Bacheca di Akkademia

 
Segnala ad amico

Letture per il lavoro sociale
Stimolo primavera 2021

Educazione e responsabilità (di Guglielmo Colombi)
Pedofilìa, giochi mortali, droga, bullismo ed Io debole

Navigo in Rete da qualche decennio e non è mai capitato di imbattermi casualmente in un sito di pedofilìa, di blue whales o blockout, di vendita di droga, di cyberbullismo. Questo mi fa pensare che le vittime di questi siti li cercano volontariamente.
Chi è tossicodipendente è un malato da aiutare perchè la sua volontà è minata dalla dipendenza. Tuttavia, chi inizia a drogarsi lo fa per libera scelta. Per non parlare dei drogati "ricreativi" che consumano droghe varie saltuariamente e che scelgono ogni volta di farlo.
Chi fa cyber-bullismo lo fa scientemente e chi ne è vittima sceglie di liberamente di sottostarvi.

Ogni volta che la morte di un adolescente viene alla ribalta dei media, non manca chi chiede a gran voce un impegno specifico della scuola: seminari sui pedofili reali o virtauli, corsi contro i giochi pericolosi e mortali, conferenze sulle droghe e il cyber-bullismo.

Nessuno segnala che questi comportamenti dilaganti fra giovani e giovanissimi sono il segno di una crisi del sistema educativo, della proliferazione di Io minimi e deboli e della sparizione del concetto di responsabilità.

leggi tutto >>>>>

Precedenti

La famiglia pendolo - Alla ricerca dell'equilibrio (Guido Contessa)
Il dibattito sulle opinioni invece che sui fatti (Eva Zenith)
Assistenzialismo: ai cittadini no, all'editoria sì (Eva Zenith)

Gastronomia e professioni sociali (Ektor Georgiakis)

Psicologia del lavoro e alienazione, con breve storia della Psicologia del lavoro (Ektor Georgiakis)
Gli errori della "nuova" educazione (Adamus)
Quando la retorica è un insulto (Ektor Georgiakis)
Sessuofobia puritana, vetero-cattolica e neo-vittoriana - 2 (Eva Zenith)
Illusioni compensatorie (Vanessa Gucci)
Gli psicologi della domenica (Ektor Georgiakis)
Show business e star system: i nuovi educatori (Eva Zenith)
Bambini educati con la storia del crimine (Ektor Georgiakis)
La beneficenza che uccide il welfare e foraggia il commercio delle armi (Vanessa Gucci)
Dal Welfare al Selfare (Vanessa Gucci)
Terapia e cura: la società malata (Vanessa Gucci)
Educare alla diversità (Adamus)
Scienze e professioni sociali: 150 anni dimenticati (Guglielmo Colombi)
Come si massacra una professione (Eva Zenith)
Brani scelti da René Lourau "Lo stato incosciente", ed. Antistato, 1980
Ktunaxa o bisonte europeo? (Eva Zenith)
Alienazione e inconsapevolezza: Matrix e Tafazzi (Guglielmo Colombi)
Le contraddizioni del pensiero dominante 2 (Ektor Georgiakis)
Le contraddizioni del pensiero dominante (EvaZenith)
Le ultime tavolate: il tramonto della convivialità (G. Colombi)
Colpa, cambiamento, espiazione. La manipolazione in politica (Eva Zenith)
L'Italia e la sindrome di Susac (G.Colombi)
Servizio civile: il lavoro nero legale (M.Meti)
Decalogo del politico e del funzionario del settore sociale (M.Meti)
Le premesse della relazione: apertura, disponibilità, curiosità, pregiudizio positivo (G.Contessa)
La catena delle responsabilità (Eva Zenith)
Le professioni del controllo di qualità nel nuovo Welfare (Adamus)
La pratica dei gruppi verso l’empowerment di comunitÓ (Alberto Raviola)
Divertimento e avventura: nuova concezione dell'esperienza. (Carlo Gerola)
Lettera ai Formatori (Alberto Raviola)

Stimoli di M.Marchetti
Il nuovo mondo smaterializzato (G.Contessa)
Il concetto di meta-comunicazione è noto solo a noi? (Wildwest)
Le politiche dell'immigrazione, ovvero l'inclusione che esclude (M.Meti)
Qualità, merito e demerito (Guglielmo Colombi
)
Merito, equità, qualità (Guglielmo Colombi)
La prevenzione fra repressione e promozione (G.Colombi)

Abbiamo perso il futuro (Eva Zenith)
Riflessioni sul Volontariato (M.Meti)
Del Pedagogista e dell’Università italiana (Franco Blezza)

Educazione e meta-educazione (Adamus)
Il senso del lavoro immateriale (Wildwest)
Operatori dell'aiuto e nuovo colonialismo (Ektor Georgiakis)
Orientamento al Lavoro prossimo futuro (EvaZenith)
I "minatori" del sociale (G.Contessa)
La seconda occasione (M.Sberna)