Le Iene: giornalismo d’inchiesta a metà

Denunciano il conflitto di interessi del boss dell’Istituto Superiore della Sanità, ma evitano di chiamare in causa i Ministri della Salute che l’hanno nominato.
Denunciano un prete sadico e truffatore, ma dimenticano di chiamare come correo il vescovo.
Denunciano un caso dubbio di suicidio-omicidio di un giovane bisessuale, ma omettono di denunciare inquirenti e giudici incompetenti.
Denunciano il sequestro di una anziana signora da parte di parenti avidi, ma sorvolano su giudici e inquirenti disimpegnati.
Denunciano le false accuse di stupro da parte di una piccola criminale, che ha mandato in galera due coetanei, ma non parlano della sua incriminazione.

Pubblicato in Italia1 | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Le Iene: giornalismo d’inchiesta a metà

Schizofrenìa mediatica

Se si parla di bambini scatta la retorica dell’innocenza, della purezza, dell’ingenuità dei pargoli.
Se si parla di bullismo scatta la retorica del “si sa, i bambini sono molto cattivi coi diversi”.

Pubblicato in TuttiCanali | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Schizofrenìa mediatica

Anche LeIene vacillano

Domenica 25 novembre Le Iene ha messo in onda tre servizi MOLTO discutibili.
Il primo era un’intervista ad una ex-anoressica, oggi in perfetta salute. Una volta andava di moda l’intervista all’ex-tossico guarito e reinserito. Oggi va di moda quella all’anoressica. L’anoressia è una grave malattia psichiatrica, con esiti anche mortali. Far vedere in tv una ex che è guarita e che sorride felice, non è che una minimizzazione della malattia, da cui si può uscire e che alla fine rende anche famosi. Un servizio serio dovrebbe limitarsi ad elencare i nomi delle giovani morte per questa malattia.
Il secondo era un servizio su un pedofilo attivo in rete, che ha tentato di adescare un 14enne. L’atteggiamento dell’intervistatrice (di solito brava) è scioccante. Continua a dire al pedofilo che ha “bisogno d’aiuto”, invece che definirlo criminale. Il prossimo servizio sarà sul “bisogno d’aiuto” dello strozzino o dello spacciatore?
Il terzo servizio era una belissima intervista ad una povera vittima del marito che dopo 4 anni di minacce (registrate e filmate) ha dato fuoco ai due figli, per vendetta. Il vero servizio doveva essere sulle indifferenze, le connivenze, le sfrontatezze dei Carabinieri, dei Servizi Sociali, forse anche della Magistratura che per anni hanno osato trattare la donna come una nevrotica ossessiva e non hanno fatto nulla. Esiste un procedimento giudiziario contro questi pubblici ufficiali? E se no, perchè?

Pubblicato in Italia1 | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Anche LeIene vacillano

Telegiornali vergognosi

Il bisnonno Samuel P. Bush, lavorò per la Buckeye Steel Castings Company che fabbricava binari per le ferrovie, canne di fucili e pistole, e rivestimenti per granate per la Remington Arms.

Il nonno, Prescott Sheldon Bush (1895 – 1972) è stato un politico e banchiere statunitense. Padre e nonno di due presidenti degli Stati Uniti, George H. W. Bush (1989-1993) e George W. Bush (2001-2009), fu senatore del Connecticut e co-fondatore, nonché direttore, della Union Banking Corporation.
La quale banca è stata in affari con Hitler finanziando la sua ascesa e il suo armamento, fino a quando fino a che Hitler l’11 dicembre 1941 non dichiarò guerra agli Stati Uniti, ma, sei giorni dopo l’Attacco di Pearl Harbor, il presidente Franklin Delano Roosevelt firmò il Trading With the Enemy Act, dopo che fu reso noto che le aziende americane facevano affari con i nemici dichiarati degli Stati Uniti. Il 23 luglio 2007, il canale 4 della radio della BBC, in un episodio della serie Document, riferisce del cosiddetto Business Plot e dei documenti ritrovati negli archivi nazionali americani durante le indagini del McCormack-Dickstein Committee. La trasmissione accenna alla direzione di Bush della Hamburg-America Line, un’azienda che il comitato investigava per attività di propaganda filonazista, ed al presunto complotto del 1933, presumibilmente guidato da Gerald MacGuire, per organizzare un colpo militare contro il presidente Franklin D. Roosevelt con l’obiettivo di forzarne le dimissioni (o, in caso di mancata presentazione delle dimissioni, di assassinarlo), ed insediare una dittatura fascista negli Stati Uniti.

Il babbo, George Herbert Walker Bush (1924 – 2018) è stato un politico e imprenditore statunitense, 41º Presidente degli Stati Uniti d’America dal 1989 al 1993, e il 43º Vicepresidente degli Stati Uniti dal 1981 al 1989 sotto il presidente Ronald Reagan. Prima di candidarsi alla presidenza, ricoprì altre importanti posizioni politiche tra le file del Partito Repubblicano, fu membro della Camera dei rappresentanti e direttore della Central Intelligence Agency.
Nixon lo nominò, ambasciatore alle Nazioni Unite, dove lavorò dal 1971 al 1973, e nel pieno dello scandalo Watergate, Nixon lo richiamò a Washington come presidente del Partito Repubblicano. Bush difese Nixon e soprattutto il partito. All’inizio del 1976 Ford lo nominò direttore della C.I.A.. Tenne la carica dal 30 gennaio 1976 al 20 gennaio 1977
Direttore CIA per 1 anno, per 8 anni vice-presidente e per 4 anni presidente, quindi dal 1976 al 1993 uno degli uomimi più potenti d’America. Gli USA intervennero in Nicaragua ripetutamente negli anni 80 e 90, di fatto sottraendo il paese ai Sandinisti per mezzo di un’ uso combinato di guerra economica, finanziamenti all’ insurrezione militare dei Contras, finanziamenti ai politici dell’ opposizione. Nel 1989 gli Usa hanno invaso Panama (con soli 228 morti e 324 feriti), poi occupata per 10 anni. Tra il 1990 ed il 1998 gli Stati Uniti perseguirono ed attuarono una politica tesa a innescare e favorire la dissoluzione della Jugoslavia. La frammentazione della repubblica Jugoslava e gli anni di caos e di violenze che ne seguirono furono dunque opera, voluta, perseguita ed attuata negli anni dell’ amministrazione di George H. W. Bush (senior) dapprima e di Bill Clinton successivamente. Infine, Bush sarà perennemente ricordato per l’avvìo della III Guerra Mondiale, chiamata ingenuamente Guerra del Golfo, iniziata il 16 gennaio 1991 e tuttora in corso. La stima più ottimista dei morti è 21.000, quella dei feriti 76.000

Il figlio Jeb Bush, è stato governatore della Florida per due mandati: dal 1999 al 2007 (senza l’appoggio di papà?)

Il figlio George W. Bush è stato il 43º presidente degli Stati Uniti d’America. Il suo primo mandato quadriennale come presidente è cominciato il 20 gennaio 2001, in seguito alle elezioni presidenziali del 7 novembre 2000. Le successive elezioni presidenziali del 2 novembre 2004 lo hanno riconfermato per un secondo mandato, che ha avuto inizio il 20 gennaio 2005 ed è scaduto il 20 gennaio 2009.Prima di diventare presidente, Bush è stato uomo d’affari e governatore del Texas dal 1995 al 2000 (senza l’appoggio di papà?). E’ noto come titolare delle maggiori porcate prodotte dall’Occidente nel primo decennio del secolo, fra cui l’estensione della III Guerra Mondiale iniziata da papà.

Che il popolo dei barbari statunitensi ami la dinastia Bush è normale, ma è vergognoso che la morte di babbo Bush sia trattata dai nostri telegiornali come quella di un santo.

Pubblicato in Canale5, Rai1, Rai2 | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Telegiornali vergognosi

Le Iene: Goro come Corleone

Le Iene (uno dei 2/3 programmi di inchiesta delle tv) ha mandato in onda mercoledi 14/11 un servizio sull’omicidio del giovane Willy Branchi, commesso 30 anni fa. Non parliamo del giallo. La cosa stupefacente è la scoperta che Goro (profondo nord) è proprio uguale a Corleone (profondo sud). Omertà diffusa fino alla complicità, e inefficienza sbalorditiva della Forze dell’Ordine.

Pubblicato in Italia1 | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Le Iene: Goro come Corleone

Scandali

Non è scandaloso che la tv mandi in onda roba come Grande Fratello o Uomini e donne. Il vero scandalo è che ci sia qualcuno che li guarda.

Pubblicato in TuttiCanali | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Scandali

Critiche giustissime

Non leggiamo più i giornali da decenni, vista la loro partigianeria e superficialità. Ma tutte le critiche portate ai giornalisti televisivi sono giustificatissime. Naturalmente la corporazione strilla in piazza perchè lei può criticare e insultare chiunque, ma nessuno può criticare lei. Speriamo che passi la proposta di togliere tutti i finanziamenti all’editoria (RAI compresa).

Pubblicato in TuttiCanali | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Critiche giustissime

Evviva!

C’è un nuovo reporter nell’agenzia di stampa di stato cinese Xinhua: un anchorman che potrebbe presto fare le scarpe a molti colleghi ma che nl contempo non è neppure reale: un avatar digitale sviluppato dal motore di ricerca Sogou e mosso da algoritmi di intelligenza artificiale scandirà le principali news del giorno. Lo ha annunciato la stessa Xinhua senza però rendere noto il nome assegnato al personaggio, che si occuperà insieme ad altri colleghi virtuali di leggere le notizie fornite dall’agenzia. Forse arriveremo a ridurre il bilancio dell’idrovora RAI!

Pubblicato in Rai1, Rai2, Rai3 | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Evviva!

Sport ipocrita e mafia come cultura nazionale

Le Iene di domenica 11 novembre hanno mandato in onda due servizi veramente buoni, per farci riflettere.

Il primo riguarda la legge del 4 aprile 2007che impone ai club di garantire biglietti gratuiti agli under 14. Ma tra call center, gare di cartello e limitazioni, trovare gli ingressi è un’odissea. Uno sport perbenista e di regime, che paga miliardi per brocchi vergognosi e che fa uno scandalo per una parolaccia (“perchè i giocatori sono miti dei giovani e devono essere un esempio”), vive da 11 anni nella illegalità proprio conro i giovanissimi.

Il secondo riguarda la Grande Distribuzione Organizzata (GDO) che si comporta esattamente come i mafiosi, gli strozzini, gli estorsori. La GDO è la prova che la mafia fa parte della cultura nazionale. Ma è anche la prova delle complicità a tutti i livelli. I piccoli produttori vengono ricattati e distrutti mentre gli enti preposti alla loro difesa tacciono: Assessorati al Commercio del Comune e della Regione; Ministero dello sviluppo economico; Anti-mafia; Anti-trust; Camere di Commercio; organizzazioni degli agricoltori. Tutti in silenzio…..

Grazie Iene !!!

Pubblicato in Italia1 | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Sport ipocrita e mafia come cultura nazionale

TG2 sempre peggio

Sabato 10-11 sera il TG2 ha confermato la sua partigianeria, per l’ennesima volta. Di fronte alla marcia Pro TAV un giornalista dice che erano 30.000, e un minuto dopo, un altro parla di 40.000. Ma passi, si intervistano solo i SI e nessun NO.
Segue un piccolo show di Renzi, non si capisce a che titolo. Renzi non ha alcuna carica. Forse sarà uno dei candidati alle primarie del PD, ma gli altri non vengono nemmeno nominati. Cosa aspettano a cacciare tutta la redazione del TG2?

Pubblicato in Rai2 | Contrassegnato | Commenti disabilitati su TG2 sempre peggio