sviluppò l’equazione energia/momento nella descrizione dell’elettrone arrivando con sua grande sorpresa alla dimostrazione matematica dell’esistenza dell’anti-elettrone, una particella speculare all’elettrone che si muove però dal futuro vero il passato. Nel 1932 Andersen, studiando i raggi cosmici, provò l’esistenza degli anti-elettroni ai quali fu dato il nome di “positroni”; successivamente, Feynman dimostrò l’esistenza delle anti-particelle in generale, arrivando a ciò che Enrico Fermi chiamò il mare dell’antimateria.

The Secret to Happyness (inserito il 21/12/2005)
Watch television, and you’ll learn that the good life is in a new car, a cold beer, or a new drug. Look at surveys, and Americans say they want more money. But look inside at what actually gives you joy, and the good life may be closer than you thought What is the good life? The old American Dream offers an answer: It’s individually achieved affluence. It’s the indulgences promised by magazine sweepstakes: a 40-foot yacht, a deluxe motor home, a personal housekeeper. (“Whoever said money can’t buy happiness isn’t spending it right,” proclaims a Lexus ad.) In a phrase, it’s life, liberty, and the purchase of happiness.

Les 4 idees-forces de l'ecologie politique (inserito il 21/12/2005)
La décroissance soutenable Une croissance économique infinie sur une planète aux ressources limitées est irréaliste. Ce concept irrationnel ne perdure que grâce à l'exclusion du paramètre écologique de la science économique. Aujourd'hui, 20 % de la population mondiale, les pays riches, dont la France, consomment 80 % des ressources planétaires. Le coût de ce niveau de « développement » est le pillage des ressources naturelles et l'asservissement économique de populations entières. Pour un partage de manière équitable et durable, entre tous, des ressources renouvelables d'une planète dont nous avons largement dépassé les limites, les populations « surconsommatrices » doivent réduire leur production et leur consommation. Toute surconsommation d'un individu ou d'un groupe, dans un univers terrestre aux ressources non-extensibles, ne peut se faire qu'au détriment des autres, présents et futurs. Ainsi, seule la décroissance permettra à chacun et à chacune de trouver une place sur la planète. Cette décroissance passe par la relocalisation de l'économie et le démantélement des multinationales. Produire et consommer localement, en privilégiant les échanges humains, est une priorité locale et planétaire.

L'equilibrio instabile del (inserito il 21/12/2005) di Guido Contessa
Il "campo di forze", secondo K.Lewin, è uno spazio fisico e psicologico capace di influenzare il comportamento dell'individuo, e che può essere influenzato dal comportamento dell'individuo. Il campo è un contenitore che dà forma al suo contenuto, ma che è da esso plasmabile. Il volume del campo limita l'ampiezza del potere d'azione del singolo, ma è anche espandibile grazie a questa azione. In funzione del tempo, ogni campo può essere definito "quasi-stazionario", cioè in equilibrio instabile e sempre modificabile.

Leadership e gruppo di lavoro: tra genio ed Establishment (inserito il 15/12/2005) di Mario Perini
La relazione è centrata sul concetto di leadership come funzione del pensiero del gruppo e dispositivo di contenimento delle ansie primitive legate al compito, al ruolo, alle identità minacciate dai processi di gruppo, ai rischi più frequenti del gruppo di lavoro (dalla frammentazione esplosiva alla deriva paranoide) e alla temperatura elevata delle relazioni gruppali. Il punto di riferimento concettuale è essenzialmente la concezione bioniana del workgroup e l'analisi dei processi organizzativi secondo il modello Tavistock.

Bibliografia del tempo libero (inserito il 15/12/2005)
Gran parte della psicologia moderna è legata al lavoro come paradigma centrale della vita adulta. Molta psicologia dell'evo industriale è stata fondata sulla psicologia del lavoro e sulla psiclogia dell'organizzazione industriale.

Piccolo manuale di psichiatria per operatori sociali / testo completo (inserito il 15/12/2005)
INDICE PARTE PRIMA: PSICOLOGIA GENERALE 1.1. Lo sviluppo psicologico del bambino 1.1.1. Le influenze prenatali 1.1.2. Gli organizzatori psichici di Spitz 1.1.3. Lo sviluppo del funzionamento intellettuale secondo Piaget

Dal negozio all'ozio, Cultura socialità e tempo libero, ....... (inserito il 12/10/2005)
Gran parte della psicologia moderna è legata al lavoro come paradigma centrale della vita adulta. Molta psicologia dell'evo industriale è stata fondata sulla psicologia del lavoro e sulla psiclogia dell'organizzazione industriale. Cosa succede a livello psicologico in una società nella quale: 1) il tempo libero sta sostituendo il lavoro come paradigma centrale della vita, e 2) il lavoro sta passando dall'industria dei beni materiali a quella dei beni immateriali, cioè il tempo libero sta diventando l'ambito di lavoro più diffuso?

Life Without Principle (inserito il 12/10/2005) di Henry David Thoreau
AT A LYCEUM, not long since, I felt that the lecturer had chosen a theme too foreign to himself, and so failed to interest me as much as he might have done. He described things not in or near to his heart, but toward his extremities and superficies. There was, in this sense, no truly central or centralizing thought in the lecture. I would have had him deal with his privatest experience, as the poet does. The greatest compliment that was ever paid me was when one asked me what I thought, and attended to my answer. I am surprised, as well as delighted, when this happens, it is such a rare use he would make of me, as if he were acquainted with the tool. Commonly, if men want anything of me, it is only to know how many acres I make of their land - since I am a surveyor - or, at most, what trivial news I have burdened myself with. They never will go to law for my meat; they prefer the shell. A man once came a considerable distance to ask me to lecture on Slavery; but on conversing with him, I found that he and his clique expected seven eighths of the lecture to be theirs, and only one eighth mine; so I declined. I take it for granted, when I am invited to lecture anywhere - for I have had a little experience in that business - that there is a desire to hear what I think on some subject, though I may be the greatest fool in the country - and not that I should say pleasant things merely, or such as the audience will assent to; and I resolve, accordingly, that I will give them a strong dose of myself. They have sent for me, and engaged to pay for me, and I am determined that they shall have me, though I bore them beyond all precedent.

Lista per l'analisi dello sviluppo di un gruppo di lavoro (inserito il 10/10/2005)
La check-list serve a facilitare in modo guidato e ripetibile, l'osservazione di un gruppo di lavoro. Lo strumento è utile sia per osservazioni sullo stesso gruppo effettuate in tempi diversi, sia per osservazioni fatte da conduttori diversi, ma appartenenti allo stesso staff. La lista può essere lasciata aperta, ma può anche essere resa più facile con scale numeriche.

La leadership (inserito il 10/10/2005) di Laura Limido
SOMMARIO 1.La leadership Situazionale 2. L’analisi e la definizione delle situazioni 3 – Gli stili di comportamento del leader 3.1 – La coerenza tra maturità e stile 4 - Considerazioni generali 4.1 – Le degenerazioni degli stili 4.2 – Utilizzo dello schema 4.3 – Gli stili individuali

“Impero” e “lavoro immateriale” (inserito il 30/6/2005) di Alberto Burgio
E’ diffusa nell’attuale dibattito teorico-politico la propensione a ricavare dall’osservazione delle trasformazioni in atto nei sistemi di produzione e riproduzione la conseguenza della marginalità del rapporto capitale-lavoro, della fine della centralità della classe operaia ai fini del conflitto anti-sistemico, dunque - lo si espliciti o meno - della “obsolescenza” della critica marxiana del capitalismo. Si pensi a talune analisi del cosiddetto lavoro autonomo “di seconda generazione” (frainteso nel senso di una “ri-artigianalizzazione” del lavoro, emancipato dalla dimensione salariata); alle apologie del “terzo settore” (presentato come àmbito sottratto alla relazione mercantile); alla discussione sulla disoccupazione strutturale (nella misura in cui si manca di riconoscervi una forma di impiego delle forze produttive funzionale al contenimento del “costo” del lavoro vivo, e in questo senso una figura del lavoro sociale). [2] Al medesimo esito approda anche la linea di ricerca che fa capo ad Antonio Negri e alla cerchia dei suoi allievi, [3] ma in questo caso occorre segnalare una peculiarità.

Children, media & education in times of a disaster (inserito il 30/6/2005)
The horrible images of death and destruction following the earthquake and tsunami that has devastated tens of thousands of communities in Asia and eastern Africa --and killed more than 140,000 people--are having an impact on America's children as well. Concerned about the emotional well-being of their children, many parents, teachers, grandparents and mentors are looking for advice on how to respond to questions from children about unsettling and upsetting events taking place in Asia .

Psicologia turistica (inserito il 30/6/2005) di Alessandro Mereu
Negli ultimi anni, all'interno di quell'ampio settore d'indagine che e' la Psicologia Sociale, sta prendendo sempre piu' piede e si sta sviluppando una nuova e importante branca definita Psicologia del Turismo o, con un'espressione a mio avviso ancor piu' azzeccata, Psicologia Turistica. Ma cos'e' la Psicologia Turistica? Di cosa si occupa? Cosa studia? La risposta piu' scontata e' senz'altro questa: la Psicologia Turistica studia l'uomo-turista. Questa definizione da un certo punto di vista puo' anche essere corretta ma, senza dubbio, e' alquanto limitativa. Certo, la Psicologia del Turismo studia l'uomo in quanto turista, ma non solo. Il discorso e' di sicuro piu' ampio ed articolato.

Immanuel Kant: i concetti di tempo e spazio (inserito il 30/6/2005) di a cura di Diego Fusaro
La distinzione fondamentale tra fenomeni e noumeni , fra conoscenza e pensiero , pone un problema delicato per quanto concerne la conoscenza di sè , la cui soluzione crea numerose difficoltà al kantismo . Nell' Estetica trascendentale vengono esposte in modo assolutamente parallelo due forme pure a priori della sensibilità : Kant non fa altro , apparentemente , che ripetere a proposito del tempo quello che aveva già detto a proposito dello spazio . Tuttavia non é così semplice ed é ora il senso interno ora quello esterno ad avere la meglio . Il primato del tempo consiste nel fatto che , dal momento che tutte le operazioni sono in definitiva operazioni dell' anima , il tempo é la condizione a priori di tutti i fenomeni in generale : ogni oggetto deve essere conosciuto internamente . Nulla sfugge al senso interno . Ma da un altro punto di vista vi é un primato essenziale e notevole del senso esterno

Aspetti psicologici della gestione del dolore (per punti) (inserito il 30/6/2005) di Anne Brédart, Florence Didier,Elena Scaffidi, Tiziana Suardi
Come presentare la scala di valutazione? Come reagire di fronte al paziente che teme di parlare del suo dolore per paura di un peggioramento della malattia? Come reagire di fronte al paziente che manifesta aggressività per la difficoltà di controllare il suo dolore? Come reagire con il paziente che non vuole assumere morfina?

Ritalin: no grazie! (inserito il 11/4/2005)
Cari Genitori, In questi giorni, diversi organi di informazione hanno riportato la notizia della reintroduzione del RITALIN tra le medicine prescrivibili. Il RITALIN (oggi inserito tra le sostanze classificate come stupefacenti analogamente a cocaina, anfetamina, e barbiturici) servirebbe per "curare" la sindrome da iperattività (ADHD), una patologia che, secondo le statistiche del ministero della Salute, colpirebbe il 4% della popolazione in età pediatrica.

A Constitution for Cultural Revolution (inserito il 7/4/2005) di Ivan Illich
A Constitution for Cultural Revolution (Ivan Illich)

Lo tsunami e la virtualizzazone del mondo (inserito il 7/4/2005) di Jacques Mirlaud
Tra Natale e Capodanno, in qualche zona sperduta nei mari del sud, una leggera scossa tellurica sottomarina ha sollevato un’onda gigantesca che ha travolto qualche centinaia di chilometri di costa spazzando via tutto ciò che trovava al suo passaggio: uomini, animali ed oggetti che il destino aveva posto sulla sua strada. Come conseguenza, una tempesta di altro genere ha travolto i media occidentali nella furia di riferire le notizie riguardanti la catastrofe. Il conto delle vittime cresceva di ora in ora per arrivare nel giro di qualche giorno da 17000 a quasi 150.000 morti. I servizi trasmessi dai nostri schermi televisivi possono essere classificati in tre/quattro categorie: quelli effettuati da persone che si trovavano sul posto ed hanno quindi potuto filmare l’onda che si abbatteva su una delle tante stazioni balneari piene di turisti ammutoliti, e quelli che mostravano l’orrore delle conseguenze, con centinaia di cadaveri raccattati dalle spalatrici e gettati in fosse comuni, gli abitanti dei villaggi in lacrime e fuori di sé, il sorvolo di migliaia di palazzi ed infrastrutture sinistrati, turisti che scendevano dall’aereo ancora in stato di shock, reduci da vacanze interrotte in modo così brusco e tragico. Seguivano poi le stime molto approssimative delle ripercussioni economiche per l’industria locale e soprattutto per il turismo in Thailandia (il Paese meno colpito ma il più occidentalizzato).

I (inserito il 7/4/2005)
Statistiche speciali Il Parlamento italiano, quanto a presenza di donne, e' al settantatreesimo posto nella classifica mondiale, dietro al Lesotho e al Ruanda. (Fonte: Catena di S. Libero 277) Crime Clock AMERICAN and WORLD RAPE STATISTICS Le cifre dello scandalo I "democidi" nel XX secolo

Carta dei valori del volontariato (inserito il 7/4/2005)
CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO 2004 L'altruismo: atteggiamento irrazionale, strategia vincente o amore per il prossimo? VOLONTARIATO: PROBLEMI DI DEFINIZIONE E PROBLEMI DI SVILUPPO VOLONTARI 2000 IL MANUALE DELL'ATTIVISTA INFORMATICO (in inglese) IL BUSINESS DEGLI APPALTI DEL COSIDDETTO VOLONTARIATO ORGANIZZATO GLI SPAZI DELLA SOLIDARIETÀ

GROUP DYNAMICS Volume 8,Issue 3 (estratti) (inserito il 7/4/2005)
Group Dynamics Volume 8, Issue 3

Citazioni e motti sul management (inserito il 7/4/2005)
Quality Defined Quality Leadership Managing for Quality Culture of Quality Customers Communication Vision

Letture su Energy Psychology (inserito il 24/1/2005)


Meravigliosa modernità imperiale! (inserito il 24/1/2005)
Sono questi i meravigliosi risultati della modernità, del capitalismo e della democrazia che vogliamo esportare in tutto il mondo?

Directory di siti e riviste di Sociologia (inserito il 24/1/2005)
Aboriginals Aging AIDS Anomie Anthropology Antisemitism Architecture Army Art Asian Studies Atheism Behavior Buddhism Business

Learning to Learn (inserito il 24/1/2005)
"Once neighbour began meeting neighbour, they learned that many answers to their questions were available right there in Ozone. They didn't need experts. They just needed to start talking to each other (Adams 1975)." Why bother? The fact that you are reading this guide shows that you are already pretty good at learning. You have obviously learned to read. During your life you have learnt all manner of things, including expertise in a particular field which brings you to this course

Psychographics and it's effect on Group Dynamics (inserito il 24/1/2005)
Introduction In this type of psychographic categorization, we take all humans and first divide them into conformists vs. non-conformists, and then them into aggressive and non-aggressive, so we end up with four different groups of people. In my estimation, the first and largest group are the non-aggressive conformists, which I will refer to as sheep. Next is size are the non-aggressive non-conformists, who I shall refer to as beavers. Next are the aggressive conformists which will be referred to as the wolves, and finally the smallest group are the aggressive non-conformists, which are going to be the tigers. The labels really don't matter, you can refer to them as non-something somethings if you like.

Ambiente professionale & personalita' (autorientamento) (inserito il 24/1/2005)
AMBIENTE PROFESSIONALE & PERSONALITA’ (autorientamento) 1) Scegli nelle descrizioni di seguito, quella che meglio si adatta alla tua personalità e all’ambiente nel quale ti piacerebbe lavorare. Caratteristiche personalità: chi sei veramente? Complicato, emotivo, espressivo, immaginifico, con poco spirito pratico, impulsivo, indipendente, intuitivo, non conformista e originale. A Conformista, franco, onesto, materialista, naturale, perseverante, pratico, modesto e stabile. B Avventuroso, ambizioso, dominatore, energico e impulsivo, ottimista e alla ricerca del piacere, fiducioso in se stesso e popolare. C Conformista, coscienzioso, prudente, conservatore, ordinato, perseverante, con senso pratico e calmo. D Analitico, prudente, critico, curioso, indipendente, introverso, metodico, preciso e razionale. E Convincente, cooperativo, amichevole, di sostegno, idealista, gentile, responsabile, socievole e comprensivo.

Scacco al potere-Come resistere al potere e ai media che lo amano (inserito il 21/1/2005) di Amy Goodman
Andare dov'e' il silenzio. E' questa la responsabilita' di un giornalista: dare voce a chi e' stato dimenticato, abbandonato e calpestato dai potenti. E' la ragione migliore che conosco per portare le nostre penne, le telecamere e i microfoni nelle nostre comunita' e fuori nel mondo. Sono una giornalista di "Pacifica Radio", l'unico mezzo d'informazione indipendente che trasmette negli Stati Uniti, fondato nel 1949 da un uomo che si chiamava Lew Hill, un pacifista che si era rifiutato di combattere nella Seconda Guerra Mondiale. Quando usci' da un campo di prigionia dopo la guerra, disse che gli Stati Uniti avevano bisogno di un'emittente che non fosse gestita dalle stesse societa' per azioni che traevano profitto dalla guerra

Per un mondo migliore, non un viaggio nel nulla (inserito il 21/1/2005) di Paolo Barnard
Questo documento riconosce la vitale importanza dell’esistenza oggi di un Movimento, identificato nelle rappresentanze riunitesi a Porto Alegre e a Firenze, ma anche altrove nel mondo, capace di proporre modelli alternativi di esistenza e di sviluppo umano. Tuttavia, l’autore di questo scritto vede il suddetto Movimento ricalcare alcune delle modalità di azione che hanno portato altre esperienze, come il Pacifismo o la lotta al Neoliberismo, a un sostanziale fallimento. Le righe che seguono vorrebbero essere un contributo affinché le falle che si stanno aprendo nel grande vascello salpato da Porto Alegre non portino al naufragio di un’altra grande, quanto vitale, speranza.

Velocity and Viscosity (inserito il 9/11/2004) di Davenport T, Prusak L.
Velocity - the speed with which knowledge moves through an organization. Viscosity - the richness or thickness of the knowledge transferred. -- Davenport and Prusak (1998) Mobil Oil's engineers developed some sophisticated ways of determining how much steam is required to drill under certain conditions. When they applied their techniques, they found they could reduce the amount of steam they generated themselves and bought from outside sources. Since they knew the precise amount needed, the potential savings were huge. So they embedded the technique in an intelligent system, with the main focus being the knowledge's velocity in order to quickly get the information out to the field. This was done by sending a memo to all the drilling operations detailing the calculations and benefits. They assumed other sites would quickly adapt the innovation. Nothing happened. The effective viscosity level was zero.

Smart Mobs:The Next Social Revolution ed altro (inserito il 9/11/2004) di H. Rheingold
The Mobile Internet The War Over Innovation Wearable Computing Meets Virtual Community From the Screen to the Streets: On Political Smart Mobs Why Can't We Use Technology To Solve Social Problems? Moblogging and Journalism Benefits of Online Social Networks Amish Technology Practices Speech to BBC Online about the public sphere My Experience With Electric Minds

Carnivore (il gemello di Echelon) (inserito il 9/11/2004)
CARNIVORE è un software di sorveglianza elettronica passiva sviluppato per conto del FBI, con lo scopo di intercettare il traffico passante per una rete. Questo software, che in origine aveva il nome in codice DCS1000, fa parte di un pacchetto denominato "Dragon Ware Suite", ed è una sorta di sniffer evoluto, molto simile a quelli installati dai provider.

Le comunita'virtuali di apprendimento  (inserito il 9/11/2004) di Marco Muratore
INDICE PARTE 1: QUADRO TEORICO Capitolo 1: Un approccio all’apprendimento: il costruttivismo sociale Capitolo 2: Un po’ di storia: dalla formazione a distanza all’e-learning Capitolo 3: Le comunità di pratica Capitolo 4: Le comunità virtuali Capitolo 5: Possono esistere comunità di pratica virtuali? Capitolo 6: Le comunità virtuali di apprendimento

T.S.O. Trattamento Sanitario Obbligatorio (inserito il 9/11/2004) di Acarus
Un amico di vecchia data mi sollecita quasi quotidianamente a riflettere sullo stato di salute, segnalando come la mia vita sia - giorno dopo giorno - sempre più "a rischio". Ménage sedentario, peso superiore al "dovuto", consumo di alcool nella media (in relazione alla mia origine veneta) e, dulcis in fundo, dipendenza da tabacco significativa e oramai oltre che ventennale. In maniera ironica, ma anche con qualche parola di serio rimprovero, egli profetizza che tra qualche anno verrò recluso a forza per ristabilire un equilibrio psicofisico tale, che mi consenta di vivere almeno quanto previsto dagli standard della media occidentale

Vivere nell'età dell'entropia (inserito il 7/10/2004) di George Monbiot
Non pomperemo mai più di 82 milioni di barili", ha annunciato il mese scorso T. Boone Pickens, magnate del petrolio e capitalista d'assalto. Dato che al momento stiamo pompando 82 milioni di barili al giorno, Pickens ha detto che la produzione globale ha raggiunto il suo picco. Se ha ragione, allora si confermano le tesi del geologo Kenneth Deffeys, che l'anno scorso, tra lo scherno generale, ha detto di essere "sicuro al 99 per cento" che il picco si sarebbe raggiunto nel 2004. Ma, cosa ancora più importante, la civiltà industriale è destinata a finire.

Auto-diagnosi burnout (inserito il 7/10/2004) di Da: Mind Tools Corporation
Domande 1 Ti senti scarico di energie fisiche o emotive ? 2 Trovi che sei propenso a pensieri negativi circa il tuo lavoro? 3 Trovi che sei più duro e meno empatico verso persone che forse non lo meritano?

Selected Portions from the Neotech Discovery (inserito il 7/10/2004) di John Flint e Eric Savage
What is the Bicameral Mind? The bicameral mind is a human mind functioning in a particular, unconscious mode or manner...in the manner intended by nature. While the bicameral mind [ 1 ] exists in all people, it can be controlled or dominated by a special mode of consciousness developed not through mother nature but volitionally by each individual being. That mind control or domination can be exercised by an individual over himself and others. Or an individual can allow that mode of consciousness in others to control or dominate his or her bicameral mind

Identikit del formatore (inserito il 7/10/2004) di Franca Roma
” è portatore di caos. E’ un pungolo. L’entropia di un sistema statico come quello attuale è bassa. Caos vuol dire rimescolare cose apparentemente perenni. Facendolo con energia sufficiente si ottiene una nuova possibile combinazione: non sempre migliore, ma almeno “altra”. La carte da gioco ancora sigillate sono rigidamente e razionalmente accorpate, ma per giocare bisogna metterci il caos dentro. (La legge dell’entropia è talmente affascinante che mi ha stregato.) Senza caos la mente umana ingloba come una spugna cose vecchie dentro cassetti vecchi. “Formatore” toglie la polvere e fa prendere aria.

Stress e Burnout - Un problema crescente per i lavoratori non manuali (inserito il 9/9/2004)
PARTE I Stress e Burnout - Descrizione sommaria e tendenze generali. L’andamento dello stress e del burnout degli anni novanta A cura di Birgitta Rolander ............................................................ 1 Lo stress relativo al lavoro et le sue conseguenze A cura di Marie Åsberg, Åke Nygren e Gunnar Rylander.... 12 Lo stress ed il suo costo – una risposta dell’OIL A cura di Vittorio Di Martino...................................................... 30 Stress e burnout – da un problema globale ad una soluzione globale A cura di Michiel Kompier.............39 La difesa degli interessi dei lavoratori e la nuova autonomia sul lavoro A cura di Wilfried Glissmann.......... 51 Lo stress tra i lavoratori non manuali in Giappone A cura di Tadahisa Oyanagi ................ 67 Stress e burnout – Una prospettiva indiana A cura di Dilip Kumar Palit..........................................................

Progetto Stress e Sindrome del Burnout in ambito Sanitario (inserito il 9/9/2004)
PREMESSA Scopo di questo documento è di informare i partecipanti sullo stato di avanzamento del progetto di ricerca “Stress e sindrome del burnout in ambito sanitario”. Il presente documento sarà prodotto con cadenza quindicinale e riporterà: - gantt dello stato di avanzamento dei lavori rispetto ai tempi concordati in fase di progettazione - eventuale proposta di revisione della tempistica delle singole fasi - scheda di sintesi delle macro fasi e descrizione delle attività svolte con relativi riferimenti temporali - sintesi dei dati raccolti in forma tabellare e grafica - osservazioni e note

Torture (inserito il 9/9/2004) di M. Foucault
I. Torture. 1. The Body of the Condemned On 1 March 1757 Damiens the regicide was condemned "to make the amende honorable before the main door of the Church of Paris", where he was to be "taken and conveyed in a cart, wearing nothing but a shirt, holding a torch of burning wax weighing two pounds"; then, "in the said cart, to the Place de Grève, where, on a scaffold that will be erected there, the flesh will be torn from his breasts, arms, thighs and claves with red-hot pincers, his right hand, holding the knife with which he committed the said parricide, burnt with sulphur, and, on those places where the flesh will be torn away, poured molten lead, boiling oil, burning resin, wax and sulphur melted together and then his body drawn and quartered by four horses and his limbs and body consumed by fire, reduced to ashes and his ashes thrown to the winds" (Pièces originales..., 372-4).

Lettori di RSS Newsfeed sul tuo desktop (inserito il 9/9/2004)
RSS Quickstart Guide Get a grip on RSS in three easy steps! RSS is an acronym for Really Simple Syndication. It is what it claims to be: a quick and easy way to create and use "syndicated content" such as news headlines and announcements. Some websites (like this one) use RSS to deliver articles and article previews to readers who are simply too busy to browse to our site and dig up the content they are interested in. Other sites use RSS to alert customers of new products or upcoming events.

NewsTrove -Ottimo servizio gratuito per mantenersi informati (inserito il 9/9/2004)
RSS stands for Really Simple Syndication. It's the most popular way of syndicating news and information. Businesspeople, researchers, students, journalists, or anybody with an interest use RSS to receive up-to-the-minute news on their favorite subjects. There are two pieces you will need to use RSS: the newsfeed, and an RSS newsreader. NewsTrove scours nearly 200,000 sites looking for news-worthy information and generates the RSS newsfeeds, which are read by a newsreader. NewsTrove has partnered with Pluck, a free RSS newsreader that plugs into your Internet Explorer browser to enable you to read the newsfeeds

Da Kant a Foucault: che cosa resta del diritto d'autore? (inserito il 9/9/2004)
Letture sul conflitto e le diverse possibili soluzioni Da Kant a Foucault: che cosa resta del diritto d'autore?

Appunti per lo sviluppo dell'apprendimento emotivo (inserito il 9/9/2004)
PREMESSA - Emozioni a dimensione infinita: i pensieri seguono la logica, le emozioni seguono la psico-logica. Da Matte Blanco a Goleman, il percorso della doppia elica dell'unità psico-fisico-mentale. "La scissione esistente nell'attuale vita sociale tra idee che hanno autorità scientifica e le emozioni incontrollate che dominano nella pratica, la scissione tra l'affettivo e il cognitivo, è forse una delle principali sorgenti di disadattamento e di intollerabile tensione di cui il mondo soffre". (J. Dewey, 1939)

Prova il questionario sugli stili di apprendimento (inserito il 9/9/2004) di Barbara A. Soloman e Richard M. Feder
Directions Please provide us with your full name. Your name will be printed on the information that is returned to you. Full Name For each of the 44 questions below select either "a" or "b" to indicate your answer. Please choose only one answer for each question. If both "a" and "b" seem to apply to you, choose the one that applies more frequently. When you are finished selecting answers to each question please select the submit button at the end of the form.

La misura della prevenzione (inserito il 8/9/2004) di Ignazio Drudi
La logica perversa degli indicatori: la degenza ospedaliera è decisa in funzione dell'indice di occupazione dei posti letto, gli esami universitari diventano più facili o difficili a seconda della durata programmata degli studi etc.. L'obiettivo dei servizi pubblici non è più la pubblica utilità ma il conseguimento del livello ottimale dell'indicatore

Online Community Toolkit (inserito il 4/6/2004)
Virtual Communities: What and Why? Types of Online Community The Tools of Online Connection Online Interaction Tool Tour Dictionary of Online Interaction Terms Designing Online Events Online Events Assessment Tool

Personality theories (inserito il 4/6/2004) di George Boeree
This is an electronic textbook ("e-text") created for undergraduate and graduate courses in Personality Theories. While it is copyrighted, you may download it or print it out without permission from the author, as long as the material is used only for personal or educational purposes, and the source is indicated. I hope you enjoy the chapters!

Gene Pool: Preserve, celebrate, simulate...biodiversity (freeware) (inserito il 4/6/2004)
What is Gene Pool? Gene Pool is an artificial life simulation in which populations of physics-based organisms evolve swimming capabilities over time. These organisms are called "swimbots". You can set mate preference criteria and thus influence what the swimbots consider as attractive qualities in potential mates. The most attractive swimbots get chosen most often and so their genetic building blocks propogate to future generations.

Tools for conviviality (inserito il 4/6/2004) di Ivan Illich
The year 1913 marks a watershed in the history of modern medicine. Around that year a patient began to have more than a fifty-fifty chance that a graduate of a medical school would provide him with a specifically effective treatment (if, of course, he was suffering from one of the standard diseases recognized by the medical science of the time). Many shamans and herb doctors familiar with local diseases and remedies and trusted by their clients had always had equal or better results.

Building the future (inserito il 4/6/2004)
Chapter I. Leadership skills Effective Leadership Leadership for the Situation Motivation and Leadership Working with Volunteers

Aggioramento e restyling del sito Piccoli Gruppi (inserito il 4/6/2004)
Queste pagine si propongono come luogo di informazione e confronto sulle esperienze di vita e conduzione dei piccoli gruppi, attivi nella realtà materiale e in quella immateriale. La ricerca sui piccoli gruppi di socialità, formazione, lavoro nella realtà materiale è da tempo ferma, poiché vive della rendita lasciata dal pensiero anglosassone elaborato all'incirca dal dopoguerra agli Anni Ottanta. Sembra giunto il momento di rivedere i paradigmi teorici che sono alla base dello studio e della pratica dei gruppi quotidiani.

(E)lezioni democratiche (inserito il 27/4/2004) di Acarus
Due sono le tesi che i "paria" italiani sostengono per occupare Nassirya. Due sono le tesi che impediscono a ciò che rimane dell'ONU di far cessare la sofferenza di donne e bambini. Due sono le tesi che nemmeno i No/New Global sanno e vogliono confutare.

Presente e futuro delle professioni sociali per il nuovo Welfare territoriale (inserito il 27/4/2004)
Premessa ANCI, FederSanità ANCI, Legautonomie e UPI quando - come associazioni di rappresentanza delle autonomie locali – hanno deciso di avviare un’approfondimento sulle possibilità applicative dell’art. 12 della Legge 328/2000, hanno avuto presente che il compito che stavano assumendo e le difficoltà che avrebbero trovato sul loro cammino non sarebbero state di poco rilievo. La mancanza di una iniziativa specifica e doverosa, nel merito, da parte del governo nazionale, sta rendendo sempre più difficile affrontare la quotidianità dei servizi sociali, dei servizi alla persona, anche in considerazione che gli interessi in campo, attorno a questo tema sono molti, così come le attese.

L'intelligence collective et ses objects (inserito il 27/4/2004) di Pierre Lévy
La Communication tous-tous Le cyberespace en voie de constitution autorise pour la première fois une communication non médiatique à grande échelle. Comme on le sait, les médias classiques (relation un-tous) instaurent une séparation nette entre centres émetteurs et récepteurs passifs isolés les uns des autres. Les messages diffusés par le centre réalisent une forme grossière d'unification cognitive du collectif en instaurant un contexte commun. Néanmoins, ce contexte est imposé, transcendant, il ne résulte pas de l'activité des participants au dispositif, il ne peut être négocié transversalement entre les récepteurs. Le téléphone (relation un-un) autorise une communication réciproque, mais ne permet pas de vision globale de ce qui se passe sur l'ensemble du réseau ni la construction d'un contexte commun

BURNOUT - Burn-out in Sanità: sindrome da stress o malattia professionale? (inserito il 27/4/2004) di Francesca Lamanna
Il termine burn-out che in italiano può essere tradotto come “bruciato”, “scoppiato”, “esaurito”, ha fatto la sua prima apparizione nel gergo del mondo dello sport nel 1930 per indicare l’incapacità di un atleta, dopo alcuni successi, ad ottenere ulteriori risultati e/o mantenere quelli acquisiti.Lo stesso termine è stato riproposto in ambito socio-sanitario per la prima volta nel 1975 dalla psichiatra americana C. Maslach la quale, nel corso di un convegno, utilizzò questo termine per definire una sindrome i cui sintomi testimoniano l’evenienza di una patologia comportamentale a carico di tutte le professioni ad elevata implicazione relazionale.

comunità virtuali e nuovi processi della conoscenza: il modello opensource (inserito il 27/4/2004) di Loris D'Emilio
La realtà virtuale può essere anche uno strumento di conoscenza? Secondo Francesco Antinucci, direttore della sezione Processi Cognitivi e Nuove Tecnologie dell'Istituto di Psicologia del CNR,

la dimensione sociale di internet (inserito il 27/4/2004)
Comunità virtuali In ogni tipo di comunità umana sono di capitale importanza i rapporti interpersonali. In passato il contatto fra i membri della comunità avveniva prevalentemente in un ambiente fisico condiviso, che dava la possibilità di comunicare, sulla base di interessi e conoscenze comuni, con interlocutori ben determinati.

glossario della formazione (inserito il 27/4/2004) di U. Margiotta
A Abilità (Skill) (v.anche qui) Insiemi più o meno ramificati di contenuti di conoscenza, che possono essere sistemi simbolici, corpi di credenze, quadri disciplinari, specifici quadri teorici e/o interpretativi della realtà, dell’esperienza, della condotta. Tali molteplici contenuti di conoscenza sono analizzabili, scomponibili, acquisibili e trasformabili nel tempo. Vedi anche Abilità complesse e Abilità di base [U.M.].

Il terrorismo ebraico (inserito il 30/3/2004) di Luigi Bonanate
E’ nel 1921 - quando gli scontri tra le due etnie, quella ebraica e quella arabo-palestinese si intensificano - che i leader storici del movimento sionista (tra i quali Ben Gurion, futuro premier dello Stato di Israele) decidono di dar vita a un'organizzazione paramilitare di difesa popolare, Haganah: le promesse inglesi fatte in tempo di guerra (la prima guerra mondiale) restavano, infatti, lettera morta. Prende così l’avvio quella che sarà una interminabile lotta tra due popoli, una lotta senza soluzioni di continuità, né, purtroppo, interventi internazionali degni di tale nome. Il movimento armato di lotta ebraico in Palestina si organizza lungo tre direttrici, diversificate non tanto dall'obiettivo politico, quanto da differenti scelte strategiche

Totò, Peppino e la guerra psichica (inserito il 30/3/2004) di Luther Blissett
Molte soggettività delle colonne italiane del Luther Blissett Project hanno deciso di iniziare il millennio con un seppuku, un suicidio rituale. Il suicidio è la dimostrazione pratica della rinuncia di Blissett alla sopravvivenza come logica identitaria e territoriale. Il suicidio è l'ultimo, estremo, radicale darsi alla macchia di un eroe popolare.

A Learning Tool Book B1. Argomenti di apprendimento in rete (inserito il 30/3/2004) di E. Martinago
Ho iniziato a scrivere questo libro nell’agosto dell´anno scorso, su richiesta di un editore e per delle finalità che incidenti di percorso piuttosto comuni nel settore hanno impedito di conseguire. Sicuramente una delle cause è legata alla mia pigrizia e a un certo puntiglio che hanno ritardato le consegne.

Se credevate di vivere in un paese sovrano (inserito il 30/3/2004) di Marilina Veca
Il 3 agosto 1995- molti anni-luce orsono- era Ministro per le Riforme Istituzionali il giurista Giovanni Motzo. Pochi lo ricorderanno, eppure l'allora Ministro rilasciò al quotidiano "Avvenire" alcune dichiarazioni, in merito agli accordi internazionali che legano il nostro Paese al Patto Atlantico, che meritano di essere ricordate, anche per sottolineare che gli attuali Ministri del Governo in carica sembrano rappresentare un'altra nazione ed un'altra Costituzione rispetto a quella di cui parlava Motzo soltanto 6 anni fa.

Becoming a Brillant Star (inserito il 30/3/2004) di W. Huitt
There is much discussion in education and psychology about the need to "develop the whole child." But what exactly does that mean? In order to answer that question one needs to have some view of the nature of a human being and the purpose of this life. The concept of "Becoming a Brilliant Star" is designed to address this issue as a guide to developing home- and school-based educational curricula for parents, educators, and others responsible for developing the qualities of children and youth. The basic philosophy stems from dynamical systems theory and the approach has been labeled "holistic formative education" to emphasize the need to focus more on the formative processes in each of the multiple domains of human development.

The seven character traits of successful people (inserito il 29/3/2004) di Chris Widener
1- They are hard working. There is no such thing as easy money. Success takes hard work and people who are willing to do it. 2 - They are honest. Those who are successful long-term are the honest ones. Dishonest people may get the first sale, but honest people will get all the rest!

10 commandments for Leaders (inserito il 29/3/2004) di Susan Boyd
1. Thou shall review the course description prior to class and make sure thou meets the pre-requisites. Prior to class, review the course description, objectives and topics and see if you have the pre-requisites skills. Talk to others who have attended the course and see how they are using the skills. 2. Thou shall meet with thine manager before and after the course to discuss the training and how it can be applied. Meet with your manager before class to discuss how the course information can be applied to your job needs. Find out your manager's expectations. After the class, discuss the training with your manager and determine what support is needed for you to apply the skills.

Ricerche (inserito il 29/3/2004)
La ricerca cambia sempre l'oggetto della sua indagine: ricercare è intervenire. Queste pagine sono dedicate alle ricerche on-line e off-line. Ogni Ricerca offre una o più dispense leggibili assolutamente gratis on-line, uno strumento per la ricerca con i dati già raccolti ed elaborati. Lo strumento è compilabile on e off-line e i dati del compilatore saranno aggiunti a quelli esistenti, ed elaborati/comparati in tempo reale. Questo spazio presenterà anche ricerche realizzate nel mondo reale e lancerà proposte di nuove ricerche fra i cittadini di Psicopolis.

Stato, Legalità, Appartenenza. (inserito il 29/3/2004) di Acarus
La morte dello Stato, quale forma di espressione del legame sociale nel nostro Paese, sta occupando la scena del teatrino della Politica. Il percorso storico che porta alla nascita dello Stato Nazione è segnato in maniera indissolubile alla concezione moderna della legalità: svincolata dall'origine divina del potere, la legalità che fonda lo Stato-Nazione si radica nel contratto tra i cittadini e nella cessione a terzi (rappresentanti) di poteri governamentali e dell'esercizio della violenza (polizia).

Misteri della psicologia delle masse ed una sfida alla soluzione (inserito il 29/3/2004) di Eva Zenith
Mistero1 - Come mai il tifo calcistico -o di altri sport- per una squadra (oggi esteso anche alle donne) continua per anni malgrado i cambiamenti di atleti, malgrado le vicissitudini negative delle squadre, malgrado i ricorrenti scandali?

Il RItalin in Italia (inserito il 29/3/2004) di Luciano Gianazza
Ritalin, il farmaco-droga che a detta della psichiatria dovrebbe curare l'ADHD (un presunto disturbo dell'apprendimento dovuto a iperattività spesso diagnosticato ai bambini), sarà presto rimesso in vendita anche in Italia. Quello che l'impero farmaceutico, tramite i suoi devoti collaboratori, sta preparando in Italia è un attentato alla salute di milioni di bambini al fine di instaurare un mercato da migliaia di miliardi

11 marzo 2004 (inserito il 29/3/2004) di Acarus
Di fronte a duecento bare di uomini e donne innocenti è sempre difficile riflettere. Il ragionamento è vinto dalle lacrime di incredulità e rabbia, dal sentimento di odio e dal desiderio di vendetta che sgorga dal cuore e dalle viscere. E infatti, come dopo l'altro "11", i proclami di guerra al terrorismo non si sono fatti attendere: richiami all'unità dell'Occidente, alla sicurezza internazionale, all'unità di tutte le forze democratiche, alla necessità di reagire, di tenere il campo (in Iraq, Afghanistan, Cecenia) partite da Madrid, hanno attraversato Bruxelles, Roma, Washington, Mosca.

La gestione non violenta del conflitto (inserito il 19/2/2004) di Lidia Menapace
La guerra è sempre un crimine È possibile una politica di pace? Introdurre una risposta a questa domanda non è possibile se non si ricorda quello che sta succedendo in Libano o in Liberia, o cosa ancora è minaccioso nella ex-Jugoslavia. Sarebbe astratto incominciare a pensare senza fare riferimento a tali realtà, perché questi soli tre nomi significano sostanzialmente che una politica di pace ancora non esiste. Ci sono solo tentativi per sedare i conflitti, per chiudere delle guerre. E tutto questo, che è solo una specie di balbettamento anche se bene intenzionato, significa che nel pensiero politico non c’è ancora una fondazione teorica sufficiente, e non voglio dire adeguata, di una politica della pace.

appunti delle ultime 25 lezioni tenute dal prof. Enzo Spaltro (inserito il 2/2/2004)
OSSERVAZIONI SUL CONCETTO DI GRUPPO La psicologia del lavoro è ormai diventata un'entità troppo grande per potere essere compresa in un corso universitario, ristretto dai vincoli della suddivisione tipica della nostra mentalità autoritaria e della violenza del linguaggio ufficiale che impedisce altre vie di comunicazione rispetto a quelle imposte dal potere vigente. Per questo motivo ho preferito limitare il corso di quest'anno ad un singolo argomento che possiamo dire trasversale rispetto al problema del lavoro e della sua dimensione soggettiva: il problema del gruppo e della sua natura specificamente soggettiva, che fa parlare sempre di più del lavoro come di un soggetto plurale. Per sviluppare questo settore devo dare alcune caratteristiche specifiche di questo tipo di didattica che richiedono impegno, ma soprattutto attitudine al cambiamento e flessibilità di motivazione.

Discorso sulla servitù volontaria (inserito il 29/1/2004) di Etienne de la Boétie
In primo luogo, credo che sia fuori dubbio che, se vivessimo secondo i diritti che la natura ci ha dato e secondo gli insegnamenti che ci rivolge, saremmo naturalmente obbedienti ai genitori, seguaci della ragione e servi di nessuno.

CyberTempo - Tempo e Spazio in Internet (inserito il 28/1/2004) di Alberto Raviola
La crescita progressiva della "rete delle reti" sembra essere motore e allo stesso tempo effetto del processo di mutazione antropologica contemporaneo, caratterizzato dalla progressiva estensione del corpo, al di là del contenitore naturale, in protesi artificiali investite libidicamente ed annesse alla costituzione della soggettività.

Il pensiero del cuore (inserito il 28/1/2004)
Quando Petrarca, il 6 aprile del 1327, all’età di ventidue anni, scorse nella chiesa di Santa Chiara ad Avignone una leggiadra fanciulla, il cuore prese a battergli forte, si fermò, gli salì in gola. La sua anima era stata sopraffatta dalla bellezza. Fu in quell’istante che ebbe inizio il Rinascimento? O era già incominciata, questa «vita nuova», nel 1274, quando Dante a nove anni vide per la prima volta Beatrice («colei che dispensa beatitudine»), bambina vestita di «colore sanguigno» e anima mandi, che destò il suo cuore alla vita estetica?

Beyond the supercomputer: social groups as self-invention machines (inserito il 28/1/2004) di Howard Bloom
In the new evolutionary disciplines there is a debate with major implications for the way in which we view politics, citizenship, emotions, health, ideology, and even the perceptual processes that produce a consensual reality.

Curing the Therapeutic State:Thomas Szasz on the medicalization of American life. (inserito il 28/1/2004) di Jacob Sullum
Simply having one of Thomas Szasz's books on your shelf can lead to an argument. Explaining his most familiar contention--that there is, strictly speaking, no such thing as "mental illness"--almost invariably does. And the very mention of his name has been known to provoke a heated response from certain people. I once asked a psychiatrist I knew if he was familiar with Szasz's work. "Oh, he's crazy!" he exclaimed, inadvertently illustrating Szasz's point that such labels are often used to stigmatize people who offend or disturb us

Team Development and Organisational Development (inserito il 28/1/2004) di Rudi Ballreich e Friedrich Glasl
In this article, we identify five levels of cooperation within teams: the individual members, the content level, the interaction level, the procedural level and the level that governs the quality of external relations of the group to its environment. Each of these levels can be a source of conflict potential and therefore a good starting point for efforts at conflict resolution. We offer a number of suggestions for addressing conflict within teams at all these levels. In particular, we propose the rethinking of individual roles and of methods of team decision-making.

La Sovranità dell‘Individuo - Saggio sulla libertà in America (inserito il 28/1/2004) di Luigi Corvaglia
L'immigration Act del 16 Ottobre 1918 nega agli anarchici l’ingresso negli Stati Uniti. La citazione sopra riportata è significativa per due versi: da un lato rende chiara la preoccupazione delle autorità statunitensi affinché si ponesse un filtro per gli immigrati europei ed ebrei che ne bloccasse appunto quelli in odore di "anarchismo", dall’altro rende evidente la pochezza intellettuale e politica delle stesse autorità che racchiudevano sotto quella generica etichetta idee, esperienze, modi di sentire e pratiche estremamente disparate e sfaccettate. Idee ed esperienze che negli anni cinquanta, in epoca maccarthista, sarebbero state definite "anti-americane

L’uomo nel mondo postmoderno: speranze, naufragi e chimere (inserito il 28/1/2004) di Simonetta Bisi
Postmoderno, postmodernismo, o ipermodernismo per dirla con Giddens (1994): da più di dieci anni queste parole occupano libri, articoli di giornali, dibattiti e corsi universitari. Un interesse diffuso a vari livelli - scientifico o artistico, letterario o sociologico, filosofico o linguistico - un interesse verso qualcosa di unico, poco previsto e da pochi annunciato: un mondo dove il processo informatico, l’economia globale e i media hanno portato, e stanno portando, profonde trasformazioni nella vita delle nazioni e degli individui, nelle comunità e nei rapporti interpersonali. Il postmoderno sembra essere un problema di difficile interpretazione sia per chi lo vive, sia per chi lo osserva, anche se da più di vent’anni domina i dibattiti sullo scenario culturale di gran parte del mondo. E sempre intorno al ‘postmoderno’ fioriscono accese controversie, il cui centro – nelle arti come in filosofia – si può sintetizzare in un unico dilemma: il moderno è morto, o no? E se lo è, quale ‘postmoderno’ gli sta succedendo

EPISTEME: Physis e Sophia nel III millennio (inserito il 28/1/2004)
Abbiamo scoperto da tempo che la storia non è l'opera di eroi. Che la scienza non sia prodotta da geni?" (Lucio Russo)

Ammazzare il tempo (inserito il 28/1/2004) di John Zerzan
La dimensione del tempo ultimamente sta ricevendo grande attenzione a giudicare dal numero di film incentrati su questo tema, come Ritorno al futuro, Terminator, Peggy Sue si è sposata ecc. A Brief History of Time di Stephen HawkIngs (1989) è stato un best-seller ed è diventato, cosa ancora più sorprendente, un popolare film. Notevole, oltre al diversi libri sul tempo, è il numero ancora più alto di quelli che in realtà non ne parlano, ma che comunque comprendono questa parola nei loro titoli, come The Color of Time: Claude Monet di Virginia Spate (1992). Tali riferimenti riguardano, seppure indirettamente, l'improvvisa, angosciante consapevolezza del tempo, lo spaventoso senso di essere legati ad esso.

Il coraggio di negoziare e l'equivoco dell'onore (inserito il 28/1/2004) di Ektor Georgiakis
Gli animali non fanno guerre. Predano, in genere altre specie, per sopravvivere. All’interno della specie, confliggono per l’altro sesso, per il territorio, per la leadership sul branco, per difendere la prole. Questi conflitti sono tuttavia per solito simbolici, a volte al “primo sangue”a volte senza neppure contatto fisico. Appena risulta chiaro che uno dei due avversari non è più debole, ma più forte o alla pari, il combattimento si spegne e i due si allontanano. Il mondo animale non dispone di capacità superiori, dunque non può negoziare. Vince il più forte, ma il debole non deve necessariamente essere eliminato: si ritira.

Ricerca documentale (inserito il 28/1/2004)
Ho svolto questa ricerca documentale per esplorare le questioni relative al lavoro/non lavoro che oggi sembrano sempre più urgenti. La evidente crisi economica, certo non attenuata dalla crescita "gonfiata" dalla economia di querra Usa, unitamente ai processi di globalizzazione ormai inarrestabili, fanno intravvedere un futuro in cui il lavoro dipendente sarà per pochi e di sempre minore qualità. (Mircea Meti) Materiali I materiali presentati non rappresentano una posizione ideologica nè mia nè di Psicopolis. Sono solo il risultato di un lavoro di esplorazione in Rete. Lavoro che speriamo sarà arricchito da nuove segnlazioni

Documenting Psychiatry - A Human Rights Abuse and Global Failure (inserito il 1/12/2003) di AA.VV
(Deutsch, English, Español, Français, Italiano) Psychiatry Committing Fraud - Betraying Society Psychiatry Betraying & Drugging Children - Harming Lives Psychiatry Destroys Minds - Electroshock Pain and Fraud in the Name of Therapy Psychiatry Manipulating Creativity In the Name of Help Psychiatry Destroying Religion - Creating Evil Psychiatry's Betrayal - Creating Racism Psychiatry Education’s Ruin - Destroying Lives Psychiatry Victimizing The Elderly - Denying Respect Psychiatric Rape - Betraying Women Psychiatry Eradicating Justice - Creating Crime Psychiatry Destroying Morals - Creating Chaos

Progetto W.Smith (inserito il 1/12/2003) di AA.VV.
Winston Smith è il protagonista di "1984", il celeberrimo romanzo di George Orwell; alla fine del romanzo, Winston Smith soccombe al sistema del Grande Fratello. Oggi, nel Terzo Millennio, il Grande Fratello si e' gia' materializzato, passando dalla carta stampata di un romanzo al mondo reale, e sta crescendo giorno dopo giorno; questo avviene tra l'indifferenza generale, ed addirittura con il consenso di molti. Noi non vogliamo che accada ! Noi abbiamo i mezzi per tutelare il diritto alla privacy. Noi non assisteremo passivamente all'avvento del Grande Fratello.

IL SALE DELL’ANIMA, LO ZOLFO DELLO SPIRITO (inserito il 1/12/2003) di J.Hillman
Ho intitolato questo scritto Picchi e valli, e mi sono riproposto di tenere separate queste immagini per metterle in contrasto il più nettamente possibile. Rientra nel distinguere e nel tenere separato anche l’emozione dell’odio. Così io mi esprimerò con odio e con incalzante polemica, con eris, con polemos, che secondo Eraclito, l’antenato più antico della psicologia, è padre di tutte le cose.

Legge Biagi (inserito il 1/12/2003)
DECRETO LEGISLATIVO 10 settembre 2003, n.276 Attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro, di cui alla legge 14 febbraio 2003, n. 30. (GU n. 235 del 9-10-2003- Suppl. Ordinario n.159)

AIDS: errore o soluzione politica? (inserito il 2/11/2003)


Il progetto Winston Smith (freeweb) (inserito il 2/11/2003)


CAOS COSMOS e CRONOS - Idee per l’ epoca digitale (inserito il 2/11/2003)


Le nuove teorie della mente e le nuove tecnologie (inserito il 2/11/2003)


La più grande raccolta di crnologie del web (inserito il 2/11/2003)


Museo fotografico dei grandi delle Scienze Sociali (inserito il 2/11/2003)


Attualità di un libertario: Wilhelm Reich (inserito il 26/6/2003) di Valerio Evangelisti
"Tanto scomodo da finire i suoi giorni in un carcere americano, vittima di un sistema in cui aveva finito ingenuamente col credere. Fu questa la sorte di Wilhelm Reich (1897-1957), uno dei pensatori più originali del XX secolo e, forse per questo stesso motivo, uno dei più rimossi dalla cultura e dalla storia. Psicanalista dissidente e poi biologo eterodosso, a lui si devono acquisizioni tanto disparate come la psicosomatica, lo studio delle connessioni tra cancro e depressione, l’analisi del carattere, la “rivoluzione sessuale” che condizionò i giovani del ’68..."

Archivio pubblicazioni G. Contessa (inserito il 31/3/2003) di Guido Contessa
Contributi su Dizionari/Enciclopedie "AGGRESSIVITA' in Dizionario di Psicologia del Lavoro, Ghisoni Editore, Milano 1976 "FORMAZIONE" in Dizionario di Psicologia del Lavoro, Ghisoni Editore, Milano 1976 "TEMPO LIBERO" in Dizionario di Sociologia, Edizioni Paoline, Cinisello Balsamo MI 1976 1^ edizione "PSICOLOGIA DI COMUNITA' in Enciclopedia Pedagogica, Editrice La Scuola, 1989

Le reti neurali aiuteranno a spiegare come nasce il pensiero (inserito il 31/3/2003)
Come sono fatte le reti neurali e come mai sono in grado di riconoscere forme come quelle dei caratteri? Le reti neurali sono ispirate al sistema nervoso, nel senso che una rete è un insieme di nodi, di unità che sono simili, in un modello semplificato, alle cellule nervose. Queste unità sono collegate fra loro da connessioni che simulano i collegamenti sinaptici fra neuroni.

La grande trovata di Bin Laden (inserito il 31/3/2003) di Dario Fo e Franca Rame
Ma che mostri di efficienza sono questi della Cia! Ancora Bin Laden non aveva finito di incidere l'ultimo comunicato (solo in audio) e gia' loro sapevano che lo aveva fatto e ne certificavano l'autenticita'. Bin Laden lo conoscono talmente bene che gli basta sentire la sua voce mal registrata su un nastro di fortuna per riconoscerlo senza dubbio alcuno. Anche prima che parli. Il vecchio Bin, compagnone di scorribande con i lanciarazzi contro gli elicotteri sovietici, loro lo conoscono bene.

Formazione Psicologica: Un caso di supervisione: specularità e frattali (inserito il 31/3/2003) di Guido Contessa
Il caso che presento è solo uno dei tanti che ho incontrato in quella particolare attività di formazione psicologica che riguarda i gruppi "family" e che a volte viene svolta come supervisione. Ho incontrato casi simili con gruppi di insegnanti dello stesso Consiglio di Classe, con equipés di operatori di Comunità per tossicodipendenti, con animatori di Istituti di Riabilitazione Psichiatrica, con educatori di Centri per handicappati mentali, con equipés di Consultori. La frequenza di questo fenomeno è inversamente proporzionale alla letteratura disponibile e ciò dipende forse dal coinvolgimento del formatore che, immerso nella relazione col sistema utente e cliente, ne assume certe proprietà senza esserne consapevole

Banalità di Base: breve storia dell'Internazionale Situazionista (inserito il 31/3/2003) di David Fasic
All'Internazionale Situazionista ci sono arrivato partendo dalla psicogeografia. Mi piacciono le mappe fin da piccolo, le seguivo e mi hanno inseguito fin qui. Disegnavo mappe mentali prima di scoprire che si chiamassero così. Poi ho sentito parlare di psicogeografia e mi son buttato nella ricerca. Delusione. Di materiale sulla psicogeografia non ne gira un granchè, i situazionisti han prodotto qualcosa negli anni 50, ma i concetti di urbanismo unitario e psicogeografia sono stati presto abbandonati dal gruppo

Il gotico nelle grandi cattedrali (inserito il 31/3/2003)
Con il termine "gotico" si indica uno stile architettonico che si diffuse in Europa a partire dalla fine del XII secolo. Questa denominazione, nata come termine negativo nella storiografia rinascimentale, testimonia di un giudizio inteso soprattutto a sottolineare la distanza che il nuovo stile rivelò nei confronti delle proporzioni e delle armonie dell'arte classica, che il romanico aveva invece saputo conservare. La nuova arte, nella quale si manifestava una mentalità più esuberante e insofferente delle vecchie regole, "priva" di misura e di equilibrio, fu avvertita come barbarica o, appunto, gotica (dei Goti).

Per la Fine del Lavoro, per il Salario Garantito (inserito il 31/3/2003) di Alberto Raviola
Critica impietosa dello stato assistenziale e rinnovato epos del libero mercato tengono saldamente la scena del dibattito politico. Al centro il Lavoro. Primaria fonte di preoccupazione della Politica contemporanea. I nostri governanti si affannano a ricordarci come l'opulenza dell'Occidente non si possa compiere se non con la "piena occupazione". La semantica dell'inganno è costellata da inviti a lottare contro la disoccupazione di lunga durata, a promuovere l'occupazione giovanile, ricorrere alla cassa integrazione (se necessario), incentivare il prepensionamento, inventare condoni e cercare ricette neo-qualcosa!

Riflessioni in Progress (inserito il 31/3/2003) di Mircea Meti
Chi analizza con serenità i fatti politici attuali, senza cadere nelle manipolazioni della dis-informazione, non puo' non rendersi conto del grandioso cumulo di errori in cui incorso Bush dalla sua infausta elezione. Il primo e' stato il disastro dell'11 settembre che, anche laddove fossero fugati i sospetti di una connivenza dell'Amministrazione, è stata una clamorosa prova di inettitudine, delle Forze Armate e dei Servizi di Spionaggio Usa.

Le convenzioni di Ginevra in Italiano (inserito il 31/3/2003)
Offriamo i links agli articoli in italiano degli accordi internazionali siglati a Ginevra nel corso di oltre un secolo. Fa tenerezza vedere lo stile cavalleresco che improntava le prime Convenzioni, rispetto allo stile barbarico odierno. Ma fa scandalo vedere i firmatari di ogni Convenzione che hanno spudoratamente tradito gli impegni presi: la tarda Modernita' si fonda sull'illegalita'!

Qualità nel servizio e competenze degli attori (inserito il 28/2/2003) di Gudio Contessa
Il concetto di Qualità è dilagato dal contesto aziendale come tante rivoluzioni "semantiche" degli ultimi tempi. Le organizzazioni produttive e sociali sono come prima o peggio di prima, ma si beano della parola Qualità e dunque si considerano postmoderne. Chiamare una cosa in modo nuovo sembra dare l'impressione di cambiare la cosa stessa, ed offre nuovi spazi di mercato per esperti, operatori, scrittori.Qualità e valore

Pace, guerra e....conflitto (inserito il 27/2/2003) di Alberto Raviola
In queste settimane di agonia preparatoria alla Guerra, da una parte, e di emersione altalenante di appelli, dall'altra, sono stato spesso colpito da come nella polarizzazione tra pacifisti e interventisti, fosse escluso qualsiasi riferimento al Conflitto. Unica eccezione l'utilizzo della parola conflitto come sinonimo di guerra. A mio parere non si tratta di sinonimi: le parole in gioco sono tre pace, conflitto, guerra.

Nessuno può uccidere nessuno (inserito il 19/2/2003) di Guido Contessa
PREMESSA: GUERRA FRA STATI E VIOLENZA PRIVATA La guerra fra Stati può essere considerata come la violenza privata. La cosa sorprendente è che raramente i due discorsi vengono fatti in parallelo. Le stesse persone che propongono una certa analisi della violenza privata negli stadi, fra coniugi, fra giovani nelle discoteche; dei crimini violenti ed anche del terrorismo non statale, sostengono una tesi opposto nel caso di guerra fra Stati. E viceversa. Invece è del tutto evidente che il comportamento violento di un soggetto singolo e quello di un soggetto collettivo hanno le stesse origini. Ciò è tanto più vero se si affronta un'analisi sul piano psicologico, essendo la dimensione psichica meno mascherabile da fenomeni della cronaca. Guerra e violenza privata sono due comportamenti distruttivi, motivati solitamente da fini materiali, ma causati da un complesso di vissuti emotivi che possono spiegare perchè quel fine non è perseguito per vie costruttive.

L'esilio di Bush (inserito il 19/2/2003) di Eva Zenith
Quando l'America si sveglierà dall'ubricatura mass mediatica e dal patriottismo dopato, il Presidente Bush sarà mandato a casa -e magari in esilio- con ignominia. Questo personaggio detiene un record di punti negativi a suo sfavore tale da renderlo uno dei peggiori del dopoguerra. Vediamo per punti, i capi d'accusa che potrebbero essergli addossati dagli stessi americani.

Psichica:osservazioni sulla psicologia del benessere (inserito il 19/2/2003) di di Enzo Spaltro (Professore Ordinario di Psicologia del lavoro)
Oggi bisogna chiederci quali siano state le vere origini della psicologia e se le finalità di partenza siano state o no rispettate. C'è infatti il dubbio che la psicologia, per essere accettata dalla società ostile abbia cambiato la propria natura ed abbia con questo rinnegato le sue origini. Per questo la dimensione soggettiva, oggi negata, occorre che venga maggiormente sviluppata e che quindi si parli di una psicologia più soggettiva di quella oggi esistente. Si propone di chiamare questa psicologia col termine psichica e la si identifica con la psicologia del benessere. In effetti quella che oggi si chiama psicologia è in definitiva una psicologia del malessere e come tale poco soggettiva, menre la psicologia più soggettiva che è una psicologia del benessere dovrebbe chiamarsi psichica.

IL LAVORO SOCIALE NEL XXI SECOLO (inserito il 17/1/2003) di Guido Contessa

Il World Trade Center e la nascita dello Stato di Sicurezza (inserito il 17/1/2003) di Dion Dennis
Riflettendo sulle immagini di una Manhattan nera e grigio cenere , i resti scheletrici dei grattacieli implosi, le descrizioni dei testimoni sopravvissuti e le immagini dei morti e della morte, la metafora dell'attacco colpisce: la data, 911, uno sigla per le telefonate ai servizi di emergenza; le linee aeree, "Unite" e "Americana," sineddoche per lo Stato e la nazione, rispettivamente; lo contro di un aeroplano dell' American Airlines con un lato del pentagono, scivolato verso il centro, e rompendo ciò che era stato il pentagram nazionale ininterrotto del potere.

Psichica: osservazioni sulla psicologia del benessere (inserito il 17/12/2002) di Enzo Spaltro
Oggi bisogna chiederci quali siano state le vere origini della psicologia e se le finalità di partenza siano state o no rispettate. C'è infatti il dubbio che la psicologia, per essere accettata dalla società ostile abbia cambiato la propria natura ed abbia con questo rinnegato le sue origini. Per questo la dimensione soggettiva, oggi negata, occorre che venga maggiormente sviluppata e che quindi si parli di una psicologia più soggettiva di quella oggi esistente. Si propone di chiamare questa psicologia col termine psichica e la si identifica con la psicologia del benessere. In effetti quella che oggi si chiama psicologia è in definitiva una psicologia del malessere e come tale poco soggettiva, menre la psicologia più soggettiva che è una psicologia del benessere dovrebbe chiamarsi psichica.

Una vita coi gruppi (inserito il 9/12/2002) di Guido Contessa
La mia esperienza nel campo dei piccoli gruppi è iniziata quando avevo sette anni e giocavo nelle strade del mio quartiere a “I ragazzi della via Pal”, la Bibbia della mia infanzia. Coesione di gruppo, lealtà, senso di appartenenza, sentimento di ostilità verso il nemico esterno, lotte per la leadership sono stati i primi vissuti forti della mia educazione. I valori familiari e sociali erano sullo sfondo come le quinte di un palcoscenico su cui sperimentavo le  più forti emozioni infantili.

Petrarch: the ascent of Mont Ventoux (inserito il 9/12/2002) di Petrarca
(307) To-day I made the ascent of the highest mountain in this region, which is not improperly called (308)Ventosum. My only motive was the wish to see what so great an elevation had to offer. I have had the

Archivio Rivista NOIPSICOLOGIA (inserito il 1/12/2002) di autori vari
Dal numero 17 all'ultimo: oltre dieci anni di psicologia italiana (oltre 400 articoli scaricabili)

Detriti sul Delta (inserito il 27/11/2002) di Ivan Dobre
Lettura, scaricamento gratuito e incontro dibattito faccia a faccia e online del libro di Ivan Dobre (Affresco di fine secolo)

Sei domande per un confronto (inserito il 22/11/2002) di Guido Contessa

La teoria del campo (inserito il 12/11/2002)
Siamo debitori a Kurt Lewin di numerose scoperte/proposte relative alla psicologia sociale: la Teoria del Campo, unitamente alle riflessioni epistemologiche, è il suo maggiore contributo nell'area teorica...

Genitori & Internet (inserito il 12/11/2002)
Il nostro intento è quello di mettere in guardia, non di terrorizzare i genitori. A terrorizzarli sui pericoli di Internet ci pensano già, incessantemente, gli altri media di massa. Non c'è giorno infatti che non veniamo informati su un nuovo tipo di utilizzo distorto di Internet: una donna partorisce in Internet, due giovani fanno l'amore per la prima volta in Internet, il piccante rapporto Starr su Bill Clinton si può leggere in Internet

In relazione all'ascolto (inserito il 12/11/2002) di Guido Contessa
Il cerchio del permissivismo repressivo: tutto è concesso, o perché comprabile o perché insignificante > quindi distanza, differenza, digressione sono impossibili > gradi di libertà vicini allo Zero > oscuramento del futuro > presentificazione come fine della Storia

TV spazzatura: quando la TV ammazza l'Educazione (inserito il 12/11/2002)
Chi ha l’occasione di vedere prima del Tgi delle 20, e poi appena dopo Biagi, il programma televisivo di Amadeus, il gioco a premi “Quiz Show”, dovrebbe rimanere sconcertato.

L'innovazione possibile (inserito il 12/11/2002) di Guido Contessa
L’intervento descritto in questa relazione è stato richiesto dall’ispettorato Scuole Materne in lingua Italiana di Bolzano. L’ispettorato aveva organizzato, nell’estate ‘78, quattro seminari residenziali della durata di una settimana ciascuno. I seminari videro la partecipazione di circa trenta persone ciascuno, avvicinando nel complesso il 25% del totale degli operatori delle scuole materne italiane di Bolzano

Giocare in rete: scuola- famiglia- territorio (inserito il 12/11/2002) di Guido Contessa
Le scuole che spesso si lamentano della incompetenza o latitanza dei genitori circa l’educazione dei figli, non devono dimenticare che i genitori di oggi non sono altro che gli allievi di ieri. Se tutte le accuse mosse dalla scuola alla famiglia sono vere, la scuola deve riconoscere la sua pesante corresponsabilità.

Volontariato: problemi di definizione e problemi di sviluppo (inserito il 12/11/2002) di Guido Contessa
In un recente Convegno (1), Luciano Tavazza,. presidente del Mo.V.I. e massimo esperto italiano del problema, ha presentato una relazione sul tema: " Ciò che il volontariato chiede ai partiti politici ".

Oltre la qualità: appunti in progress - Cosa è e come fare una scuola d'Eccellenza (inserito il 12/11/2002)
Il Progetto Scuola d’Eccellenza è anzitutto un progetto di ricerca e di metodo. Ricerca perché la Scuola d’Eccellenza non è un a-priori ma una meta, un processo, una tensione che deve trovare attuazione caso per caso. Metodo perché i suoi punti fermi non sono contenuti ma modalità di lavoro, condivisa da tre diversi attori: un sistema cliente (la scuola), un sistema consulente (i tecnici) e un contesto (il territorio)

La ricerca valutativa come sistema di verifica e valutazione di progetti di formazione (inserito il 12/11/2002) di Alberto Raviola
Per comprendere appieno il senso delle operazioni concrete legate all'attività di Verifica, Valutazione e Monitoraggio di Interventi di Formazione appare necessario premettere alcune considerazioni sul concetto di Qualità dei Servizi (sociali, di formazione, scolastici etc.) la cui finalità principale è la crescita personale e professionale dei cittadini che vi accedono.

Manuale per i candidati alla selezione del personale (inserito il 12/11/2002) di Guido Contessa
I giovani operatori dell'immateriale, neo-diplomati, laureandi o laureati in cerca di un lavoro sono quasi sempre all'oscuro di ciò che il mercato chiede loro. La inveterata abitudine mentale ai Concorsi o alle assunzioni per affiliazione, ha fatto perdere di vista gli elementi basici per i quali un datore di lavoro offre o meno un posto di lavoro o una collaborazione.

Uno spettro a molte facce si sta aggirando per l'Europa (inserito il 12/11/2002) di Luther Blisset
Dall'inizio degli anni Novanta, Luther Blissett si è affermato come personaggio immaginario sulla scena delle controculture giovanili europee. Adottando questo pseudonimo collettivo, migliaia di persone di diversi paesi hanno prodotto beffe mediatiche, controinchieste militanti, testi teorici e di narrativa.

L'isola del Naufraghi (inserito il 12/11/2002) di Louis Even
Un'esplosione ha distrutto la loro nave. I naufraghi si aggrappano a qualsiasi oggetto galleggiante che gli capita sotto mano. Cinque sono riusciti a trovarsi riuniti sullo stesso relitto che le onde spingono di qua e di là. Degli altri compagni del naufragio nessuna notizia

The management tips (inserito il 12/11/2002)
To begin managing your time you first need a clearer idea of how you now use your time. The Personal Time Survey will help you to estimate how much time you currently spend in typical activities.

Capitale Intellettuale e Gestione della Conoscenza (inserito il 12/11/2002) di Karl- Erik Sveiby
Un termine è definito meglio attraverso il suo utilizzo, e quindi è probabilmente ancora corretto guardare al Capitale Intellettuale (CI) e alla Gestione della Conoscenza (GC) come gemelli – due rami dello stesso albero

Strategic management of Intellectual Capital & organization knowledge (inserito il 12/11/2002) di Chun Wei Choo
The conversations in this volume about the role of knowledge in strategy management may be framed by seven basic questions: What unique perspective does a knowledge-based view of the firm offer? Should the organization focus on creating new knowledge or applying what it already knows? How do organizations create new knowledge?

Economisti per caso (inserito il 12/11/2002) di P. Krugman
Quando osserviamo il passato, dobbiamo essere sempre preparati a essere indulgenti: è ingiusto accusare gli osservatori della fine del xx secolo dei loro errori nel prevedere ogni cosa del secolo seguente. Le previsioni sociali a lungo termine non sono una scienza esatta neanche adesso, e, nel 1996, i fondatori della moderna socio-economia non-lineare erano ancora oscure matricole .

C'è una (inserito il 12/11/2002) di P. Levy
Nel "ciberspazio" l'umanità sta sperimentando forme originali e rivoluzionarie di comunicazione di dati, informazioni, passioni e interessi. Questo luogo virtuale, prodotto dall'interconnessione dei computer di tutto il mondo, contiene una immensa memoria comune, continuamente aggiornata e arricchita, che consente l'espansione planetaria della mente e la nascita di una nuova cultura

Futurama - stimoli per una ricerca sul futuro come vissuto e come setting (inserito il 12/11/2002) di Guido Contessa
1 - Il futuro come vissuto. Il futuro non è di moda. Alle soglie del XXI secolo, la psicologia delle masse sembra più orientata all senso della fine ed al passato che al futuro. Tutte le ricerche sui giovani parlano di defuturizzazione, né pare che gli adulti e le Istituzioni siano capaci di proiettarsi in avanti.

Contro l'Europa - citazioni (inserito il 12/11/2002) di Ida Magli
La speranza in una terra, in un luogo di felicità, fa parte della struttura profonda degli uomini come "esseri di desiderio" (Henry Laborit, Elogio alla fuga, Mondadori, Milano, 1982). Ogni volta che l'uomo si avvia, con la speranza di salvarsi, verso terre lontane, deve essere sicuro che si tratti di terre immaginarie. Qualsiasi meta concreta gli si prometta, è un inganno.

La casa virtuale non ha spazio, è costruita di tempo e di alfabeti (inserito il 12/11/2002) di D. Del Giudice
Le città ideali del passato, immaginate da chi sognava mondi perfetti, stavano tutte nelle pagine dei libri: rimandavano a luoghi, edifici, spazi pubblici e privati, ma erano fatte soltanto di parole, di alfabeti. Per nulla diversa la nuova città virtuale del cyberspazio: racchiusa in un hard disk, è fatta di bit, di segni in sequenze ordinate che rimandano alla lettura, e dunque alla temporalità. 1. Città virtuali.

Soggettività, gruppo, comunità (inserito il 12/11/2002) di Guido Contessa
1. DETRITI SUL DELTA: fra crepuscolo e aurora Fra il crepuscolo e l’aurora c’è la notte. E la notte è il tempo con cui si apre il XXI secolo. La notte è il regno dell’oscurità, degli incubi e delle ombre minacciose. Ma è anche il momento della luna, del sogno e delle riflessioni. Il crepuscolo appena lasciato è quello della civilizzazione moderna, del materialesimo, della società industriale e degli stati nazionali.

Gli alberi di conoscenza (inserito il 12/11/2002) di Giovanni Caldara
Il progetto Les arbres de connaissances nasce da una riflessione che, dalla fine degli anni ottanta, intende individuare e studiare le contraddizioni della società contemporanea: si tratta di osservare che mentre è in atto il processo della sua dissoluzione a opera delle trasformazioni informatiche, non vengono meno le categorie tipiche della società industriale (capitale, lavoro, società rappresentativa).

Il Cluetrain Manifesto: 95 TESI (inserito il 12/11/2002)
I mercati sono conversazioni. I mercati sono fatti di esseri umani, non di segmenti demografici. Le conversazioni tra esseri umani suonano umane. E si svolgono con voce umana. Sia che fornisca informazioni, opinioni, scenari, argomenti contro o divertenti digressioni, la voce umana è sostanzialmente aperta, naturale, non artificiosa.

Manifesto forum mondiale delle alternative (inserito il 12/11/2002)
E' in gioco la sorte dell'umanità. I progressi scientifici e quelli tecnici, fiore all'occhiello del sapere, anziché contribuire al benessere di tutti sono al servizio di una minoranza. Il loro uso schiaccia, emargina ed esclude innumerevoli esseri umani nell'intero pianeta e deteriora l'ambiente.

Anche in Italia c'è chi fa qualcosa (inserito il 12/11/2002) di Francesca Jori
In fondo bastano 135.000 lire, oltretutto spalmate su un'intera esistenza. Fanno 90 caffè, oppure 25 pacchetti di sigarette, oppure sì e no un pieno di benzina. E ne vale la pena, visto che con quell'inezia riuscireste a salvare il mondo. Per davvero, mica per scherzo: ciascuno di noi, in media, nei Paesi del cosiddetto Primo Mondo, produce ogni giorno 34 chilogrammi di anidride carbonica

Dal discorso di Muhammad Yunus (inserito il 12/11/2002)
Nel vederci qui riuniti mi chiedo, cosa è il Summit del Microcredito? Un altro evento di gala di Washington? per me è un evento molto emozionante. Come me, ci sono qui olte persone per i quali oggi è un'esperienza emozionante. E' emozionante perchè abbiamo lavorato molto sodo per realizzare questa giornata.

Tesi contro la imminente guerra in Iraq (inserito il 12/11/2002)
Malgrado la gravissima sciagura dell’11 settembre non si può dire che i Servizi americani abbiano avuto successo nel trovare i colpevoli. Nessun processo è ancora stato fatto.La colpevolezza di Bin Laden è più un atto di fede verso il governo Usa che una convinzione basata su prove.

Alle radici della psicologia di comunità (inserito il 12/11/2002) di Margherita Sberna, Guido Contessa
Quando si tratta di lanciare una nuova disciplina è importante presentare credenziali storiche ragguardevoli. Della Psicologia di Comunità si dice che è una disciplina giovane. In realtà si tratta di una grande rimozione, la cui causa meriterebbe di essere spiegata. La Psicologia di Comunità affonda le sue radici negli studi e nelle esperienze di Kurt Lewin e della sua équipe, negli anni della seconda guerra mondiale

Alla corte di Internet (inserito il 12/11/2002) di Giovanni Caldara
La regole, i codici e i valori che Internet porta con sé devono essere considerati attentamente alla luce dei cambiamenti introdotti nella vita di tutti i giorni di un numero sempre crescente di persone.

Attributi della Organizzazione che Apprende (inserito il 12/11/2002) di William O'Brien
W illiam O'Brien, CEO dell'Hanover Insurance Company, descrive quattro attributi necessari a fare fronte ai cambiamenti: 1. Innanzitutto è necessario imparare a distribuire il potere su una base non caotica e ordinata. Ora, la parola "empowerment" è una parola potente.

Lettera ai cappellani militari (inserito il 12/11/2002)
Da tempo avrei voluto invitare uno di voi a parlare ai miei ragazzi della vostra vita. Una vita che i ragazzi e io non capiamo. Avremmo però voluto fare uno sforzo per capire e soprattutto domandarvi come avete affrontato alcuni problemi pratici della vita militare. Non ho fatto in tempo a organizzare questo incontro tra voi e la mia scuola.

Lettera ai Giudici (inserito il 12/11/2002)
Signori Giudici, vi metto qui per scritto quello che avrei detto volentieri in aula. Non sarà infatti facile ch'io possa venire a Roma perché sono da tempo malato. Allego un certificato medico e vi prego di procedere in mia assenza.

Strumenti di riflessione sulle Nuove Comunità (inserito il 12/11/2002)
Quando nasce un bambino nessuno si sognerebbe di dire che non hanno alcuna importanza i geni, il reddito e la cultura dei genitori, il loro amore, la cultura delle due famiglie, il territorio dove risiede la famiglia. Eppure il concepimento è qualcosa di molto naturale. La nascita di una comunità, al contrario, è qualcosa di molto culturale.

Le nevrosi della Comunità web (inserito il 12/11/2002) di Gippo Contardi
Nessun tipo di comunità è più nuova del web. Proviamo a considerare il web come un intero, un insieme, una comunità. Come un “campo” lewiniano che ha proprietà specifiche di soggetto. Se analizziamo il web da questo punto di vista ne vediamo le infinite potenzialità – tipiche in ogni soggetto- ma anche i più vistosi tratti nevrotici.

Verso le nuove strategie di Comunità (inserito il 12/11/2002)
Divulghiamo questo documento del 1992 ad opera della Fondazione per la Qualità della Vita e del Lavoro, finanziata e promossa dalla Unione Europea, perché, con la sua datazione, sostiene il modello prevalente in Italia nel lavoro di Comunità. Riconoscimenti per il settore Una fornitura efficace della politica sociale a livello locale dipende dal riconoscimento delle realtà della vita quotidiana che sono state delineate in questa ricerca.

Detriti sul delta (inserito il 12/11/2002) di Ivan Dobre
passato in positivo è dei nostalgici, in negativo è degli ingrati. Il futuro in positivo è degli ingenui, in negativo è dei millenaristi. Passato e futuro sono dimensioni fuzzy, chiaroscurali e nebbiose. Sono il racconto della memoria e della speranza: due livelli emozionali influenzati dal soggetto cioè dalla forma caleidoscopica e mutante che esso prende "qui ed ora".

Suicidio (inserito il 12/11/2002) di APA Monitor
I suicidi negli USA con particolare riferimento al rischio di essere "operatore psy"....

OVVIO: doppio circuito simultaneo dell'intervento formativo (inserito il 12/11/2002) di Guido Contessa
SFONDO (clima sociale, cultura generale, ambiente emozionale)

La Piramide del senso organizzativo (inserito il 12/11/2002)
The article describes a methodology, pyramid building, and its uses in enterprises for systems thinking, developing shared meaning and aligning people, processes and strategy. The challenges of finding agreement and alignment in complex, polarized, high tension environments are explored, together with illustrations of how this tool was applied in a variety of organizations..

Giochi di simulazione scaricabili (inserito il 12/11/2002)
TO DOWNLOAD A FILE CLICK ON ITS NAME. All files are BinHex4 encoded self expanding archives (.sea) Games & Simulations In comparison to Zero Sum Games which are strictly competative, mixed motive games involve both competition and cooperation. Situations calling for both competive and cooperative strategies are the more prevelent in everday life. The study of basic social processes is thus best approached from the perspective of a mixed motive environment, but a classic example of the zero sum situation is included here for purposes of contrast and comparison.

The skills of the change master (inserito il 12/11/2002) di Joe Flower
The fundamental skills of the rest of the decade and the opening of the new century will be the skills of dealing with change. They are the skills of jazz, not of chamber music, of basketball rather than baseball, of poker rather than chess, skills of dealing with situations that are in constant flux, situations about which you do not know enough to make a decision - yet you must constantly make decisions, and even failing to decide is itself a decision, irrevocable, the lost time unrecoverable, the opportunity evaporated....

Parole chiave della formazione (inserito il 12/11/2002)
At one level what a self is seems obvious. But how we experience ourselves and others is culturally bound. Explore some different ideas of selfhood. On this page we look at the individual self; the communal self; the dialogical self; and the post-modern self. We also look at the contribution of some key thinkers like George Herbert Mead.....

Il codice deontologico del formatore (inserito il 12/11/2002)
Il codice deontologico, che qui presentiamo, è stato maturato in oltre 20 anni di esperienze formative. Ogni capitolo nasce dall'osservazione di comportamenti registrati in questi anni sul mercato della formazione e dalla loro valutazione in base a principi etici e di metodologia professionale.

M.I.A. Movimento per l'innovazione nell'apprendimento (inserito il 12/11/2002) di proposto da E. Spaltro
Stiamo passando attraverso ad una strettoia del percorso per un nuovo apprendimento: a) Lo straordinario veloce sviluppo del benessere in alcune parti del mondo b) L'aumento delle differenze tra gli estremi delle condizioni di vita (i ricchi sempre più ricchi ed i poveri sempre più poveri) c) L'accellerazione spinta della creatività e dell'invenzione della produzione di benessere e di ricchezza e) La crescente

Il laboratorio di dinamiche di gruppo e di comunità (inserito il 12/11/2002) di Guido Contessa
Gli operatori socioculturali di Massa sono organizzati per gruppi di quartiere ed appartengono all’organizzazione dell’Amministrazione comunale; inoltre essi operano nella scuola, un’altra organizzazione, e per un’utenza di quartiere, cioè di comunità. Le entità gruppo, organizzazione e comunità sono dunque cruciali per ogni operatore sociale, il quale deve conoscerne le dinamiche e imparare a muoversi in esse col massimo di sicurezza.

La Formazione (inserito il 12/11/2002) di Guido Contessa
La disciplina che considero la madre naturale della formazione è la psicosociologia. Essa dispone di un robusto corpus teorico circa le dimensioni individuali, quelle gruppali e quelle sistemico-organizzative. Si può avvalere di teorie semantiche le più disparate...

Duemilacinquecento generazioni (inserito il 12/11/2002) di Gudo Contessa

Psychology of Cyberspace (inserito il 12/11/2002) di J. Suler
Listed below is a list of links to all the articles and pages in the hypertext book (web site) The Psychology of Cyberspace.The articles are arranged chronologically, with the most recently written or revised ones appearing near the top.

Cosa è la formazione psicologica (inserito il 12/11/2002) di Guido Contessa
Tutta la storia della formazione in Italia, che ormai ha quasi 40 anni, è stata attraversata da una ambiguità di fondo. Gli psicologi e gli psicosociologi, fra i pionieri di questa pratica, hanno usato questo termine per indicare quell'insieme di attività, perlopiù d'aula, finalizzate a produrre cambiamenti-apprendimenti nella sfera personale o del comportamento relazionale e organizzativo. Per costoro la formazione "vera" era solo questa, mentre quella relativa ad altri contenuti era solo informazione o addestramento o istruzione

Connecting learning objects to instructional design theory: a definition, a metaphor and a taxonomy (inserito il 12/11/2002) di David A. Wiley
The purpose of this chapter is to introduce an instructional technology concept known commonly as the “learning object.” First a review of the literature is presented as groundwork for a working definition of the term “learning object.”

I professori che dissero (inserito il 12/11/2002) di S.Fiori
"Sublimato all'un per mille", titolò sprezzantemente un giornale d'obbedienza littoria. Gli esiti del giuramento di fedeltà al fascismo - imposto ai professori universitari nel 1931 dalla regia di Giovanni Gentile - furono per Mussolini assai lusinghieri. Seppure sotto ricatto, su oltre milleduecento accademici, soltanto dodici opposero un rifiuto

Stupid white man (inserito il 12/11/2002) di Michael Moore
I am a citizen of the United State of America. Our government has been overthrown..

Guerra alla libertà (inserito il 12/11/2002) di John Paul Leonard
In Guerra alla libertà il brillante studioso inglese Nafeez M. Ahmed scrive con tranquilla, quasi sommessa dedizione alla realtà dei fatti un resoconto che chiede d'essere inteso: esistono prove schiaccianti secondo le quali il governo degli Stati Uniti fomenta il terrorismo, utilizzandolo come pretesto ideale per giustificare una politica estera aggressiva

Psicoanalisi della guerra (inserito il 12/11/2002) di Franco Fornari
Cap. 1- Il fenomeno guerra L’opera del sociologo Gaston Bouthoul(1) può essere con­siderata il tentativo più serio finora fatto di impostare i problemi della guerra in modo scientifico. I risultati ai quali la sua indagine è pervenuta, sotto molti aspetti, possono essere utilmente accostati ai dati dell’indagine psicoana­litica.

L'apolidato nel diritto costituzionale (inserito il 12/11/2002)
I singoli elementi costitutivi dello Stato sono: il territorio il popolo la sovranità Ai fini della nostra ricerca è opportuno soffermarsi sul secondo degli elementi costitutivi sopra elencati

Per una società trasparente (inserito il 12/11/2002) di Guido Contessa
Gli ultimi dieci anni di cambiamenti hanno avuto l’effetto della sabbia mossa su un fondale marino. L’acqua azzurra si è intorbidata, gli scogli aguzzi sono scomparsi alla vista, nuotarvici è difficile perché non si riesce ad orientarsi.La società, come il mare, ha perso la sua trasparenza, in parte per l’inquinamento, in parte per i sommovimenti del fondale.Molti sono disperati, altri confusi, alcuni traggono profitto dall’opacità;

La sperequazione fra bisogni e risorse: nuovi problemi psicologici della società post-moderna (inserito il 12/11/2002) di Guido Contessa
. Dai Sessanta agli Ottanta: in attesa del terzo millennio Gli anni Sessanta sono di gran moda, ma non è solo una questione di nostalgia degli attuali dirigenti verso un’epoca nella quale sognavano Katherine Spaak. La mia idea è che gli anni Sessanta abbiano rappresentato, per il mondo occidentale, il vertice più alto di una curva: essi sono stati insieme vetta di un processo e punto di svolta per un altro

Otto ottobre 2001: prove tecniche di III guerra mondiale (inserito il 12/11/2002)
La Teoria del Campo, creata da K.Lewin, e la seguente psicosociologia, promossa in larga misura da ricercatori anglosassoni, ci hanno insegnato tre concetti essenziali per la convivenza umana. Il primo è la "spersonalizzazione" del conflitto. Per la cultura di

Un secolo di interventi militari in USA - da Wounded Knee all'Afghanistan (inserito il 12/11/2002) di Zoltan Grossman
La spesa militare USA (343miliardi di dollari nel 2000) è del 69 % maggiore di quella delle 5 nazioni più grandi dopo gli USA. La Russia, che ha il secondo maggiore budget militare, spende meno di un sesto degli Stati Uniti. Iraq, Libya, North Korea, Cuba, Sudan, Iran, e Syria spendono 14.4 miliardi di dollari tutte insieme; combined

Lavoro - Lavoro è uno sforzo basato su competenze che richiede un compenso (inserito il 12/11/2002)
Svolgere una professione, o gestire un ruolo sociale e immateriale, è un lavoro. Il concetto di lavoro è associato a quello di fatica, sforzo, energia che viene spesa e deve essere reintegrata attraverso una qualche forma di compenso.

Ideatari- ruolo e competenze dei lavoratori dell'Immateriale (inserito il 12/11/2002)
Gli ideatari sono coloro che possiedono, come unica ricchezza, la capacità di lavorare con le idee del mondo Non possiedono le idee, non possiedono le cose: non hanno altro da perdere che le loro catene

Tecniche di lavoro sociale e teatro. Problemi teorici e metodologici (inserito il 12/11/2002) di Guido Contessa
Mi propongo di offrire un quadro comparato dei rapporti fra animazione e teatro, e dei diversi modi di usare la rappresentazione in base ai diversi obiettivi sociali. Una delle ingenuità più diffuse fra gli operatori sociali è quella di fare uso di una tecnica, in questo caso quella teatrale, senza distinzioni metodologiche, per ogni obiettivo ed in ogni situazione

The nature of Evaluation Part II: Training (inserito il 12/11/2002) di Michael Scriven
An earlier article addressed the role of evaluation, the basic logic, and a description of how the field is structured (Scriven, 1999). This article describes some of the basic logic-of- evaluation skills and some of the basic methodological skills that need to be mastered in order to practice the art and science of evaluation.

Gene- culture Coevolution (inserito il 12/11/2002) di Charles Lumsden
Evolving Creative Minds IV Whereas most animal evolution arises from the differential replication of genetic information, human evolution obligatorily involves the differential transmission of both genetic and cultural information. "Cultural information" is a term of convenience, rather than literal descriptive fidelity here;

Le ragioni dell'animazione del XXI secolo (inserito il 12/11/2002) di Guido Contessa
L'Animazione, come pratica professionale, sta compiendo 40 anni(1). Cosa giustifica l'esistenza e la sua progressiva, visibile, espansione? La ragion d'essere di una nuova pratica si radica in un bisogno o un desiderio. I soggetti sentono una mancanza, o elaborano un progetto, e, se trovano che l'armamentario delle discipline e delle pratiche esistenti non da risposte, nasce qualcosa di nuovo.

Creatività come strumento (inserito il 12/11/2002) di Margherita Sberna
Il mio primo problema è quello di legare un contributo, un'espressione di tipo teorico a un tema generale che intende occuparsi degli strumenti principali dell'animazione ed è, dunque, un argomento a carattere spiccatamente tecnico.

La formazione degli animatori dei servizi territoriali urbani (inserito il 12/11/2002) di Guido Contessa
Non possiamo trascurare in questa Giornata un accenno allo stato di declino inarrestabile del regime e prendere atto che va ripensata l'intera politica del tempo libero, dell'animazione e della formazione degli animatori.

L'assedio di Leningrado (inserito il //) di David M. Glantz
in inglese

Nessuno risponde mai di niente? (inserito il //) di Eva Zenith
La strage di Capaci è del 23 Maggio 1992. La strage di via d'Amelio è del 19 luglio 1992. Si parla di un libretto rosso sparito. Si parla di trattative fra Servizi e mafia. Si parla di complicità dello Stato nelle due stragi.

The Psychology of Genocide (inserito il //)

Anthem (inserito il //) di Ayn Rand
Un libro sull'utopia liberista

L'ultimo tabù della psicologia (inserito il //) di L.Demarchi

Ecological Psychology (inserito il //) di aa.vv.

Idee creative per la formazione (inserito il //) di Robert W. Lucas

Crimini Di Pace, 1975 (inserito il //) di Franco Basaglia

La servitù delle donne (inserito il //) di John Stuart Mill
Un classico

A terrible love of war (inserito il //) di James Hillman
In inglese

A terrible love of war (inserito il //) di J.Hillman

Phe Psychology of Genocide (inserito il //)
in inglese

The Siege Of Leningrad (inserito il //) di D.M.Glanz

Prolegómenos a la Psicologia Social: La Idea de Atmósfera en la Psicología de la Colectividad - Sketches for Social Psychology (inserito il //) di Jahir Navalles Gómez
This present work interyields by a nostalgic psychology, a psychology that origin -and it was become deformed- in which in century XX was self-proclaimed like social psychology; a original psychology that was first of all an historical project with respect to the social life; a psychology that is described to itself like collective psychology, sketched from the diverse interlocutors -who not necessarily show as social psychologists or psychologists and enriched from the constant debates- that are not sending in the manual beaten ones of given off psychology or social psychology in your intercross them you will discipline that the psycho-social footpath has journeyed.

Obedience to Authority (inserito il //) di Stanley Milgram
Il più famoso esperimento della storia della psicologia sociale

Robin Hood lottava contro lo sceriffo di Nottingham (non contro il re) (inserito il //) di M.Meti
I picchi della grande Storia sono caratterizzati da conflitti fra il popolo e il re, l'imperatore, il duce. Invece la piccola storia quotidiana registra conflitti continui fra il popolo e il boss locale. Robin Hood si batteva con lo sceriffo di Nottingham, non col re di Inghilterra. L'imperio lontano registra crisi cicliche, mentre l'imperio vicino è l'attore di crisi continue. Questo non significa che il governo lontano sia buono e quello vicino cattivo. Voglio solo notare quanto sia incompresibile l'affermazione del contrario. L'entusiamo per l'autonomia e il governo locale non ha basi razionali, ma meramente ideologiche.

PSICOLOGIA POLITICA 2000 - 2010 (inserito il //) di AA.VV.
Materiali scelti per capire il primo decennio del XXI secolo (Selezione dei dieci anni di pubblicazioni sul sito PSIPOL)

Linguaggio globale e senso di comunità (inserito il //) di Amitai Etzioni
Il fallimento delle lingue globali primarie....

Community Qiality of Life indicators (inserito il //)
in inglese

Encyclopedia of Knowledge Management (inserito il //) di aa.vv.
in inglese

Crimini di pace (inserito il //) di F.Basaglia, 1975

On Education, Immanuel Kant, (1803) (inserito il //) di I.Kant
Un classico

A History of Behavioral Psychology (inserito il //) di John A. Mills
in inglese

Robin Hood lottava contro lo sceriffo di Nottingham (non contro il re) (inserito il //) di Mircea Meti
I picchi della grande Storia sono caratterizzati da conflitti fra il popolo e il re, l'imperatore, il duce. Invece la piccola storia quotidiana registra conflitti continui fra il popolo e il boss locale. Robin Hood si batteva con lo sceriffo di Nottingham, non col re di Inghilterra. L'imperio lontano registra crisi cicliche, mentre l'imperio vicino è l'attore di crisi continue. Questo non significa che il governo lontano sia buono e quello vicino cattivo. Voglio solo notare quanto sia incompresibile l'affermazione del contrario. L'entusiamo per l'autonomia e il governo locale non ha basi razionali, ma meramente ideologiche.