Untitled Document Lavoro

 


IDEATARI
Ruolo e competenze dei lavoratori dell'Immateriale

  • Gli ideatari sono coloro che possiedono, come unica ricchezza, la capacità di lavorare con le idee del mondo
  • Non possiedono le idee, non possiedono le cose: non hanno altro da perdere che le loro catene
  • Le catene sono messe da coloro che non vogliono che le idee e la conoscenza vengano diffusi
  • Le idee e la conoscenza non devono essere diffusi perché da esse dipende la sovranità nel paesaggio post-moderno
  • Gli ideatari sono le avanguardie della lotta post-moderna per la distribuzione della sovranità

L'idea di tempo libero è fuorviante. Il Soggetto non può alienare una parte del proprio tempo, rinunciando alla sovranità su di esso, in nome di un'altra parte su cui avrebbe la sovranità. La desovranizzazione del tempo, una volta accettato il patto faustiano del materialesimo,  non può che essere totale.

Lo scenario post-moderno si caratterizza per due grandi categorie di lavoratori: quelli che lavorano per il materiale (cose, oggetti, simulacri) e quelli che lavorano per l'immateriale (idee, legami, passioni). La post-modernità è la prima epoca nella quale l'Immaterialesimo sembra sul punto di competere col  potere del materialismo.

Gli ideatari sono al centro dell'onda immateriale. Possono essere l'avanguardia del processo di ri-sovranizzazione generalizzata del tempo, facendolo diventare tutto "libero". Oppure possono essere al servizio dello spossessamento del tempo, facendolo diventare del tutto "asservito". Il turismo può essere un insignificante spostamento di scenario, o può essere un decisivo scenario di spostamento.  "Aistanomai" è il verbo greco che indica il sentire, ma è questa la radice delle moderne parole "estetica" e "movimento". Il turismo deve  promuovere la "ex-stasi": ciò che i giovani, non trovando più nella vita quotidiana, cercano per via chimica.

La distinzione non risiede solo nell'etica. E' anche un problema di competenze. Il sapere, saper fare e saper essere degli ideatari è insieme causa ed effetto della loro scelta di campo.

Il core knowledge degli ideatari può essere ricercato nelle dimensioni minoritarie, marginali e represse nella Modernità, proprio perché gli ideatari sono alla testa dell'onda crescente di una nuova civilizzazione (l'Immaterialesimo):

  • I legami: saper lavorare insieme a (l'Immaterialesimo si fonda sulle connessioni, dove la modernità si fondava sulle separazioni)
  • Il senso: saper costruire il senso (generare, autoregolarsi, avere iniziativa invece che attendere il "senso dato")
  • L'inatteso: saper divertire/divergere (cercare la diversità, esplorare, imparare contro l'omologazione, la ripetizione, la rassicurazione)

Queste competenze riguardano la cognizione (sapere), la strumentazione (saper fare) e il comportamento (saper essere).

Il problema è che l'apprendimento di queste competenze non può avvenire tramite agenzie e maestri della Modernità.

Riferimenti bibliografici dell'autore su questo tema

Contessa G. "L'ANIMAZIONE" CittàStudiEdizioni, Milano, 1995
Contessa G. "PSICOPOLIS" Ed.Arcipelago, Milano, 2000

aggiornato

PAGINE PER IL LAVORO IMMATERIALE