Il capro espiatorio nelle aziende sanitarie